un-quarto-dei-vodesi-e-immune-al-coronavirus
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
11 ore

Moderna: il nostro vaccino efficace contro varianti

Lo annuncia Stéphane Bancel, Ceo della casa farmaceutica, parlando all'Europarlamento
Svizzera
13 ore

Pro Juventute e pandemia: raddoppiato il numero di interventi

Quasi 100 i casi in cui l'organizzazione ha dovuto chiamare servizi di soccorso per una consulenza a fronte dei 57 del 2019
Svizzera
15 ore

Ufficio sanità pubblica: ok a ristoranti aperti come mense

L'accesso ai ristoranti permesso dalle 11 alle 14 solo a lavoratori del settore agricolo ed edile, agli artigiani e a chi esegue lavori di montaggio
Svizzera
15 ore

In Svizzera numero dei casi stabile, ma crollano i decessi

Sono 'solo' 7 i decessi registrati in 24 ore in tutta la Svizzera, 61 i ricoveri. Il trend dei contagi e l'incidenza restano tuttavia abbastanza stabili
Svizzera
17 ore

Berset: "entro l'estate vaccini a chi lo desidera"

Lo ha ribadito il Consigliere federale durante una visita in Argovia. In arrivo nuove forniture di vaccini
Svizzera
20 ore

Michael Schöll dirigerà l'Ufficio federale di giustizia

Nominata anche la nuova segretaria di stato della migrazione da gennaio 2022: Christine Schraner Burgener subentrerà a Mario Gattiker
Svizzera
1 gior

Cassis sul ‘caso Krähenbühl’: è un affare interno all’Onu

Il ministro degli esteri ticinese torna in un’intervista alla Rsi sulla vicenda sfociata nelle dimissioni dell’ex Commissario generale dell’Unrwa
Svizzera
1 gior

Aperture prudenti, UDC e PLR delusi, gli altri partiti no

Marco Chiesa, presidente Udc, definisce 'un affronto' le prudenti aperture decise dal Consiglio federale. Critico anche il Plr, la sinistra sostiene le misure
Svizzera
1 gior

Paesi a rischio, mezza Italia nella lista nera

I Paesi e regioni vengono inclusi nell'elenco dal momento in cui presentano un rischio di contagio superiore alla Svizzera
Svizzera
22.02.2021 - 15:290

Un quarto dei vodesi è immune al coronavirus

Quasi tutte le persone rilevate come immuni lo sono in quanto si sono infettate e hanno sviluppato gli anticorpi. Il 98% ha ancora gli anticorpi dopo 11 mesi

Un quarto dei vodesi ha sviluppato in questo momento anticorpi contro il coronavirus. Lo mette in risalto uno studio, secondo cui la quota di immuni, rispetto ai rilevamenti precedenti, è aumentata in tutte le categorie d'età. Tale protezione appare inoltre perdurare nel tempo.

Il tasso è salito dal 7% del giugno scorso e dal 17% di novembre fino al 25% (il margine di errore è di tre punti percentuali) attuale, evidenziano i risultati preliminari ottenuti da Unisanté, il centro universitario di medicina generale e sanità pubblica a Losanna, e comunicati oggi. Ciò dovrebbe permettere di frenare la diffusione del Covid-19 ed evitare una terza ondata, pur se non è sufficiente per controllare la pandemia in modo duraturo.

Lo studio SérocoViD fa parte del programma nazionale di ricerca Corona Immunitas. È condotto dal maggio 2020 da Unisanté su campioni rappresentativi della popolazione vodese, estratti a sorte. L'ultima analisi ha coinvolto oltre 1000 persone dai 15 anni in su.

Misurando il tasso di anticorpi presenti nel sangue, questi lavori permettono di stimare la proporzione di cittadini che hanno sviluppato difese immunitarie contro il morbo. Ciò si verifica dopo essere stati contagiati oppure vaccinati. La ricerca punta anche a capire come il virus si trasmette fra la gente.

Quasi tutte le persone immuni lo sono perché si sono infettate, ha affermato a Keystone-ATS Valérie D'Acremont, infettivologa presso Unisanté e professoressa all'Università di Losanna. Solo una cinquantina di partecipanti aveva in effetti già ricevuto il vaccino e per certi di loro l'organismo non ha nemmeno avuto il tempo di produrre gli anticorpi.

Quello che è particolarmente interessante è che, secondo quanto attesta lo studio, gli anticorpi sembrano rimanere per lungo tempo nel corpo dopo il passaggio della malattia. "Il 98% li aveva ancora, a volte anche a distanza di undici mesi dal contagio. È impressionante vedere la loro persistenza", ha aggiunto D'Acremont. L'esperta ha sottolineato come le reinfezioni siano molto poche.

Il tasso di infezione naturale - senza contare dunque i vaccinati - degli adulti fra i 20 e i 40 anni (27%) ora è solo leggermente superiore a quello registrato tra gli adolescenti (25%), mentre gli over 65 sono al 18%. Stando alla nota, ciò è dovuto probabilmente ai maggiori contatti fra generazioni avvenuti durante la seconda ondata, in particolare nel corso delle festività di fine anno.

Per gli autori dello studio, tale parziale immunizzazione, unita al programma di vaccinazione, dovrebbe permettere di impedire una terza ondata. Non vi è però da illudersi: da sola non può bastare per mettere una volta per tutte la museruola al coronavirus. Somministrare dosi di vaccini in maniera estesa, in primis ai più fragili, rimane indispensabile per raggiungere questo obiettivo.

La percentuale di immuni può tra l'altro variare sensibilmente da una regione all'altra. Ad esempio, si ritiene che in Romandia, dove l'epidemia ha colpito più duramente, sia più alta che altrove in Svizzera. A titolo di paragone, già lo scorso dicembre Ginevra ha annunciato che oltre un quinto dei suoi abitanti (22%) è stato trovato con gli anticorpi del Covid-19 nel proprio organismo.

© Regiopress, All rights reserved