23mila-ticinesi-sono-entrati-in-contatto-con-il-coronavirus
Il progetto Corona Immunitas Ticino è condotto dall’Istituto di salute pubblica dell’Usi e dal Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale della Sups (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Mendrisiotto
8 ore

Valle di Muggio: spazio pubblico, benessere degli anziani

Summer School, studenti e architetti all’opera: un passo in più a favore dell’interazione degli abitanti di Campora, Casima, Muggio, Cabbio e Bruzella.
Mendrisiotto
10 ore

Arzo ritrova la ‘Fontana dei pesci’. Senza le carpe di Rossi

La Città si appresta a posare di nuovo in paese la vasca in marmo. Ma della scultura dell’artista si sono perse le tracce
Bellinzonese
10 ore

Giorgio Lotti nuovo presidente del Lions Club Bellinzona e Moesa

Sostituirà l’uscente Sergio Pedrazzini. Negli ultimi due anni la fondazione ha potuto svolgere un’intensa attività benefica, nonostante la pandemia
Ticino
10 ore

‘Ricerca scientifica, il governo tenga conto dei nostri auspici’

La commissione Formazione sottoscrive il rapporto Ermotti-Lepori che ritiene evasa la richiesta di Polli per maggiori investimenti: ‘Ma per il futuro...’
Bellinzonese
10 ore

‘Un problema’ ferma la funicolare del Ritom

L’impianto resterà chiuso fino al 5 luglio. Per i viaggiatori ancora presenti nella regione sarà a disposizione un servizio di bus navetta
Luganese
10 ore

Cadempino, gli aumenti di stipendio tornano in Municipio

Il Consiglio comunale rinvia all’esecutivo la proposta di modifica dell’articolo del Regolamento organico dei dipendenti. Approvato il consuntivo.
Locarnese
11 ore

Bosco Gurin, quei tesori spesso nascosti

Da sabato il via alla stagione estiva, con una ricca offerta di svaghi per il tempo libero. In funzione la seggiovia e la slittovia
Ticino
11 ore

Il Ps: ‘Più assegni per aiutare le famiglie con minori’

L’obiettivo dell’iniziativa parlamentare socialista è togliere chi fa più fatica dalla povertà marcata, ed evitare che finisca in assistenza
Luganese
11 ore

Ucraina, Terre des hommes: salviamo la generazione futura

Alla vigilia della Conferenza sulla ricostruzione dell’Ucraina a Lugano, l’appello e le testimonianze dell’organizzazione per la protezione dell’infanzia
Bellinzonese
11 ore

Mercalibro in Piazza Buffi a Bellinzona

Appuntamento per mercoledì 6 dalle 11 alle 17. A seguire letture di racconti sulla Beat Generation al Bar Cervo
Mendrisiotto
12 ore

A Chiasso le opere dell’artista ucraino Ivan Turetskyy 

Fino al 24 luglio quattro oli e acrilico su tela saranno esposti a m.a.x. museo, Spazio Officina, Biblioteca e in Municipio
Locarnese
12 ore

‘Inchiesta amministrativa e capacità operativa due cose diverse’

Il capodicastero Sicurezza Zanchi e il comandante della Polcomunale di Locarno Bossalini difendono il proprio operato e quello dei loro agenti.
Luganese
12 ore

Pavimentazione fonoassorbente a Montagnola

I lavori si terranno nelle notti tra il 4 e il 9 luglio nella zona del nucleo, lungo un tratto di 300 metri
Bellinzonese
12 ore

La camminata Bellinzona-Locarno per celebrare Leonardo da Vinci

Il ‘Tour Leonardesco del Canton Ticino’ sarà inaugurato domenica 17 luglio con un facile percorso a piedi nel verde
Ticino
13 ore

‘Alla guida nessuna distrazione!’

Dipartimento istituzioni e Polizia cantonale rinnovano la raccomandazione
Mendrisiotto
13 ore

Coldrerio, in vigore l’ordinanza per gli incentivi energetici

Il documento segue l’approvazione del Regolamento. Un unico documento che permette al cittadino di farsi un’idea chiara sulle facilitazioni comunali.
Bellinzonese
13 ore

Airolo, visitabile il cantiere del secondo tubo del San Gottardo

Diverse possibilità per chi volesse saperne di più su questa ‘opera monumentale’ che trasformerà in parte il territorio comunale
29.09.2020 - 12:09
Aggiornamento: 20:35

23mila ticinesi sono entrati in contatto con il coronavirus

La presenza di anticorpi al SARS-CoV-2 è stata rilevata nell’11% del campione in Ticino. Si tratta del dato più alto a livello nazionale

Sarebbero circa 23mila i ticinesi adulti che sono entrati in contatto con il coronavirus. A rivelarlo sono i primi risultati del progetto Corona Immunitas Ticino condotto dall’Istituto di salute pubblica dell’Università della Svizzera italiana e dal Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale della Supsi, che analizza, fra l'altro, la sieroprevalenza di Sars-Cov-2 nella popolazione. Viene così confermato il fatto che «parte degli asintomatici sfuggono» alle statistiche delle autorità, attualmente basate sui tamponi effettuati, spiega a ‘laRegione’ Luca Crivelli, co-responsabile del progetto. Progetto che mira anche a coinvolgere bambini ed anziani.

In Ticino, a partire da luglio, 647 persone tra i 20 e i 64 anni (su 1'300 che partecipano alla prima fase dello studio) hanno effettuato un test sierologico, sviluppato dal Centro ospedaliero universitario vodese (Chuv), presso gli ospedali dell'Ente ospedaliero cantonale, che «ha giocato un ruolo essenziale nello studio». Dai risultati emerge che l'11% presenta anticorpi al Sars-Cov-2 e ciò significa che sono già entrati in contatto con il coronavirus. Se questa percentuale viene rapportata ai circa 210'000 adulti residenti nel cantone, ciò significherebbe che circa 23'000 di loro si sono già ammalati. Tuttavia, secondo i dati ufficiali del Cantone, dall'inizio della pandemia solo 3'640 (dato aggiornato a oggi) sono risultate positive al Covid-19. Come si spiega questa differenza? «Nei primi mesi i tamponi non venivano effettuati a tappeto, a tutti quelli che presentavano sintomi», precisa Crivelli. I risultati del test sierologico mostrerebbero dunque che «non sempre si riesce a individuare le persone asintomatiche». Un dato che non sorprende il professore della Supsi: «Già in aprile a Ginevra era emerso che nove persone positive su 10 non venivano ‘catturate’ dai test effettuati con il tampone».

‘Popolazione molto più sensibile in Ticino’

Lo studio Corona Immunitas viene svolto a livello nazionale e questo permette quindi di confrontare i risultati fra diversi cantoni. Stando ai dati attuali, in Ticino vi sarebbe la percentuale di persone che sono entrate in contatto con il virus più alta in tutta la Svizzera. Crivelli fa però notare che i dati di Ginevra raccolti a inizio maggio mostravano un tasso simile, del 10-11%. «Nel frattempo tale percentuale potrebbe essere aumentata, ma lo sapremo solo a novembre quando il cantone romando effettuerà nuovamente i test». In ogni caso, il numero di persone con gli anticorpi in Ticino è piuttosto alto. E nelle ultime settimane i nuovi contagi sono stabili (stando ai numeri diffusi dal Cantone). Cosa significa? «Penso che l’esperienza particolarmente difficile che abbiamo vissuto in Ticino – sottolinea Crivelli – ha reso la popolazione molto più sensibile alle misure di protezione e di sicurezza rispetto al resto della Svizzera». Il basso numero di contagi «non lo attribuirei al fatto che vi sono più persone immuni, ma al fatto che vi sia una migliore prevenzione e più attenzione». Lo studio mostra anche differenze a livello regionale: a Locarno il 15% sarebbe già entrato in contatto con il virus mentre a Bellinzona il 10%. Tuttavia, le rilevazioni si basano sul luogo (l'ospedale) nel quale è stato prelevato il sangue per il test sierologico e «non sono direttamente legate alla residenza». Si tratta quindi di dati «che vanno ancora approfonditi».

Molti casi non rilevati dalle statistiche ufficiali

A inizio luglio erano stati presentati i risalutati dei test sierologici effettuati dall'Ufficio del medico cantonale. In questo caso era emerso che circa il 9% della popolazione aveva gli anticorpi al coronavirus. Premettendo che quest'ultimo studio e quello di Corona Immunitas Ticino hanno usato test differenti e analizzato anche una popolazione diversa, secondo Crivelli si può comunque parlare di un aumento non indifferente della percentuale di persone entrate in contatto con il virus. «Se effettivamente questi due punti percentuali di differenza sono comparabili, visto che i test non sono tutto sommato molto diversi, ciò significa che molte più persone di quanto dicano le cifre ufficiali si sono contagiate». Insomma, i tamponi, anche se vengono effettuati molto più sistematicamente rispetto all'inizio della pandemia, sottostimano la reale diffusione del virus.

Il progetto Corona Immunitas Ticino per ora ha analizzato la popolazione adulta, per la quale il monitoraggio regolare dovrebbe proseguire «almeno fino a giugno», afferma il professore. Monitoraggio che permetterà di «seguire l’evoluzione nel tempo di questi anticorpi», ma anche di capire, attraverso la compilazione di questionari, l'impatto sociale ed economico della pandemia sulla popolazione, così come l'andamento dei sintomi, la percezione del rischio e comportamenti adottati per rallentare la diffusione del virus. Risultati in quest'ambito non sono ancora disponibili, ma sarà «molto interessante capire, ad esempio, come evolve la propensione di indossare la mascherina a seconda delle classi d’età».

Inoltre, in questi mesi non saranno più solo gli adulti ad essere testati e interrogati, «ma anche bambini, adolescenti e anziani». Particolarmente attesi sono i risultati dei test effettuati sui ragazzi, anche visto il ritorno a scuola che ha generato diverse preoccupazioni. «Per il momento le cose stanno andando bene nelle scuole, però sarà importante monitorare la situazione, in particolare con l’arrivo della stagione fredda», rileva Crivelli. Anche perché finora non sono stati effettuati molti studi sui bambini: quello «più rilevante è stato fatto a Zurigo» ed è emerso che «i bambini si contagiano nella stessa misura degli adulti». Tuttavia, il tasso di asintomatici è molto più alto: «89 bambini su 90 hanno contratto il coronavirus senza avere sintomi».



Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
corona immunitas sars-cov-2 sieroprevalenza
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved