23mila-ticinesi-sono-entrati-in-contatto-con-il-coronavirus
Il progetto Corona Immunitas Ticino è condotto dall’Istituto di salute pubblica dell’Usi e dal Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale della Sups (Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Cantone
Ticino
1 ora

Campeggi, nel 2021 il boom, ora il rientro nei ranghi

Dopo il milione e più di pernottamenti del 2021, la situazione dovrebbe tornare a livelli pre-pandemici. Patelli: ‘Inizio più che positivo’
Bellinzonese
1 ora

Strade e centri commerciali: cosa si è fatto e cosa manca

Sant’Antonino: il punto sulla viabilità dieci anni dopo la pianificazione che ha dimezzato l’area di vendita massima
Ticino
11 ore

Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo

Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Locarnese
13 ore

Gordola, ‘Littering: quando si passerà dalle parole ai fatti?’

Con un’interrogazione al Municipio, il Plr chiede se quanto pianificato per combattere il fenomeno sia stato attuato, altrimenti quando
Ticino
13 ore

Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero

Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
13 ore

È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc

Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Ticino
14 ore

Il futuro energetico al centro dell’assemblea dei fiduciari

I lavori inizieranno domani alle 16 presso Villa Negroni di Vezia, sede dell’istituto di formazione professionale del settore
Locarnese
14 ore

Orselina, i maggiorenni festeggiati dal Municipio

Dopo due anni di attesa, l’esecutivo ha potuto tornare a omaggiare i 18enni del Comune con una visita alla Madonna del Sasso
Luganese
14 ore

Il tempo libero lungo la Tresa

Analizzato da uno studio della Supsi, presentazione a Ponte Tresa
Locarnese
14 ore

Verzasca e Piano, torna la rassegna gastronomica

Dallo scorso 20 maggio, è partita la manifestazione mangereccia dedicata a prodotti locali e piatti della tradizione. Coinvolti undici ristoranti.
Luganese
15 ore

Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno

Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Bellinzonese
15 ore

Malattie genetiche rare, ‘La cucina di Manu’ dona 30mila franchi

La pubblicazione del ricettario in memoria di Manuela Righetti ha permesso di raccogliere l’importante somma per l’Associazione malattie genetiche rare
Luganese
15 ore

Besso pulita! in assemblea

Si parlerà anche dei disagi provocati dai lavori alla stazione Ffs di Lugano
Locarnese
15 ore

Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’

Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
Luganese
16 ore

Molestie all’Unitas, assemblea tesa

Allontanati i giornalisti, trapela malcontento; il Comitato attende l’esito dell’inchiesta
Locarnese
18 ore

San Nazzaro, annegamento al bagno pubblico

Si tratterebbe di un turista. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e gli agenti della Polizia cantonale e della Polizia lacuale
Grigioni
1 gior

Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti

L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
29.09.2020 - 12:09
Aggiornamento : 20:35

23mila ticinesi sono entrati in contatto con il coronavirus

La presenza di anticorpi al SARS-CoV-2 è stata rilevata nell’11% del campione in Ticino. Si tratta del dato più alto a livello nazionale

Sarebbero circa 23mila i ticinesi adulti che sono entrati in contatto con il coronavirus. A rivelarlo sono i primi risultati del progetto Corona Immunitas Ticino condotto dall’Istituto di salute pubblica dell’Università della Svizzera italiana e dal Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale della Supsi, che analizza, fra l'altro, la sieroprevalenza di Sars-Cov-2 nella popolazione. Viene così confermato il fatto che «parte degli asintomatici sfuggono» alle statistiche delle autorità, attualmente basate sui tamponi effettuati, spiega a ‘laRegione’ Luca Crivelli, co-responsabile del progetto. Progetto che mira anche a coinvolgere bambini ed anziani.

In Ticino, a partire da luglio, 647 persone tra i 20 e i 64 anni (su 1'300 che partecipano alla prima fase dello studio) hanno effettuato un test sierologico, sviluppato dal Centro ospedaliero universitario vodese (Chuv), presso gli ospedali dell'Ente ospedaliero cantonale, che «ha giocato un ruolo essenziale nello studio». Dai risultati emerge che l'11% presenta anticorpi al Sars-Cov-2 e ciò significa che sono già entrati in contatto con il coronavirus. Se questa percentuale viene rapportata ai circa 210'000 adulti residenti nel cantone, ciò significherebbe che circa 23'000 di loro si sono già ammalati. Tuttavia, secondo i dati ufficiali del Cantone, dall'inizio della pandemia solo 3'640 (dato aggiornato a oggi) sono risultate positive al Covid-19. Come si spiega questa differenza? «Nei primi mesi i tamponi non venivano effettuati a tappeto, a tutti quelli che presentavano sintomi», precisa Crivelli. I risultati del test sierologico mostrerebbero dunque che «non sempre si riesce a individuare le persone asintomatiche». Un dato che non sorprende il professore della Supsi: «Già in aprile a Ginevra era emerso che nove persone positive su 10 non venivano ‘catturate’ dai test effettuati con il tampone».

‘Popolazione molto più sensibile in Ticino’

Lo studio Corona Immunitas viene svolto a livello nazionale e questo permette quindi di confrontare i risultati fra diversi cantoni. Stando ai dati attuali, in Ticino vi sarebbe la percentuale di persone che sono entrate in contatto con il virus più alta in tutta la Svizzera. Crivelli fa però notare che i dati di Ginevra raccolti a inizio maggio mostravano un tasso simile, del 10-11%. «Nel frattempo tale percentuale potrebbe essere aumentata, ma lo sapremo solo a novembre quando il cantone romando effettuerà nuovamente i test». In ogni caso, il numero di persone con gli anticorpi in Ticino è piuttosto alto. E nelle ultime settimane i nuovi contagi sono stabili (stando ai numeri diffusi dal Cantone). Cosa significa? «Penso che l’esperienza particolarmente difficile che abbiamo vissuto in Ticino – sottolinea Crivelli – ha reso la popolazione molto più sensibile alle misure di protezione e di sicurezza rispetto al resto della Svizzera». Il basso numero di contagi «non lo attribuirei al fatto che vi sono più persone immuni, ma al fatto che vi sia una migliore prevenzione e più attenzione». Lo studio mostra anche differenze a livello regionale: a Locarno il 15% sarebbe già entrato in contatto con il virus mentre a Bellinzona il 10%. Tuttavia, le rilevazioni si basano sul luogo (l'ospedale) nel quale è stato prelevato il sangue per il test sierologico e «non sono direttamente legate alla residenza». Si tratta quindi di dati «che vanno ancora approfonditi».

Molti casi non rilevati dalle statistiche ufficiali

A inizio luglio erano stati presentati i risalutati dei test sierologici effettuati dall'Ufficio del medico cantonale. In questo caso era emerso che circa il 9% della popolazione aveva gli anticorpi al coronavirus. Premettendo che quest'ultimo studio e quello di Corona Immunitas Ticino hanno usato test differenti e analizzato anche una popolazione diversa, secondo Crivelli si può comunque parlare di un aumento non indifferente della percentuale di persone entrate in contatto con il virus. «Se effettivamente questi due punti percentuali di differenza sono comparabili, visto che i test non sono tutto sommato molto diversi, ciò significa che molte più persone di quanto dicano le cifre ufficiali si sono contagiate». Insomma, i tamponi, anche se vengono effettuati molto più sistematicamente rispetto all'inizio della pandemia, sottostimano la reale diffusione del virus.

Il progetto Corona Immunitas Ticino per ora ha analizzato la popolazione adulta, per la quale il monitoraggio regolare dovrebbe proseguire «almeno fino a giugno», afferma il professore. Monitoraggio che permetterà di «seguire l’evoluzione nel tempo di questi anticorpi», ma anche di capire, attraverso la compilazione di questionari, l'impatto sociale ed economico della pandemia sulla popolazione, così come l'andamento dei sintomi, la percezione del rischio e comportamenti adottati per rallentare la diffusione del virus. Risultati in quest'ambito non sono ancora disponibili, ma sarà «molto interessante capire, ad esempio, come evolve la propensione di indossare la mascherina a seconda delle classi d’età».

Inoltre, in questi mesi non saranno più solo gli adulti ad essere testati e interrogati, «ma anche bambini, adolescenti e anziani». Particolarmente attesi sono i risultati dei test effettuati sui ragazzi, anche visto il ritorno a scuola che ha generato diverse preoccupazioni. «Per il momento le cose stanno andando bene nelle scuole, però sarà importante monitorare la situazione, in particolare con l’arrivo della stagione fredda», rileva Crivelli. Anche perché finora non sono stati effettuati molti studi sui bambini: quello «più rilevante è stato fatto a Zurigo» ed è emerso che «i bambini si contagiano nella stessa misura degli adulti». Tuttavia, il tasso di asintomatici è molto più alto: «89 bambini su 90 hanno contratto il coronavirus senza avere sintomi».



Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
corona immunitas sars-cov-2 sieroprevalenza
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved