Inter
2
Venezia
1
2. tempo
(1-1)
Lazio
Atalanta
20:45
 
Ambrì
Davos
19:45
 
Friborgo
Lakers
19:45
 
Ginevra
Bienne
19:45
 
Lugano
Berna
19:45
 
Zugo
1
Langnau
0
1. tempo
(1-0)
GCK Lions
1
Olten
2
fine
(0-0 : 1-1 : 0-1)
Visp
3
Ticino Rockets
3
3. tempo
(0-0 : 2-1 : 1-2)
La Chaux de Fonds
2
Zugo Academy
0
1. tempo
(2-0)
Kloten
1
Sierre
0
1. tempo
(1-0)
BUF Sabres
4
PHI Flyers
2
1. tempo
(4-2)
il-turismo-chiede-aiuti-piu-rapidi-e-una-strategia-di-uscita
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

Zurigo: rilevata la temuta malattia di Newcastle

Diverse galline ovaiole di un’azienda zurighese sono state infettate dal virus altamente contagioso
Svizzera
4 ore

Berna: ancora proteste contro le misure Covid

La dimostrazione, non autorizzata, ha coinvolto circa 2’000 persone, e si è tenuta alla presenza di un nutrito contingente di poliziotti
Svizzera
4 ore

Segue il navigatore e guida contromano per 12 km sulla A2

La conducente, una 64enne, stava percorrendo la galleria del Seelisberg alle due di notte quando, su indicazione del Gps, ha fatto inversione di marcia
Svizzera
6 ore

Il Long Covid causa 1’800 richieste pendenti all’AI

Le persone interessate denunciano sintomi quali estrema stanchezza, mancanza del respiro, difficoltà di concentrazione
Svizzera
10 ore

Sommaruga: ‘situazione energetica tesa, ci stiamo preparando’

Il governo dovrebbe obbligare dal prossimo inverno le aziende del settore a prevedere riserve d’emergenza di energia idroelettrica
Svizzera
10 ore

Berset vede la fine del certificato Covid

Secondo il ministro della sanità ‘il periodo del certificato sembra arrivare alla fine’
Svizzera
14 ore

Un divieto tra etica e bisogni della scienza

Il 13 febbraio ennesima votazione sul tema della sperimentazione animale. Una questione controversa. Le opinioni di una favorevole e di un contrario
Svizzera
1 gior

Impressum per il ‘sì’ all’aiuto ai media

I delegati della più grossa associazione di giornalisti si esprimono all’unanimità
Svizzera
1 gior

Svizzeri ben disposti a cambiare lavoro

Dallo scoppio della pandemia ha cambiato occupazione una persona su quattro, in cerca di un migliore equilibrio tra attività professionale e vita privata
Svizzera
1 gior

Il World Economic Forum sarà a Davos dal 22 al 26 maggio

Il tema del Wef, inizialmente previsto in gennaio, sarà “Lavorare insieme, ripristinare la fiducia” (Working Together, Restoring Trust)
05.02.2021 - 17:150
Aggiornamento : 18:31

Il turismo chiede aiuti più rapidi e una strategia di uscita

I rappresentanti del settore turistico chiedono che gli aiuti per i casi di rigore arrivino in fretta e che sia pianificata l'uscita dal semiconfinamento

a cura de laRegione

In un vertice online con il Consiglio federale e i Cantoni, i rappresentanti del settore turistico hanno chiesto oggi un versamento più rapido degli aiuti per i casi di rigore, maggiore coordinazione fra test e vaccinazioni e una strategia di uscita dal semiconfinamento a partire da marzo. Le aziende dipendono dalla sicurezza della pianificazione, è stato sottolineato.

Il settore è consapevole che potrà riprendere il lavoro lungo l'intera catena solo se ci sarà un calo durevole del numero di casi, ha indicato la Federazione svizzera del turismo in una nota diffusa dopo l'incontro con il presidente della Confederazione Guy Parmelin e i consiglieri federali Alain Berset e Ueli Maurer.

La federazione considera quindi imperativa una strategia rapida e coordinata di test e vaccinazioni: anche nell'ambito dei viaggi internazionali e delle frontiere aperte. Secondo chi opera nel turismo, l'attuale regime di test deve essere adattato seguendo l'esempio dei Grigioni.

L'organizzazione chiede inoltre un approccio rapido alle vaccinazioni, compreso un chiaro calendario nazionale sulle opportunità di vaccinazione per la popolazione svizzera in generale. Non appena sarà disponibile, il settore sarà pronto ad agire come ambasciatore e a promuovere la causa, prosegue la nota.

I cinque miliardi per i casi di rigore devono inoltre imperativamente raggiungere le aziende, perché per molte di loro ogni giorno conta, aggiunge il settore, precisando che la Confederazione deve garantire un sostegno economico rapido e non burocratico. "Ciò di cui c'è bisogno ora sono processi pragmatici come quelli che sono stati istituiti in un breve lasso di tempo nella primavera del 2020. Le imprese in salute che hanno buone prospettive di sviluppo non devono essere costrette a dichiarare bancarotta perché il sostegno a cui hanno diritto per legge arriva troppo tardi".

Secondo il settore turistico, se la situazione epidemiologica lo permette, il lockdown deve essere revocato gradualmente a partire da marzo 2021. La strategia di uscita dovrebbe essere resa trasparente e comprensibile sulla base di un sistema di indicatori: ad esempio, per quanto riguarda il numero di nuove infezioni, le capacità ospedaliere o il tasso di persone a rischio già vaccinate.

CF: attuata vasta gamma di misure

In una nota, il Governo riconosce che il turismo è particolarmente colpito dalla pandemia. Per attenuare le ripercussioni negative, il Consiglio federale ricorda che "sta attuando una vasta gamma di misure." Secondo l'Esecutivo, gran parte delle perdite di fatturato ha potuto essere compensata con le indennità per lavoro ridotto e con le indennità di perdita di guadagno per Covid-19.

Le imprese particolarmente colpite hanno inoltre accesso ai programmi cantonali per i casi di rigore, di cui la Confederazione finanzia la maggior parte dei costi, ricorda Berna, aggiungendo che i criteri di ammissibilità sono stati molto allentati per tenere in maggior considerazione le esigenze delle aziende con attività a carattere stagionale.

In parallelo, il Dipartimento federale delle finanze (DFF) e quello dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR) stanno esaminando le questioni ancora in sospeso, rivalutando costantemente gli strumenti per attenuare le conseguenze della crisi.

All'incontro hanno partecipato rappresentanti di Gastrosuisse, Hotelleriesuisse, Parahotellerie Svizzera, Funivie svizzere, la Conferenza dei direttori degli enti regionali del turismo, la Rete dei parchi svizzeri, l'Unione dei trasporti pubblici, l'Associazione svizzera dei manager del turismo, Swiss Snowsports e l'Associazione delle aziende svizzere di navigazione.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved