ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
12 ore

‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’

A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
15 ore

Domenica di bocciature a livello cantonale

La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
17 ore

Allevamento intensivo: il no è netto

La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
17 ore

Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti

Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
18 ore

Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni

La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
Svizzera
19 ore

Ambasciatore ucraino a Berna, no asilo per disertori russi

Preoccupano i migliaia di russi in fuga dal loro Paese per evitare il reclutamento, si teme che tra loro vi siano spie di Putin
Svizzera
23 ore

Una votazione che ha lasciato col fiato sospeso

Le urne sono chiuse, è iniziato lo spoglio delle schede. I risultati in tempo reale
Svizzera
1 gior

C’è tempo fino a mezzogiorno per votare

Svizzeri alle urne su Avs, imposta preventiva e allevamento intensivo
Svizzera
1 gior

Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto

La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
1 gior

Se il vaccino è ‘da buttare’

Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
21.01.2021 - 20:21
Aggiornamento: 20:56

Più vaccini da febbraio in Svizzera, Berset sprona i cantoni

Saranno pubblicati da domani i dati sulle vaccinazioni eseguite. Il ministro della sanità: le operazioni devono avanzare più velocemente.

piu-vaccini-da-febbraio-in-svizzera-berset-sprona-i-cantoni
Keystone
Engelberger e Berset

Berna – Difficoltà nelle forniture, problemi di distribuzione, crash informatici: è tormentato l’inizio della campagna di vaccinazione in Svizzera. Ma dalla metà di febbraio in poi arriveranno più vaccini. E il ministro della sanità Alain Berset sprona i cantoni: «Le operazioni devono avanzare più velocemente». La sollecitazione giunta questa sera da Berna fa il paio con quella del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie. L’agenzia dell’Ue ha invitato gli Stati membri a preparare misure più rigorose e ad accelerare con le vaccinazioni, per far fronte ai rischi legati alle varianti più infettive del coronavirus.

La novità: da domani saranno disponibili i dati sul numero di vaccinazioni eseguite (quante ne sono state fatte finora, quante dosi sono state utilizzate, a quante persone sono state somministrate); in seguito verranno pubblicati due volte alla settimana. Lo ha promesso Berset in una conferenza stampa al termine di un colloquio con Lukas Engelberger, presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità pubblica (Cds). I dati avrebbero dovuto essere disponibili già da martedì, ma problemi tecnici hanno fatto slittare la scadenza. I cantoni saranno obbligati a comunicare i dati all’Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp). L’obiettivo: accrescere le capacità il più velocemente possibile. A partire da febbraio ogni cantone dovrebbe poter contare su 525 dosi ogni 100mila abitanti, sette giorni su sette. In giugno, ha aggiunto il consigliere federale, le capacità dovranno essere moltiplicate per tre, ossia 1'550 dosi al giorno per 100mila abitanti.

Ritmi diversi

Adesso però c’è un problema. Anche in Svizzera la fornitura del preparato di Pfizer/Biontech è rallentata. Un simile collo di bottiglia lo si era messo in conto, ha tenuto a sottolineare Berset, che ha lodato la scelta di non puntare su un unico vaccino, ma di diversificare le fonti di approvvigionamento. La situazione non dovrebbe mutare fino a metà febbraio, dopodiché – ha spiegato Virginie Masserey dell’Ufsp.

Tra i cantoni, c’è chi va veloce e chi meno. In alcuni, ad esempio, vi sono persone che sono state già vaccinate due volte. Lukas Engelberger ha ammesso che l’avvio dell’intera operazione è stato un po’ macchinoso, ma adesso la situazione è molto migliorata. Il presidente della Cds ha detto di comprendere l’impazienza serpeggiante tra la popolazione, specie per quelle persone che appartengono a gruppi a rischio che non hanno ancora potuto accedere al vaccino. A suo avviso i cantoni «fanno del loro meglio». Ma siccome il desiderio di proteggersi è alto, devono darsi da fare per soddisfarlo. Non bisogna però dimenticare, ha sottolineato il basilese, che si tratta di un’azione di amplissima portata che il sistema sanitario elvetico non sperimenta da decenni.

Testare di più

Per Engelberger, inoltre, i cantoni devono testare maggiormente al fine di proteggere al meglio le categorie a rischio. I test di massa, già realtà in alcuni cantoni, vanno eseguiti in maniera sistematica e regolare. Attualmente sono in corso riflessioni su chi debba pagare simili operazioni, ora a carico degli stessi cantoni. Dal canto suo, Berset ha spiegato che i test di depistaggio del coronavirus per il personale attivo nelle case di riposo e di cura sono stati consigliati già in dicembre. Ed esiste ancora del potenziale per testare più persone, anche nelle scuole e tra le persone asintomatiche, ha detto il ministro della sanità.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved