la-pandemia-aumenta-i-sintomi-depressivi-a-rischio-i-giovani
(Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

Più donne nei politecnici federali: c’è una strategia

In futuro 13 milioni di franchi all'anno verranno destinati alla promozione dell'uguaglianza di genere
Svizzera
2 ore

La svolta energetica in Svizzera parla al femminile

A dieci anni dal disastro nucleare di Fukushima l'ex ministra elvetica Doris Leuthard ricorda come aveva reagito il governo
Svizzera
17 ore

Un ristorante su cinque ha già abbassato le serrande (per sempre)

Il dato emerge da un sondaggio di Gastrosuisse, secondo cui solo un esercizio su tre potrà sopravvivere alla crisi senza una compensazione finanziaria
Svizzera
18 ore

I farmaci importati illegalmente diminuiscono

E si tratta sempre, prevalentemente, di stimolanti per l'erezione. Per quanto riguarda i Paesi d'origine, Singapore scavalca l'India, una novità.
Svizzera
19 ore

Terre des hommes, le arance dalle bancarelle al web

Con il coronavirus che serpeggia fra la popolazione, la tradizionale vendita è impedita nella forma abituale
Svizzera
20 ore

Antenna 5G in fiamme nel canton Berna

L’impianto appartiene alla Swisscom, che ha sporto denuncia. La polizia sospetta il dolo.
Svizzera
21 ore

In Svizzera 1'223 casi e nove decessi nelle ultime 24 ore

Il tasso di riproduzione si attesta a 1.07, al di sopra del livello fissato dal Consiglio federale come criterio per le prossime riaperture
Svizzera
22 ore

Nessun veto del parlamento su decisioni del Consiglio federale

Il Consiglio degli Stati ha bocciato l'iniziativa di Thomas Minder. Accolta invece la proposta di 'liberare' dalla quarantena le persone vaccinate
Svizzera
21.01.2021 - 16:200

La pandemia aumenta i sintomi depressivi, a rischio i giovani

Lo indica la task force Covid-19 del Consiglio federale. Dal 9% di persone con sintomi depressivi gravi di aprile ad aprile si è passati al 18% a novembre

La percentuale di persone con gravi sintomi depressivi è aumentata in modo significativo nel corso della seconda ondata pandemica. Dal 9% della prima ondata primaverile si è passati al 18% di novembre. A rischio sono in particolare i giovani.

Lo indica la Task Force Covid-19 istituita dal Consiglio federale sulla base dei risultati estrapolati dal terzo sondaggio dello Swiss Corona Stress Study relativo al periodo compreso tra l’11 e il 19 novembre 2020, a cui hanno preso parte 11 612 persone provenienti da tutta la Svizzera.

Malattia e lockdown fattori di stress

I livelli di stress hanno subito un aumento significativo rispetto al primo sondaggio, eseguito durante il lockdown di aprile 2020. L’incremento dello stress è stato accompagnato da una crescita dei sintomi depressivi. I fattori associati a stress psicologico e sintomi depressivi includevano le preoccupazioni dovute a cambiamenti nell’ambito lavorativo, scolastico o formativo legati al coronavirus, perdite finanziarie e timori per il futuro.

Tutti questi fattori di stress hanno subito un sensibile incremento rispetto al periodo ad aprile. Altri fattori comprendevano il timore che qualcuno della propria cerchia ristretta si ammalasse gravemente o morisse, così come le restrizioni sociali e l’aumento dei conflitti in casa.

Soprattutto giovani

La percentuale degli intervistati con sintomi depressivi gravi, che era del 3% prima della pandemia, del 9% durante il lockdown di aprile e del 12% durante il parziale allentamento di maggio, ha quindi raggiunto il 18% a novembre.

Il rischio di sintomi depressivi gravi era associato all’età (più alto nei soggetti compresi tra 14 e 24 anni) e cresceva nelle persone che avevano subito perdite finanziarie a causa dei provvedimenti restrittivi.

Romandia

Inoltre, gli abitanti della Romandia, maggiormente colpita dalla pandemia nel corso della seconda ondata, erano soggetti a un rischio più elevato di sintomi depressivi gravi rispetto agli abitanti del resto della Svizzera.

Studi esteri indicano, che gli operatori sanitari che lavorano nelle terapie intensive sono soggetti a un rischio maggiore di problemi di salute mentale

Le contromisure

La Task Force non si limita ad illustrare il fenomeno ma propone anche alcune contromisure per attenuare gli effetti della pandemia sulla salute mentale delle persone.

Oltre a ridurre il numero dei casi e prevenire ondate future, chiede di compensare le perdite finanziarie imputabili alle misure di protezione e ad organizzare contromisure volte a ridurre lo stress nelle scuole/università.

La copertura dei costi per i trattamenti psicologici/psichiatrici a distanza andrebbe mantenuta e la popolazione sensibilizzata riguardo ai problemi di salute mentale e le opzioni di trattamento, promuovendo misure preventive, come l’attività fisica.

© Regiopress, All rights reserved