discriminazioni-di-genere-accolto-un-ricorso-su-tre
Keystone
Ancora lungo il cammino verso la parità
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
23 min

Più donne nei politecnici federali: c’è una strategia

In futuro 13 milioni di franchi all'anno verranno destinati alla promozione dell'uguaglianza di genere
Svizzera
1 ora

La svolta energetica in Svizzera parla al femminile

A dieci anni dal disastro nucleare di Fukushima l'ex ministra elvetica Doris Leuthard ricorda come aveva reagito il governo
Svizzera
16 ore

Un ristorante su cinque ha già abbassato le serrande (per sempre)

Il dato emerge da un sondaggio di Gastrosuisse, secondo cui solo un esercizio su tre potrà sopravvivere alla crisi senza una compensazione finanziaria
Svizzera
18 ore

I farmaci importati illegalmente diminuiscono

E si tratta sempre, prevalentemente, di stimolanti per l'erezione. Per quanto riguarda i Paesi d'origine, Singapore scavalca l'India, una novità.
Svizzera
18 ore

Terre des hommes, le arance dalle bancarelle al web

Con il coronavirus che serpeggia fra la popolazione, la tradizionale vendita è impedita nella forma abituale
Svizzera
20 ore

Antenna 5G in fiamme nel canton Berna

L’impianto appartiene alla Swisscom, che ha sporto denuncia. La polizia sospetta il dolo.
Svizzera
21 ore

In Svizzera 1'223 casi e nove decessi nelle ultime 24 ore

Il tasso di riproduzione si attesta a 1.07, al di sopra del livello fissato dal Consiglio federale come criterio per le prossime riaperture
Svizzera
21 ore

Nessun veto del parlamento su decisioni del Consiglio federale

Il Consiglio degli Stati ha bocciato l'iniziativa di Thomas Minder. Accolta invece la proposta di 'liberare' dalla quarantena le persone vaccinate
Svizzera
22 ore

Virata a sinistra col voto giovane? ‘Timori infondati’

La Svizzera 30 anni fa introduceva il diritto di voto e di eleggibilità per i 18enni, ora si apre uno spiraglio per i 16enni. Ne parliamo con Marc Bühlmann.
Svizzera
21.01.2021 - 16:160
Aggiornamento : 19:43

Discriminazioni di genere, accolto un ricorso su tre

Giurisprudenza del Tribunale federale sotto la lente. Le raccomandazioni: estendere il diritto d’azione delle organizzazioni e alleviare l’onere della prova.

Berna – In futuro, in caso di discriminazioni basate sul sesso, andrebbe esteso il diritto di azione delle organizzazioni o alleviato l'onere della prova nei casi di molestie sessuali e discriminazione nelle assunzioni. Sono alcune delle raccomandazioni formulate da uno studio dell'Università di Ginevra pubblicato oggi dall'Ufficio federale per l'uguaglianza fra donna e uomo (Ufu) basato sulle sentenze del Tribunale federale (Tf) in merito all'applicazione della legge sulla parità dei sessi.

Dallo studio emerge che la massima istanza giudiziaria elvetica ha accolto il 27% dei ricorsi, due terzi dei quali riguardano la discriminazione salariale, specie nel settore pubblico: a tale riguardo, il 40% è stato accolto. I ricorsi per molestie sessuali, provenienti soprattutto dalla Romandia, sono stati accettati nella misura del 29%, quelli per licenziamento discriminatorio nel 7% dei casi. Ciò non significa però che in questi casi la parte salariata vinca anche la causa, perché spesso i giudici rinviano il caso all'autorità inferiore per una nuova decisione.

La ricerca prende in esame 81 sentenze pronunciate dal Tf tra il 2004 e il 2019: di queste 81 decisioni, 51 riguardano il settore pubblico (51), in particolare gli ambiti della formazione e della sanità. I Cantoni maggiormente rappresentati sono Ginevra e Zurigo. La maggior parte dei ricorrenti sono lavoratrici con più di 50 anni. I ricorsi per discriminazione legata alla maternità sono rari, rispetto a quanto accade nei cantoni, si legge nel documento.

Differenza tra pubblico e privato

Lo studio non ha potuto stabilire con certezza se le persone che hanno un impiego retto dal diritto privato ricorrano meno al Tf perché temono maggiormente di perdere il posto.

Certo è che per il personale statale è più facile adire le vie legali, poiché il rischio finanziario è minore: se soccombe la parte salariata si assume solo le spese processuali e non quelle ripetibili all'autorità pubblica. Inoltre, il pericolo di perdere il lavoro è inferiore rispetto a chi ha un contratto di diritto privato.

Dall'analisi emerge anche che a rivolgersi a Losanna sono soprattutto i privati; le organizzazioni esercitano con molta prudenza il proprio diritto di azione.

Le raccomandazioni

Sulla base di questa analisi, per gli autori della ricerca andrebbe migliorato l'accesso alla giustizia in caso di discriminazione nella vita professionale, per esempio rafforzando il diritto di azione delle organizzazioni o riconsiderando l'opportunità di estendere l'alleviamento dell'onere della prova ai casi di molestie sessuali e discriminazione nelle assunzioni (sull'esempio del diritto europeo). Ciò significherebbe che le o i ricorrenti non dovrebbero più dimostrare la discriminazione, ma soltanto renderla verosimile.

Secondo lo studio andrebbe inoltre migliorata la formazione continua delle e dei giudici, delle avvocate e degli avvocati e dei membri delle autorità di conciliazione e rafforzata l'informazione del pubblico sulla legge sulla parità dei sessi.
 
 

© Regiopress, All rights reserved