mutandine-mestruali-al-via-due-start-up-svizzere
La creatrice di Ouna, Stelina Lorieux (Keystone)
15.01.2021 - 11:42
Aggiornamento: 12:44
Ats, a cura de laRegione

Mutandine mestruali, al via due start up svizzere

Due team vallesani, calati su un mercato ancora poco conosciuto in Svizzera, voglio offrire 'un'alternativa efficiente, confortevole ed ecologica'.

Due start-up vallesane si sono lanciate sul mercato delle mutandine mestruali, ancora poco conosciuto in Svizzera. Le loro fondatrici vogliono offrire un'alternativa "efficiente, confortevole ed ecologica" ai classici assorbenti, il cui usa e getta causa tossicità. Il primo atelier è quello di Stélina Lorieux, che a Veysonnaz ha iniziato a produrre le mutande Oûna, 'Luna' nel dialetto locale (1074 ordinazioni già ottenute). La seconda start-up, Gaya, è diretta da Chloé Bazzi ed Elodie Schenk (già raccolti 60mila franchi che consentirebbero di avviare la produzione). Il successo dei due progetti testimonia un forte interesse della clientela per questo genere di prodotti 'zero waste' (senza rifiuti), molto diffusi in Francia. Nei grandi magazzini vi sono già alcuni prodotti esteri di questo genere, ma di qualità piuttosto scarsa, soprattutto per quanto concerne il tessuto.

Nelle mutandine mestruali, il nucleo è costituito da un tessuto assorbente per la raccolta del sangue, foderato con una membrana impermeabile per evitare perdite. Il terzo strato traspirante, in bambù o cotone, mantiene asciutta la superficie a contatto con la pelle: "Nessun odore, nessun effetto pannolino", promette Chloé Bazzi. Una volta sciacquati in acqua fredda, gli slip rinforzati possono essere lavati in lavatrice a 30 o 40°C e poi messi ad asciugare all'aria aperta. Se utilizzate con cura, possono durare dai tre ai sette anni. Il costo è di circa 60 franchi il paio.

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
assorbenti mutandine mestruali start up
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved