sei-cantoni-romandi-contro-le-misure-del-consiglio-federale
(Keystone)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

Infermieri, via libera al progetto per rafforzare la professione

La Commissione della sanità della camera alta ha approvato il disegno governativo, prima tappa dell’attuazione dell’iniziativa popolare accettata nel 2021
gallery
Svizzera
7 ore

Militanti imbrattano la sede della Sefri

L’organizzazione ambientalista Renovate Switzerland chiede di accelerare il risanamento termico degli edifici
Svizzera
7 ore

Covid, registrate 5’900 reazioni avverse al vaccino

Swissmedic: ‘I risultati non incidono sul rapporto rischi-benefici’. Più della metà delle segnalazioni sono state fatte da pazienti o familiari.
Svizzera
8 ore

Molestie sessuali, allarme nella polizia di Losanna

Un sondaggio ha mostrato che più della metà del personale ha subito questo tipo di abuso.
Svizzera
8 ore

Cassis allenatore di un Consiglio federale ‘multi-tasking’

Per il presidente della Confederazione, la gita annuale dell’Esecutivo è ‘un’occasione per formare lo spirito di squadra’
Svizzera
9 ore

Estate e voglia di viaggi, l’Ustra avverte: attenzione alle code

Dopo due anni di pandemia, la gente ritrova il piacere delle vacanze. Ma i problemi di compagnie aeree e aeroporti rischiano di intasare le strade
Svizzera
9 ore

Swiss lascia a terra il Contratto collettivo di crisi

Da inizio 2023 la compagnia aerea controllata da Lufthansa abolirà gradualmente le misure d’emegenza prese in tempo di pandemia
Svizzera
10 ore

Si invaghisce via social di un medico dell’Onu. Ma è una truffa

Una 62enne argoviese è stata raggirata e frodata per diverse decine di migliaia di franchi. La polizia: ‘State in guardia: malfattori abili’
Svizzera
11 ore

Da oggi migliore localizzazione per le chiamate d’emergenza

Le informazioni, provenienti dai telefoni e dai pulsanti Sos delle auto, devono essere automaticamente inoltrate alla centrale d’allarme competente
Svizzera
11 ore

Aeroporto Zurigo, guasto ai check-in: operazioni a rilento

La causa è un malfunzionamento del sistema. I passeggeri vengono registrati manualmente.
Svizzera
11 ore

Retromarcia sui binari: le Ffs rinunciano ai treni bipiano

Problemi con la compensazione del rollio: quando i convogli saranno giunti a fine vita, saranno rimpiazzati da materiale rotabile standard
Svizzera
12 ore

Decolli e atterraggi stabili all’aeroporto di Zurigo

In giugno il traffico aereo al principale scalo svizzero ha ricalcato il volume del mese precedente, ma è ancora distante dall’era pre-pandemia
Svizzera
13 ore

Da domani nel piatto solo alimenti esteri. A livello statistico

L’agricoltura nazionale copre solo il 52% del fabbisogno della popolazione svizzera. E il 2 luglio cade il ‘Food Overshoot Day’
Svizzera
13 ore

Alcolici ai minorenni? Online è facile aggirare i controlli

La Croce Blu zurighese denuncia Coop e Denner: da test condotti dalla Fondazione Dipendenze Svizzera, oltre il 90% dei partecipanti ci è riuscito
Svizzera
13 ore

Cumulus contro Certo, è braccio di ferro tra Migros e Cembra

Chiusa la lunga collaborazione sul fronte delle carte di credito, è confronto aperto per contendersi i clienti
09.12.2020 - 18:09
Aggiornamento: 19:07

Sei cantoni romandi contro le misure del Consiglio Federale

Friburgo, Vaud, Neuchâtel, Vallese, Giura e Berna non approvano l'imposizione di misure rigide ai cantoni che 'hanno assunto le proprie responsabilità'

I governi di sei cantoni romandi - Friburgo, Vaud, Neuchâtel, Vallese, Giura e Berna - "non possono accettare" che il Consiglio federale voglia imporre misure così restrittive per contrastare il coronavirus a cantoni che "hanno assunto le proprie responsabilità".

Dopo l'annuncio di ieri del governo federale i sei Cantoni romandi "tengono ad esprimere la loro posizione comune sulle ultime misure di lotta contro il coronavirus", si legge in un comunicato congiunto diffuso in serata. Essi "sono in disaccordo sull'ampiezza del nuovo dispositivo e deplorano la maniera con cui esso è stato preparato".

I Cantoni chiedono in particolare quattro modifiche tra le proposte di Berna: in primo luogo permettere incontri fino a 10 persone nel fine settimana del 19 e 20 dicembre, considerando che numerosi lavoratori mobilitati dalla crisi, soprattutto personale di cura, non potranno festeggiare Natale il 24-25-26 dicembre.

In secondo luogo i Cantoni romandi considerano la chiusura dei bar alle 19.00 tollerabile, ma quella dei ristoranti no. Essi non vogliono nemmeno misure specifiche supplementari per le domeniche e i giorni festivi. Infine auspicano che i teatri, i cinema e le sale per spettacoli possano accogliere fino a 50 persone.

Sul piano istituzionale i Cantoni romandi non possono accettare la precipitazione con cui le misure non differenziate sono state poste in consultazione, senza tener conto degli sforzi già compiuti, si legge ancora nel comunicato. Essi chiedono "l'instaurazione di un dialogo confederale che permetta una migliore presa in considerazione del parere dei Cantoni e una migliore prevedibilità delle potenziali misure."

Eventuali nuove restrizioni decise dalla Confederazione dovranno essere compensate con aiuti finanziari federali importanti ai settori interessati. Ai Cantoni che per sei settimane si sono assunti le proprie responsabilità e hanno preso decisioni difficili vanno inoltre accordati aiuti supplementari, esigono i sei Cantoni romandi.

Misure hanno sorpreso e irritato tutti i governi romandi

Stamani, durante le domande nel legislativo cantonale, il ministro giurassiano Jacques Gerber aveva affermato che "gli annunci del Consiglio federale di ieri alle 18.30 hanno sorpreso e irritato tutti i governi cantonali della Svizzera romanda, ve lo posso assicurare". "Siamo stati in contatto quasi tutta la notte per definire una strategia", ha aggiunto avvertendo: "reagiremo con forza nei confronti del Consiglio federale nella presa di posizione".

Oltre che per le stesse nuove misure, il governo giurassiano non ha neppure apprezzato il modo in cui Berna ha comunicato. "È la prima volta dall'inizio di questa crisi che il Consiglio federale ci mette di fronte al fatto compiuto. Va alla stampa prima di consultare i Cantoni", ha osservato Gerber.

In giornata Neuchâtel ha indicato di deplorare l'intervento del Consiglio federale nel momento in cui il Cantone si appresta a riaprire i propri esercizi pubblici. "Abbiamo l'impressione di essere gli zimbelli della compagnia", ha dichiarato Alain Ribaux, responsabile della sicurezza e della cultura.

Da parte sua il consigliere di Stato vallesano Christophe Darbellay ha espresso la sua delusione su Facebook: "Il Consiglio federale ha puntato sul federalismo. I romandi si sono assunti le proprie responsabilità. Perché ignorarli stasera?". Mentre il consigliere nazionale vallesano Philippe Nantermod ha chiesto sulle reti sociali misure differenziate a seconda dei cantoni e della loro situazione. Egli considera l'annuncio del Consiglio federale una "risposta tardiva, disordinata, scandalosa nei confronti di chi vuole riprendere la propria attività dopo oltre un mese di chiusura".

Scontento pure l'esecutivo di Basilea Campagna: l'approccio del Consiglio federale "rappresenta una grave minaccia per la cooperazione confederale", ha criticato in un comunicato. Il Consiglio di Stato ha quindi deciso di sospendere l'applicazione delle misure da lui annunciate ieri in attesa che il Consiglio federale illustri le proprie disposizioni venerdì. Ciò "per evitare che decisioni contrastanti della Confederazione e dei Cantoni destabilizzino la popolazione".

Ma c'è anche chi è soddisfatto

Da parte sua il Consiglio di Stato bernese accoglie invece con favore la volontà del Consiglio federale di uniformare a livello nazionale le misure di contenimento dell'epidemia di coronavirus. Tuttavia considera alcune disposizioni troppo severe.

Il governo argoviese sostiene per contro appieno le proposte del Consiglio federale: vanno nella direzione prevista dal Cantone per le prossime settimane, scrive la Cancelleria di Stato in un comunicato odierno. Viene inoltre apprezzato il fatto che le nuove disposizioni dovrebbero valere su tutto il territorio nazionale.

Intanto il canton San Gallo, particolarmente colpito attualmente dal coronavirus, ha lanciato un appello al Consiglio federale affinché dichiari la situazione straordinaria. Ha pure deciso di non introdurre misure supplementari e di attendere le restrizioni federali che saranno annunciate venerdì, che "su molti punti" vanno oltre quelle che il Consiglio di Stato prevedeva di presentare oggi.

Glarona ha invece ridotto oggi a dieci il numero massimo di persone che possono partecipare ad eventi pubblici e privati (con eccezioni). Le stazioni invernali e gli impianti di risalita dovranno presentare entro venerdì al Cantone un piano di protezione per ottenere il permesso di aprire.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
berna consiglio federale friburgo giura neuchâtel vallese vaud
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved