ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
33 min

Syndicom: basta molestie e sessismo nelle redazioni

Sulla scia delle rivelazioni su casi di mobbing e sessismo presso una testata del gruppo Tamedia, il sindacato dei media reclama un cambio di cultura
Svizzera
37 min

Niente da fare per l’iniziativa per pensioni eque

I promotori gettano la spugna: l’obiettivo delle 100 mila firme entro il 7 marzo resta una chimera
Svizzera
44 min

Grindelwald, fiamme in una stazione della seggiovia

L’incendio si è sviluppato nella struttura a valle dell’impianto di risalita ‘Schilt’. Chiusa per motivi di sicurezza anche la vicina ‘Grindel’
Svizzera
1 ora

Dipendenze Svizzera contro la vendita notturna alcolici

La Fondazione rileva come nei cantoni in cui dalle 21 alle 6 non è in vendita l’alcol, a parte il vino, i ricoveri dei giovani son diminuiti del 30%
Svizzera
3 ore

La disoccupazione ‘Seco’ sale al 2,2%, il Ticino al quinto posto

I dati della Segreteria di Stato per l’economia non includono chi ha esaurito il diritto a ricevere le prestazioni o si trova a beneficio dell’assistenza
Svizzera
14 ore

Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria

In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
20 ore

L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare

Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
21 ore

In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico

Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
22 ore

Si addormenta al volante e provoca un incidente frontale

Fortunatamente illesi i due protagonisti del sinistro avvenuto a Villmergen, nel Canton Argovia. Al 67enne è stata ritirata la patente sul posto
Svizzera
23 ore

Grave incidente sugli sci per Philipp Kutter

Dopo l’infortunio, il consigliere nazionale zurighese del Centro (e sindaco di Wädenswil), è stato trasferito al centro specialistico di Nottwil
Svizzera
23 ore

Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati

Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
23 ore

Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese

Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
02.12.2020 - 17:18
Aggiornamento: 18:09

Iniziativa ‘prezzi equi’, sì degli Stati al controprogetto

Dopo il Nazionale anche i ‘senatori’ approvano la proposta. Obiettivo: lottare contro l’isolamento del mercato svizzero.

iniziativa-prezzi-equi-si-degli-stati-al-controprogetto
Keystone

Berna – Pur respingendo le misure in essa contenute, governo e Parlamento condividono gli obiettivi dell'iniziativa popolare popolare "Stop all'isola dei prezzi elevati - per prezzi equi (Iniziativa per prezzi equi)". Misure sono del resto già state adottate; per rinforzarle esecutivo e legislativo hanno ora elaborato un controprogetto. Gli obiettivi sono i medesimi della proposta di modifica costituzionale: lottare contro l'isolamento del mercato svizzero.

L'iniziativa chiede di creare le basi legali per lottare contro le pratiche di discriminazione dei prezzi spesso adottate all'estero nei confronti dei compratori svizzeri. Concretamente, si sollecitano misure contro i prezzi esageratamente alti e lo sfruttamento del potere d'acquisto da parte di imprese nazionali ed estere. Il testo, sostenuto da personalità di tutti i partiti politici, chiede quindi alla Confederazione di modificare la legge sui cartelli (LCart) per permettere alle aziende svizzere di acquistare all'estero senza passare da importatori e fornitori. La non discriminazione dovrebbe valere anche per il commercio online.

Obblighi internazionali violati

Per lottare contro i prezzi elevati, non occorre modificare la costituzione, hanno sostenuto vari parlamentari. Se l'iniziativa dovesse essere accolta, la Svizzera violerebbe taluni dei suoi obblighi internazionali, ha avvertito il consigliere federale Guy Parmelin. La proposta di modifica costituzionale è così stata bocciata con 30 voti contro 12 e 2 astensioni.

Il problema è però reale: i prezzi maggiorati non penalizzano soltanto i consumatori. Il settore alberghiero, la ristorazione, l'agricoltura e l'industria sono pure toccati, ha rilevato Hannes Germann (Udc/Sh) a nome della commissione. Stando a un recente studio, il sovraccosto per le imprese e i consumatori elvetici ammonterebbe ad oltre 15 miliardi di franchi annui.

Parte della destra avrebbe però voluto rinunciare alla controproposta: "il controprogetto attua pienamente l'iniziativa e si spinge addirittura oltre", ha criticato Ruedi Noser (Plr/Zh). A questo punto è l'iniziativa stessa a essere il controprogetto del controprogetto, ha sostenuto. Per questo motivo lo zurighese ha chiesto che l'iniziativa venga sottoposta al Sovrano da sola. I prezzi svizzeri sono elevati perché i salari sono più alti e i servizi e le risorse sono più costosi, ha evidenziato lo zurighese. "Sono orgoglioso di vivere in un Paese dove tutto funziona, dove i servizi sono disponibili anche nelle valli più discoste, dove i sistemi educativi e sanitari funzionano. Ma tutto questo ha un prezzo", ha detto il liberale-radicale invano: il controprogetto è stato approvato con 31 voti contro 13.

Differenze di prezzo ingiustificabili

È giusto che, a causa degli stipendi più alti, le tariffe praticate ad esempio dai parrucchieri svizzeri siano più elevate rispetto all'estero, ha ammesso Pirmin Bischof (Ppd/So). Le differenze di prezzo per i prodotti fabbricati all'estero e importati, invece, non hanno alcuna giustificazione. "Gli importatori presumono semplicemente che gli svizzeri siano più ricchi e possano permettersi di pagare di più". Occorre quindi agire, sostiene il solettese.

La revisione della Legge sui cartelli proposta dal governo come controprogetto amplia la definizione di posizione dominante. Il suo ambito d'applicazione è tuttavia limitato alle relazioni commerciali con l'estero. Ritenendo la proposta insufficiente, il Nazionale ha apportato diverse modifiche. Oltre agli ostacoli alla concorrenza, anche le pratiche che svantaggiano i partner commerciali devono essere considerate violazioni. Fornitori e acquirenti sarebbero interessati dalla misura.

Queste aggiunte non hanno trovato il consenso del governo: gli emendamenti si spingono troppo oltre, la piazza economica della Svizzera, soprattutto le piccole e medie imprese, ne soffrirebbero, ha affermato il consigliere federale Guy Parmelin. Gli acquirenti sarebbero indeboliti nelle loro trattative. E l'onere burocratico sarebbe troppo grande, ha invano affermato.

Con 35 voti contro 6, i ‘senatori’ hanno poi respinto la clausola di re-importazione introdotta dal Nazionale. Questa vuole vietare alle società elvetiche di acquistare all'estero merci svizzere esportate a prezzi inferiori a quelli praticati nella Confederazione. "È una clausola protezionistica", ha sostenuto Hannes Germann. "Violerebbe i nostri obblighi internazionali", ha aggiunto Guy Parmelin.

Il dossier torna al Consiglio nazionale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved