ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
1 ora

‘Non ubbidisco ciecamente alla dottrina del partito’

Hans-Ueli Vogt è il candidato outsider alla poltrona di Ueli Maurer. Dice di avere ‘molteplici sfaccettature’ e di aderire appieno ai valori dell’Udc.
Svizzera
1 ora

Sedici scodinzolanti neonati per la Fondazione Barry

Doppio lieto evento a fine novembre a Martigny. E a gennaio è prevista un’altra cucciolata di cani San Bernardo
Svizzera
2 ore

Nel 2023 non ci dovrebbe essere recessione

A sostenere la crescita sono in particolare i consumi privati, mentre l’edilizia influisce negativamente sui risultati
Svizzera
3 ore

Per un caffè crème fra un po’ non basteranno 5 franchi

Sull’arco di dieci anni l’aumento è del 6,8% (+28 centesimi), con il prezzo medio che nel 2012 era di 4,11 franchi
Svizzera
4 ore

Ben 21 nuovi elicotteri di soccorso per la Rega

Fra il 2024 e il 2026, la Guardia aerea svizzera di soccorso rinnoverà la sua intera flotta
Svizzera
5 ore

Vasta operazione contro la ciberpedocriminalità

Quasi un centinaio le persone fermate dalla Polizia cantonale vodese. Due quelle poste in detenzione preventiva
Svizzera
6 ore

Covid: 1’400 ricoveri per effetti indesiderati dei vaccini

Fra il 2020 e il 2021, 8’232 persone ricoverate a causa del coronavirus sono decedute negli ospedali
Svizzera
6 ore

Trasfusioni e omosessuali: possibile modificare l’esclusione

In Svizzera, dal 2017, gli uomini che hanno avuto rapporti sessuali con uomini negli ultimi 12 mesi non possono donare sangue
Svizzera
6 ore

Hotel: incremento dei visitatori, ma non in Ticino (-14,9%)

Per l’estate scorsa dieci regioni turistiche su tredici presentano un aumento di pernottamenti rispetto al 2021
Svizzera
8 ore

Indagine sul mercato del lavoro nel settore bancario

Aperta un’inchiesta preliminare su trentaquattro banche in sei regioni della Svizzera tedesca: nel mirino lo scambio di informazioni sui salari
29.11.2020 - 13:59
Aggiornamento: 18:17

Imprese responsabili e materiale bellico, iniziative bocciate

Nessuno dei due testi otterrà la maggioranza dei Cantoni. Quella 'Per imprese responsabili' ottiene la maggioranza nel voto popolare

Ats, a cura de laRegione
imprese-responsabili-e-materiale-bellico-iniziative-bocciate
L'ha spuntata il no (Keystone)

Obiettivo fallito per l'iniziativa "Per imprese responsabili". Il testo, in virtù dell'opposizione di gran parte della Svizzera tedesca, non ottiene la maggioranza dei Cantoni, condizione fondamentale per superare lo scoglio delle urne. E questo nonostante nel voto popolare sia prevalso, seppur di poco, il sì. I sì sono stati infatti 1'299'173 (50.73%) contro 1'261'673 no. 

Come ipotizzavano i sondaggi, la votazione federale odierna sul tema si è rivelata un serrato testa a testa, con i due schieramenti molto vicini. Man mano che arrivavano i vari risultati definitivi però, è apparso chiaro che l'esito del voto popolare sarebbe stato solo pura cosmesi.

È solo la decima volta - e la prima dal 2013 - su 637 consultazioni che si verifica questa combinazione particolare, in cui non è sufficiente accaparrarsi la maggioranza alle urne.

Si smarcano Cantoni urbani

Di facile lettura l'analisi a livello regionale. I Cantoni germanofoni, con le sole eccezioni degli urbani Berna, Zurigo e Basilea Città, si sono schierati contro l'iniziativa, depositata nell'ottobre 2016. I più convinti sono stati Svitto (68,4%), Nidvaldo (67,8%) e Appenzello Interno (65,0%). Nei Grigioni la bocciatura (54,2%) è stata meno sonora.

Tolto il bilingue Vallese, la Romandia ha votato compatta sì, in particolare Giura (68,7%), Neuchâtel (64,6%) e Ginevra (64,2%). I Cantoni francofoni sono stati imitati, pur se con percentuali meno nette, dal Ticino (54,2%). A scrutino ultimato sono stati in otto e mezzo (considerando Basilea Città) su 23 ad appoggiare il testo. L'affluenza a livello nazionale si è attestata al 46,5%, un dato nella media. 

Controprogetto

Ora, a meno che non sia contestato tramite referendum, entrerà in vigore il controprogetto indiretto, adottato dal Parlamento e sostenuto dal Consiglio federale. Esso è considerato "light", anche perché la versione iniziale del Consiglio nazionale, che riprendeva i principali elementi dell'iniziativa, è stata poi annacquata dagli Stati. Il controprogetto definitivo non prevede alcuna responsabilità per le filiali estere, pur spingendo verso una maggiore trasparenza le multinazionali, chiamate a riferire ogni anno sulle politiche in materia di diritti umani e non solo. I nuovi obblighi sono coordinati internazionalmente, contrariamente a quanto previsto dall'iniziativa.

Materiale bellico

Niente da fare neppure per l'iniziativa "Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico": bocciata con il 57,45% di "no" gli svizzeri e da 17 cantoni e un semicantone.

In totale i voti contrari alla modifica costituzionale promossa dal Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE) e dai giovani Verdi sono stati 1'460'755, mentre i favorevoli 1'081'731. Il testo che intendeva proibire alla Banca nazionale svizzera (Bns), alle fondazioni e alle casse pensioni di investire nelle imprese che realizzano oltre il 5% del loro giro d'affari annuo con la fabbricazione di materiale bellico è stato pesantemente respinto nei cantoni di Nidvaldo (75,18% di "no"), Svitto (74,24%), Obvaldo (72,58%) e Uri e Appenzello Interno (entrambi con il 71,23%). Hanno votato contro il testo anche Ticino e Grigioni rispettivamente nella misura del 55,21% e del 61,26%.

Ad approvare la proposta sono stati, Basilea Città (57,92% di "sì"), Giura (55,01%), Ginevra (53,12%) e Neuchâtel (52,27%).

L'iniziativa chiedeva inoltre che la Confederazione si adoperasse a livello nazionale e internazionale affinché venissero applicate condizioni analoghe a banche e assicurazioni.

Leggi anche:

Il popolo vota sì, i cantoni no. È successo solo 10 volte

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved