ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
11 min

Indagine sul mercato del lavoro nel settore bancario

Aperta un’inchiesta preliminare su trentaquattro banche in sei regioni della Svizzera tedesca: nel mirino lo scambio di informazioni sui salari
Svizzera
34 min

Nelle aree di servizio autostradali approda ‘Braccio di Ferro’

Acquistati da Marché Restaurants tre esercizi di Popeyes, catena statunitense di fast food specializzata in piatti a base di pollo
Svizzera
10 ore

Pericolo marcato di valanghe in molte regioni meridionali

L’allerta riguarda la parte altovallesana delle Alpi, il versante sudalpino centrale, la cresta principale delle Alpi e la zona del Bernina
Svizzera
14 ore

È Zurigo l’El Dorado dei cittadini stranieri

Il 2022 potrebbe essere l’anno record per gli arrivi in riva alla Limmat. Tornano, in particolare, gli italiani
Svizzera
14 ore

Nuotata di San Nicolao da record nella Limmat

Ben 380 persone si sono date appuntamento a Zurigo per la 22esima edizione della tradizionale manifestazione benefica
Svizzera
14 ore

Mercato del lusso, Svizzera scalzata dalla Cina

Il nostro Paese resta in testa nell’orologeria, ma perde il primato per quel che concerne la gioielleria
Svizzera
15 ore

Inabilità al lavoro, impennata delle malattie mentali

Sensibile aumento dei casi di incapacità lavorativa. E non è solo colpa del burnout: altri tipi di diagnosi psicologiche si fanno largo
Svizzera
15 ore

Penuria di sostanze chimiche, laghi a rischio inquinamento

La scarsa reperibilità di sostanze anti-fosforo mette in difficoltà gli impianti di depurazione svizzeri
Svizzera
16 ore

‘Il no allo Spazio economico è stata una decisione sbagliata’

Per il presidente dei Verdi liberali Jürg Grossen, con i bilaterali ‘le relazioni con l’Unione europea sono come una caldaia piena di buchi’
Svizzera
18 ore

Ecco la proposta: un arrocco Cassis-Berset

È l’idea avanzata dal Partito socialista: uno scambio nella conduzione dei dipartimenti degli Esteri e dell’Interno
29.11.2020 - 13:59
Aggiornamento: 18:17

Imprese responsabili e materiale bellico, iniziative bocciate

Nessuno dei due testi otterrà la maggioranza dei Cantoni. Quella 'Per imprese responsabili' ottiene la maggioranza nel voto popolare

Ats, a cura de laRegione
imprese-responsabili-e-materiale-bellico-iniziative-bocciate
L'ha spuntata il no (Keystone)

Obiettivo fallito per l'iniziativa "Per imprese responsabili". Il testo, in virtù dell'opposizione di gran parte della Svizzera tedesca, non ottiene la maggioranza dei Cantoni, condizione fondamentale per superare lo scoglio delle urne. E questo nonostante nel voto popolare sia prevalso, seppur di poco, il sì. I sì sono stati infatti 1'299'173 (50.73%) contro 1'261'673 no. 

Come ipotizzavano i sondaggi, la votazione federale odierna sul tema si è rivelata un serrato testa a testa, con i due schieramenti molto vicini. Man mano che arrivavano i vari risultati definitivi però, è apparso chiaro che l'esito del voto popolare sarebbe stato solo pura cosmesi.

È solo la decima volta - e la prima dal 2013 - su 637 consultazioni che si verifica questa combinazione particolare, in cui non è sufficiente accaparrarsi la maggioranza alle urne.

Si smarcano Cantoni urbani

Di facile lettura l'analisi a livello regionale. I Cantoni germanofoni, con le sole eccezioni degli urbani Berna, Zurigo e Basilea Città, si sono schierati contro l'iniziativa, depositata nell'ottobre 2016. I più convinti sono stati Svitto (68,4%), Nidvaldo (67,8%) e Appenzello Interno (65,0%). Nei Grigioni la bocciatura (54,2%) è stata meno sonora.

Tolto il bilingue Vallese, la Romandia ha votato compatta sì, in particolare Giura (68,7%), Neuchâtel (64,6%) e Ginevra (64,2%). I Cantoni francofoni sono stati imitati, pur se con percentuali meno nette, dal Ticino (54,2%). A scrutino ultimato sono stati in otto e mezzo (considerando Basilea Città) su 23 ad appoggiare il testo. L'affluenza a livello nazionale si è attestata al 46,5%, un dato nella media. 

Controprogetto

Ora, a meno che non sia contestato tramite referendum, entrerà in vigore il controprogetto indiretto, adottato dal Parlamento e sostenuto dal Consiglio federale. Esso è considerato "light", anche perché la versione iniziale del Consiglio nazionale, che riprendeva i principali elementi dell'iniziativa, è stata poi annacquata dagli Stati. Il controprogetto definitivo non prevede alcuna responsabilità per le filiali estere, pur spingendo verso una maggiore trasparenza le multinazionali, chiamate a riferire ogni anno sulle politiche in materia di diritti umani e non solo. I nuovi obblighi sono coordinati internazionalmente, contrariamente a quanto previsto dall'iniziativa.

Materiale bellico

Niente da fare neppure per l'iniziativa "Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico": bocciata con il 57,45% di "no" gli svizzeri e da 17 cantoni e un semicantone.

In totale i voti contrari alla modifica costituzionale promossa dal Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE) e dai giovani Verdi sono stati 1'460'755, mentre i favorevoli 1'081'731. Il testo che intendeva proibire alla Banca nazionale svizzera (Bns), alle fondazioni e alle casse pensioni di investire nelle imprese che realizzano oltre il 5% del loro giro d'affari annuo con la fabbricazione di materiale bellico è stato pesantemente respinto nei cantoni di Nidvaldo (75,18% di "no"), Svitto (74,24%), Obvaldo (72,58%) e Uri e Appenzello Interno (entrambi con il 71,23%). Hanno votato contro il testo anche Ticino e Grigioni rispettivamente nella misura del 55,21% e del 61,26%.

Ad approvare la proposta sono stati, Basilea Città (57,92% di "sì"), Giura (55,01%), Ginevra (53,12%) e Neuchâtel (52,27%).

L'iniziativa chiedeva inoltre che la Confederazione si adoperasse a livello nazionale e internazionale affinché venissero applicate condizioni analoghe a banche e assicurazioni.

Leggi anche:

Il popolo vota sì, i cantoni no. È successo solo 10 volte

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved