ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
4 ore

Soldato impiegato al Wef indagato per un reato sessuale

Un portavoce della giustizia militare ha confermato un’informazione della ‘Weltwoche’. Avviata un’inchiesta.
Svizzera
7 ore

Circa 900 scosse sismiche in Svizzera e dintorni nel 2022

La terra ha tremato un po’ meno rispetto agli ultimi anni. Gli eventi più significativi percepiti nella Confederazione, hanno avuto epicentro all’estero.
Svizzera
9 ore

USS annuncia un referendum contro la riforma del 2º pilastro

I sindacati interrompono contestualmente la raccolta firma per l’iniziativa ‘Utili della Banca nazionale per un’AVS forte’
Svizzera
9 ore

Ginevra, Uber può continuare a operare

L’azienda ha ottenuto misure superprovvisionali. Lo Stato di recente aveva vietato le sue attività.
Svizzera
10 ore

Maurizio Dattrino al comando della Divisione territoriale 3

Il brigadiere ticinese, attinente di Arbedo, sostituirà il divisionario Lucas Caduff che va in pensione
Svizzera
10 ore

Penuria di farmaci, al lavoro una task force

Su incarico del Consiglio federale, avrà il compito di valutare le misure a breve termine per far fronte a questo fenomeno ‘problematico’
Svizzera
11 ore

Indonesiani contro Holcim, fallita la trattativa di risarcimento

Si tratta del secondo capitolo a livello giudiziario della vertenza, dopo che una conciliazione per stabilire un risarcimento è fallita lo scorso ottobre
Svizzera
14 ore

1° febbraio: è il giorno della prova sirene

Le sirene suoneranno in tutta la Svizzera. In Ticino alle 13.30, 13.35, 13.45 e 13.55 sarà diffuso un suono continuo e modulato, della durata di un minuto
Svizzera
16 ore

Esportare le procedure d’asilo è ‘un’idea balzana’

L’Udc vuole una Svizzera senza richiedenti e si ispira all’accordo tra Regno Unito e Ruanda. Il professor Achermann: vecchia idea, destinata a morire.
Svizzera
1 gior

Sulle etichette dei prodotti freschi anche il mezzo di trasporto

Lo chiede un’iniziativa parlamentare approvata dalla Commissione scienza, educazione e cultura degli Stati, in particolare per il trasporto via aereo
Svizzera
1 gior

Corona-Leaks, in esame la consegna dei dati a Marti

La consigliera federale Keller-Sutter chiede di verificare se il procuratore straordinario può legalmente accedere all’intera casella e-mail di Lauener
Svizzera
1 gior

Altra giornata di sciopero per i funzionari pubblici vodesi

È la terza nelle ultime sei settimane per rivendicare l’indicizzazione completa dei salari. Previsto un corteo fino alle porte del Gran Consiglio
18.11.2020 - 14:35
Aggiornamento: 17:27

Da Berna un miliardo per casi di rigore e più aiuti allo sport

Esteso anche il lavoro ridotto, riattivati i crediti Covid. Multe disciplinari per infrazioni legate ai divieti, ad esempio per chi non indossa la mascherina

da-berna-un-miliardo-per-casi-di-rigore-e-piu-aiuti-allo-sport
(Keystone)

Il Consiglio federale ha deciso di proporre al parlamento alcuni adeguamenti mirati della legge COVID-19 da trattare con urgenza durante la sessione invernale. In tal modo, scrive il governo in una nota, "sarà possibile reagire meglio agli sviluppi attuali della seconda ondata della pandemia".

Casi di rigore

Il Consiglio federale propone di modificare la legge Covid-19 incrementando gli aiuti finanziari del programma per i casi di rigore fino a un importo complessivo di un miliardo di franchi, cifra della quale la Confederazione assumerebbe circa due terzi. Nel dettaglio, la quota di Berna ammonterà al 50% per i primi 400 milioni di franchi (ovvero 200 mio.) e all’80% per la somma restante (480 mio). Ogni Cantone dovrà definire i casi di rigore individualmente.  L'ordinanza sarà approvata mercoledi prossimo nella prossima seduta del Consiglio federale ed entrerà in vigore già dal 1 dicembre 2020. 

Lavoro ridotto

Per salvaguardare i posti di lavoro ed evitare licenziamenti dovuti alla pandemia, le prestazioni dell'assicurazione contro la disoccupazione (AD) nell'ambito dell’indennità per lavoro ridotto, dovranno nuovamente essere estese in modo mirato. Diverse misure dell'AD emanate in primavera e basate sul diritto di necessità devono essere trasposte nella legge Covid-19.

In particolare la modifica proposta intende estendere il diritto alle indennità per lavoro ridotto ai rapporti di lavoro di durata determinata e agli apprendisti, a certe condizioni che privilegiano il poter portare avanti la loro formazione, ed eliminare il periodo d'attesa se si percepiscono indennità per lavoro ridotto e la durata massima.

In aggiunta il Consiglio federale propone di riattivare i crediti Covid.

Contributi a fondo perduto per lo sport

Nel settore dello sport s'intende sostenere i club di livello professionistico e semiprofessionistico, oltre che con mutui, anche con contributi a fondo perduto fino a un massimo di 115 milioni di franchi. Ciò per garantire la sopravvivenza delle squadre colpite dai limiti al numero degli spettatori, ed evitare che vengano a mancare le strutture per la formazione delle giovani leve. I contributi dovrebbero coprire i due terzi delle mancate entrate della vendita dei biglietti, sulla base dei dati delle entrate medie della stagione 2018-19. Se le cifre dei contagi dovessero migliorare e fosse nuovamente concesso l'accesso al pubblico, tali contributi non sarebbero più validi. 

Per accedere ai contributi, le squadre dovranno ridurre i salari eccessivi e garantire massima trasparenza sull'utilizzo dei fondi, rendicontando annualmente e dichiarando come intendono utilizzare ulteriormente i contributi. Per 5 anni le squadre non potranno suddividere dividendi, e dovranno impegnarsi nella promozione dello sport giovanile e femminile. 

Multe disciplinari in arrivo

Inoltre, nel quadro della legge COVID-19 il Consiglio federale propone una modifica della legge  sulle multe disciplinari (LMD) in modo da poter nuovamente punire le contravvenzioni di lieve entità della legge sulle epidemie  (LEp), come le violazioni dell’obbligo di portare una mascherina facciale, con la procedura della multa disciplinare. 

Chiamata in servizio della protezione civile 

Il contingente della protezione civile comprenderà un massimo di 500'000 giorni di servizio. Sarà disponibile fino al 31 marzo 2021. Dato che la Confederazione verserà ai Cantoni un'indennità forfetaria di 27,50 franchi per giorno prestato, i costi per Berna ammonteranno al massimo a 13,75 milioni di franchi.

La responsabilità operativa della chiamata in servizio e degli interventi è assunta dai Cantoni. La protezione civile interviene soltanto a titolo sussidiario, vale a dire quando gli altri mezzi di supporto non sono più sufficienti o quando è necessario intervenire con urgenza. I compiti dell'esercito consistono nel sostenere le strutture ospedaliere civili nel settore delle cure di base e delle terapie, nell'aiutare gli ospedali cantonali ad accrescere le capacità delle loro unità di cure intense e nel trasportare pazienti contagiosi. I soldati sanitari e d'ospedale, che dispongono di una formazione militare riconosciuta dalla Croce Rossa, potranno in particolare sgravare il personale infermieristico da alcuni compiti per consentire loro di concentrarsi sui casi gravi.

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved