07.09.2020 - 15:36

Il Tribunale federale non si pronuncia sull'obbligo delle mascherine

Respinto il ricorso presentato da una cittadina zurighese contro la misura introdotta dal Consiglio di Stato

il-tribunale-federale-non-si-pronuncia-sull-obbligo-delle-mascherine
keystone

Il Tribunale federale (Tf) ha deciso di non accogliere il ricorso degli oppositori all'obbligo di indossare la mascherina nei negozi di Zurigo. I ricorrenti volevano ottenere la sospensione della disposizione emessa dal governo cantonale, ma il Tribunale amministrativo zurighese, in una decisione provvisoria, si era rifiutato di accordarla.

'La ricorrente non spiega perché la decisione viola i diritti costituzionali'

Il Tribunale amministrativo aveva indicato di essere arrivato alla conclusione che il provvedimento, data la situazione, fosse idoneo a prevenire nuove infezioni. Per questo motivo, il tribunale aveva deciso di non accordare l'effetto sospensivo attraverso un cosiddetto provvedimento superprovvisionale. Una ricorrente ha quindi portato la decisione provvisoria del Tribunale amministrativo davanti al Tf, il quale non è nemmeno entrato nel merito, ha indicato lo stesso Tribunale federale nella sentenza di oggi. Questo perché esso annulla una decisione preliminare su misure cautelari - come la concessione o la revoca di un effetto sospensivo - solo se appare arbitraria. Inoltre, la ricorrente non ha spiegato in che misura la decisione provvisoria violi i suoi diritti costituzionali.

La donna è condannata alle spese processuali per un importo di 1'000 franchi. Dal 27 agosto, in tutti i negozi di Zurigo vige l'obbligo di indossare le mascherine. Il consiglio di Stato aveva deciso di introdurlo dopo che il numero di infezioni da coronavirus nel cantone era di nuovo aumentato in modo significativo.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved