il-ricorso-del-governo-manifestamente-infondato
ULTIME NOTIZIE Cantone
Luganese
3 ore

Archibugieri ticinesi agli onori in Italia

Importanti risultati anche per i ticinesi Denys Gianora di Pregassona e Giordano Rossi di Brusino Arsizio
Mendrisiotto
3 ore

Il Camping Monte Generoso di Melano amico dei cani

Riconosciuto come ‘the best campsite for your dog’ di tutta la Svizzera da parte dell’Acsi, il maggior specialista europeo dei campeggi
Bellinzonese
3 ore

Depurazione a Giubiasco, nel Ticino acqua sei volte più pulita

È il risultato del nuovo sistema di filtrazione attivo da otto mesi presso l’impianto dell’Azienda multiservizi Bellinzona
Mendrisiotto
5 ore

Presenza insolita fuori scuola ad Arzo: ‘Situazione monitorata’

Istituto e Polizia sono al corrente e restano vigili. Aperto dialogo con gli alunni. L’invito è a non creare allarmismo
Ticino
6 ore

Torna la Giornata mondiale senza tabacco, #maforselosaigià

Lo slogan della campagna vuol stuzzicare l’attenzione del pubblico e farlo riflettere sui molteplici danni che l’industria del tabacco arreca all’ambiente
Mendrisiotto
6 ore

Balerna festeggia il suo concittadino Mattia (Crus) Croci-Torti

Incontro con la popolazione giovedì 2 giugno alle 18.30 per celebrare il successo di Coppa dell’allenatore del Lugano
Luganese
6 ore

Corsi di italiano per stranieri: iscrizioni aperte a Lugano

Li organizza nell’ambito delle proprie attività in favore dell’integrazione l’Associazione Il Centro
Locarnese
6 ore

Pestaggio in rotonda, ‘tentato omicidio intenzionale’

Promossa l’accusa per i due fratelli, in carcere da cinque mesi, che lo scorso dicembre a Locarno picchiarono un 18enne
Luganese
6 ore

I modi di dire: origini, significati e curiosità

Incontro alla Biblioteca cantonale di Lugano con il linguista Ottavio Lurati e Luca Saltini
Ticino
6 ore

Riduzione tasso di conversione Ipct, ‘mobiliteremo il personale’

Il passaggio dal 6,3 al 5 comunicato dalla Cassa pensioni cantonale non piace affatto al sindacato Vpod, che annuncia battaglia
Mendrisiotto
6 ore

Prima tappa momò dello Street Food Village

L’evento organizzato dal team di saporiedissapori.ch si terrà venerdì 27 e sabato 28 maggio sul posteggio di viale Volta a Chiasso
Luganese
7 ore

Il Circo Knie e il futuro: quale terreno per il carrozzone?

Interrogazione al Municipio di Lugano del consigliere comunale Ppd Luca Campana per conoscere la prossima destinazione degli spettacoli
Luganese
7 ore

Scollinando in compagnia per la dodicesima volta

Si terrà domenica 12 giugno l’evento enogastronomico che si dispiega in undici comuni della collina Nord di Lugano
Bellinzonese
7 ore

Altro passo avanti per il nuovo quartiere Officine di Bellinzona

La documentazione relativa alla variante di Piano regolatore sarà consultabile dal 30 maggio al 28 giugno al Dicastero territorio e mobilità di Sementina
Ticino
7 ore

‘Che anche i docenti sopra il 50% possano diventare deputati’

Lo chiede un’iniziativa elaborata dell’Mps. Movimento che inoltre lunedì in Gran Consiglio presenterà 5 emendamenti per aiuti allo studio fino ai 60 anni
Luganese
8 ore

Polizia del Vedeggio: il clima si fa più teso

Cresce il malumore all’interno del Corpo dopo l’inchiesta amministrativa. E il vicecomandante, sospeso, ricorre al Consiglio di Stato
08.10.2019 - 06:10
Aggiornamento : 09:48

Il ricorso del governo? ‘Manifestamente infondato’

Sentenza ex funzionario del Dss negata al governo: i motivi per cui il Tribunale federale ha respinto la richiesta del Consiglio di Stato. Bacchettandolo

di Andrea Manna

Il ricorso? “Manifestamente infondato”, scrive Mon Repos. Eccola la sentenza con cui il Tribunale federale ha respinto il ricorso (vedi l’edizione di venerdì 4) che il Consiglio di Stato aveva presentato contro la decisione della presidente della Carp, la Corte d’appello e revisione penale, di negargli l’accesso al verdetto emesso in gennaio alle Assise criminali di Lugano che ha riconosciuto il 59enne ex operatore del Dipartimento sanità e socialità colpevole di coazione sessuale per episodi accaduti tra il 2003 e il 2004. Cinque pagine, datate 24 settembre, nelle quali la prima Corte di diritto pubblico del Tf da un lato ripercorre i motivi addotti dalla Carp per rifiutare l’invio di quel verdetto al governo e dall’altro spiega perché in pratica dà ragione ai giudici dell’Appello penale ticinese, davanti ai quali imputato, vittime e accusa hanno impugnato, per ragioni diverse, la sentenza di primo grado. Pur non essendo ancora definitiva, il Consiglio di Stato aveva chiesto di visionarla per verificare, alla luce delle dure parole pronunciate in aula dal presidente delle Assise criminali, una presunta situazione di omertà in Dipartimento all’epoca dei fatti. E quindi per capire se l’allora funzionario attivo nelle politiche giovanile poteva essere fermato e denunciato prima. È quello che vorrebbero capire anche i sette deputati che di recente hanno proposto l’istituzione di una Commissione parlamentare d’inchiesta.

Ma torniamo all’altrettanto recente decisione del Tribunale federale. Richiamando anzitutto il secondo capoverso dell’articolo 101 del Codice di procedura penale, in base al quale “altre autorità” possono esaminare gli atti di un procedimento penale se questo è “necessario” per la trattazione di procedimenti (anche) amministrativi pendenti e se non vi si oppongono interessi pubblici o privati preponderanti. Ebbene, il Tf ricorda fra l’altro che la presidente della Carp “ha stabilito” che l’accesso agli atti sollecitato dal governo “non si fonda su necessità istruttorie nell’ambito di un procedimento pendente”. Perché al momento non c’è alcun procedimento amministrativo...

Nel rigettare il ricorso, Mon Repos non manca di bacchettare il Consiglio di Stato: “Il ricorrente, disattendendo il suo obbligo di motivazione non si confronta, se non in maniera incompleta e generica, con l’insieme degli argomenti posti a fondamento” della decisione della Corte di appello e di revisione penale, “né tenta di dimostrare perché e in quale misura la Carp avrebbe applicato in maniera lesiva del diritto federale” il citato capoverso 2 dell’articolo 101. Il governo, annota il Tf, “si limita infatti a osservare” che la sentenza di primo grado “non è chiesta con lo scopo di impiegarla nell’ambito di procedimenti amministrativi di natura disciplinare, che non sono pendenti, e neppure per avviarli. Il ricorrente rileva semplicemente che detta decisione potrebbe permettere, nel quadro di una procedura di verifica, di appurare un’eventuale gestione inadeguata del caso all’interno dell’Amministrazione cantonale e di chiarire semmai possibili lacune, fornendo spunto per rimediarvi dal punto di vista organizzativo, evitando in tal modo il ripetersi di simili situazioni”. Ma per Mon Repos, con questa argomentazione il Consiglio di Stato “non dimostra chiaramente un’applicazione non corretta dell’articolo 101 cpv. 2” del Codice di procedura penale. “Certo, il ricorrente aggiunge che, nel soppesare gli interessi delle parti, occorrerebbe considerare che l’Amministrazione cantonale è stata oggetto di critiche, che il procedimento penale ha avuto ampia eco nei mass media e che il tema ha dato adito a interpellanze parlamentari. Non spiega tuttavia – rileva il Tribunale federale – perché la Carp, accertato, rettamente, già l’inadempimento del primo requisito posto dall’articolo 101 cpv. 2, segnatamente la necessità di esaminare gli atti per la trattazione di un procedimento amministrativo, inesistente nella fattispecie, avrebbe dovuto nondimeno procedere alla ponderazione degli interessi in gioco”.

Insomma, un ricorso claudicante. Al governo non resta che attendere la crescita in giudicato della sentenza a carico dell’ex funzionario.

Chi si era opposto, chi no

È del 9 maggio (2019) la richiesta del governo alla Corte di appello e di revisione penale, la Carp, di trasmettergli la sentenza di primo grado che ha condannato per coazione sessuale il già funzionario del Dss. Una richiesta inoltrata per il tramite della Sezione delle risorse umane, la quale rilevava che l’Esecutivo l’aveva incaricata di “estendere le verifiche circa una presunta situazione di omertà all’interno del Dipartimento”. Dopo aver dapprima preavvisato favorevolmente l’istanza, la procuratrice pubblica, titolare delle indagini e rappresentante dell’accusa al processo, ha in seguito ritenuto prematuro concedere l’accesso a una sentenza non passata in giudicato. Il legale delle accusatrici private aveva invece dato il proprio assenso, mentre il difensore dell’imputato (che respinge le accuse) si era opposto alla richiesta. Con decisione del 24 luglio la presidente della Carp, accertato che non è pendente alcun procedimento amministrativo, ha respinto l’istanza del governo. Di qui il ricorso del Consiglio di Stato al Tribunale federale, con la richiesta di annullare la decisione della Carp e di invitarla a trasmettergli la sentenza, subordinatamente di comunicargli gli accertamenti e le considerazioni della Corte delle Assise criminali sulle modalità di gestione del caso dell’ex funzionario in seno all’Amministrazione. Questi i fatti ricostruiti dal Tf nel suo recente verdetto, con cui ha silurato il ricorso.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved