Venezia
0
Torino
0
1. tempo
(0-0)
LECHEMIA E./LOHOFF J.
GOLUBIC V./TEICHMANN J.
21:00
 
il-rumore-non-e-banale-oltre-un-milione-ne-soffre
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
3 ore

Secondo miliardo di coesione, il Nazionale discuterà giovedì

Il Parlamento vuole accelerare la discussione, che sarà trattata nel corso di una seduta ‘open end’
Svizzera
4 ore

‘Matrimonio per tutti’, divario fra centro e periferie

Tutti i cantoni hanno approvato l’oggetto in votazione, con differenze tra regioni per le quali non sarebbe estraneo il ruolo delle chiese
Svizzera
4 ore

No comment del Consiglio federale sul ‘caso Maurer’

Il presidente della Confederazione Parmelin, rispondendo all’interrogazione del Ps, ha rifiutato di commentare le dichiarazioni del consigliere federale
Svizzera
5 ore

Matrimonio per tutti, felicitazioni dall’Alto commissariato Onu

L’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani (Ohchr) accoglie positivamente il “sì” degli svizzeri tramite un tweet odierno
Svizzera
5 ore

Plr svizzero, lasciano due dirigenti del partito

Hanno rassegnato le dimissioni dall’incarico la segretaria generale Fanny Noghero e il responsabile della campagna elettorale Damian Müller
Svizzera
6 ore

Imposizione individuale, tre modelli nel rapporto del governo

Con la tassazione individuale redditi e patrimoni di ciascun adulto sono tassati singolarmente e l’imposta non deriva dal reddito complessivo di una comunione
Svizzera
6 ore

Credit Suisse aumenta il congedo parentale a 26 settimane

Per l’altra persona che si occupa dei figli, oltre a quella che li accudisce principalmente, il congedo sarà di 6 settimane e non più 12 giorni lavorativi
Svizzera
13.08.2020 - 09:330
Aggiornamento : 10:05

Il rumore non è banale: oltre un milione ne soffre

Studio della Confederazione lo dimostra: l'inquinamento fonico è dannoso per la salute. L'Ata: Berna faccia di più.

In Svizzera oltre un milione di persone soffrono ogni giorno a causa del rumore. È quindi importante che l'Ordinanza federale contro l'inquinamento fonico venga rivista e che la Confederazione continui a sostenere le misure di lotta all'inquinamento fonico. L'Associazione traffico e ambiente (Ata) - scrive in una nota stampa - chiede che vengano adottate misure maggiormente efficaci per garantire l'attuazione dei progetti di protezione contro l'inquinamento fonico.

Lo studio SiRENE (Short and Long Term Effects of Transportation Noise Exposure) commissionato dalla Confederazione mostra per la prima volta quanto il rumore sia realmente dannoso per la salute.

L'Associazione traffico e ambiente si dice quindi tanto più sorpresa dal fatto che i risultati di questo studio non vengano in alcun modo presi in considerazione nella revisione dell'Ordinanza federale contro l'inquinamento fonico. "Esigiamo che il Consiglio federale adatti specificamente i valori limite per l'inquinamento acustico in base alle più recenti scoperte scientifiche. Sono necessarie misure concrete per ridurre il rumore alla fonte, dove possibile, anziché limitarsi a contenerlo. Il Consiglio federale sta effettivamente adottando questo approccio. Tuttavia, dovrebbe andare più oltre – ad esempio, definendo le zone 30 come misura prioritaria di protezione dal rumore o fissando limiti più rigidi di emissioni acustiche da parte di veicoli e pneumatici".

Mancano i meccanismi di sanzione

L'Ata rileva inoltre che le autorità non hanno ancora dato seguito in misura sufficiente agli obblighi di legge in materia di protezione dall'inquinamento fonico. Ciò è dovuto al fatto che l'obbligo di effettuare la bonifica acustica esiste già dagli anni '80 e che questa avrebbe dovuto essere completata entro il 2002. "Le generose proroghe delle scadenze e la mancanza di pressione, hanno fatto sì che troppe persone soffrano ancora oggi di rumori dannosi per la propria salute. Le autorità svizzere si dimostrano lassiste in materia di protezione antirumore. Finora i singoli cantoni hanno svolto i loro compiti in modo inadeguato. Per garantire in futuro un'esecuzione efficace, il Consiglio federale dovrebbe esaminare misure sanzionatorie in caso di inosservanza delle norme. Il 'continuare come prima', anche se la protezione contro il rumore non è sufficientemente realizzata con i mezzi finora disponibili, non è sostenibile".

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved