laRegione
Nuovo abbonamento
quindicenne-al-volante-semina-scompiglio-a-yverdon
Foto Archivio Ti-Press
Vaud
07.07.2020 - 20:000
Aggiornamento : 21:11

Quindicenne al volante semina scompiglio a Yverdon

Il giovane è stato fermato sull'autostrada A1 dopo aver commesso numerose e gravi infrazioni. È in stato di fermo

Uno scolaro quindicenne ha seminato il panico ieri sera a Yverdon e sull'autostrada verso Payerne al volante di un'auto presa in prestito. Ha commesso numerose infrazioni della circolazione e causato incidenti, ma nessuno è stato ferito, riferisce oggi un comunicato della polizia cantonale vodese.

I fatti

Il cittadino iraniano-portoghese residente in Vallese è stato fermato sull'autostrada A1 nel tunnel di Arrissoules, un dozzina di chilometri ad est di Yverdon. Ora è incarcerato in un centro per minori.

La polizia cantonale era stata informato verso le 21:15 che il minorenne aveva preso l'auto di un membro della famiglia per andare a Yverdon-les-Bains.

Avvistato al volante dell'auto in questa cittadina, il giovane non ha obbedito ai segnali di arresto degli agenti ed è fuggito commettendo "numerosi e gravi reati" contro la legge sulla circolazione stradale, si legge nel comunicato.

Ne ha combinate di tutti i colori

Ha deliberatamente fatto retromarcia contro un'auto che viaggiava nella sua direzione e in un'arteria pedonale ha colpito sedie e tavoli vuoti davanti a edifici pubblici. Malgrado un pneumatico anteriore bucato, ha poi preso la direzione dell'autostrada ad alta velocità, senza rispettare i semafori e commettendo molte altre infrazioni.

Sull'autostrada in direzione di Payerne una pattuglia della polizia è riuscita a superare il fuggitivo e gli si è posizionata davanti per rallentarlo. L'adolescente ha comunque cercato di superare più volte il veicolo della polizia. Alla fine l'ha colpito nel retro a bassa velocità e si è poi fermato poco più avanti.

L'intervento per bloccarlo ha visto impegnate diverse pattuglie della polizia del Nord Vaudois, della gendarmeria cantonale, della brigata canina nonché di una pattuglia della gendarmeria friburghese.

© Regiopress, All rights reserved