in-laghi-e-corsi-d-acqua-nel-2019-sono-morte-49-persone
Il pericolo è sempre in agguato (Ti-Press)
15.06.2020 - 07:30
Aggiornamento: 17:10

In laghi e corsi d'acqua, nel 2019 sono morte 49 persone

Lo ricorda una statistica della Società svizzera di salvataggio. Che nette in guardia i bagnanti dal rischio maggiorato di quest'anno

Lo scorso anno 49 persone sono morte per annegamento nella Confederazione. Lo indicano oggi in una nota la Società Svizzera di Salvataggio (Sss) e l'Ufficio prevenzione infortuni (Upi), che lanciano l'allarme per questa estate. Tra le vittime totali, 25 hanno perso la vita nei laghi elvetici, mentre 23 in corsi d'acqua. Una sola persona è morta in uno stabilimento balneare, precisa la Sss. La statistica del 2019 - che con 49 decessi si attesta al di sopra della media a lungo termine - rivela che ad annegare sono soprattutto gli uomini (39). I bambini che hanno perso la vita in acqua sono tre e le donne sette. Oltre la metà delle vittime sono persone di nazionalità straniera (25).

La società indica di essere in massima allerta per questa estate, poiché a causa del coronavirus - e di tutte le conseguenze del caso sulla mobilità delle persone e sulle limitazioni nelle piscine - i laghi e i corsi d'acqua saranno più frequentati del solito. Per questo motivo sono state lanciate le campagne di prevenzione 'Covid-Estate 2020' e 'Save your friends', con un sito web rivolto ai più giovani.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved