laRegione
Nuovo abbonamento
Veniva mescolato al cibo (Foto archivio Ti-Press)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
9 ore
Quarantena per tutti i 60 dipendenti di un'azienda vodese
La misura riguarda l'intero personale della Favre Sa. Il suo amministratore: origine sicuramente esterna.
Svizzera
11 ore
Quattro cantoni seguono il Ticino: al massimo in 100 nei locali
Coronavirus, Basilea Città, Basilea Campagna, Soletta e Argovia riducono il numero massimo di avventori per sera nei ristoranti
Svizzera
12 ore
Sicurezza informatica, due dipartimenti federali bocciati
Si tratta del Dipartimento dell'interno (con solo il 37% dei servizi informatici 'blindati') e il Dipartimento dei trasporti (48%)
Zurigo
13 ore
Zurigo, sgominata banda giovani con alle spalle 70 reati
La polizia zurighese ha arrestato 14 delinquenti tra i 17 e i 33 anni (9 svizzeri, 5 stranieri) presunti autori di numerosi reati in 3 differenti cantoni
Svizzera
13 ore
Coronavirus: le imprese svizzere temono la seconda ondata
Lo rivela un sondaggio della Scuola universitaria professionale di Zurigo. Oltre la metà vede comunuqe migliorare la situazione finanziaria
Svizzera
14 ore
Coronavirus, in Svizzera ben 129 nuovi casi, ma anche più test
Torna a salire il numero di persone che sono risultate positive al coronavirus: il totale di infetti da inizio pandemia sale a 32'498
Svizzera
14 ore
Uomini e donne percepiscono l'ambiente in modo diverso
Lo indica la terza indagine sul tema realizzata dall'Ufficio federale di statistica
Svizzera
14 ore
Lupi in circolazione, Lumnezia potrebbe chiudere i sentieri
Il comune grigionese vuole proteggere gli escursionisti da possibili attacchi di bestiame e cani resi nervosi dai predatori. Anche la Greina è interessata.
Svizzera
14 ore
L'Agassizhorn non cambierà nome
Louis Agassiz era un razzista. Ma il Municipio di Grindelwald non vuole modificare la denominazione della montagna.
Svizzera
22.05.2020 - 12:300

Volevano uccidere il marito di lei col paracetamolo, condannati

Due amanti erano già stati condannati dal tribunale di Zugo per aver mescolato nel cibo dell'uomo dosi volutamente eccessive del farmaco

Le condanne inflitte a una coppia di amanti giudicata colpevole del tentato assassinio del marito di lei con forti quantità di paracetamolo sono definitive. Lo ha stabilito il Tribunale federale (Tf), confermando una sentenza del Tribunale cantonale di Zugo. La donna dovrà scontare 9 anni e 7 mesi di reclusione, il suo compagno 10 anni.

I fatti

I due - una rumena di formazione economista, all'epoca dei fatti 39enne, e uno svizzero di 45 anni - erano alla sbarra per aver tentato di avvelenare il marito mescolando dosi massicce di paracetamolo con il suo cibo tra la metà di maggio e la fine di agosto 2016. Speravano di causare all'uomo, un bevitore incallito, un'insufficienza renale fatale.

La Suprema corte ha quindi messo un punto finale a una vicenda giudiziaria che si è protratta negli anni. Nel dicembre del 2017 il Tribunale penale di Zugo aveva infatti condannato a 11 anni di prigione la donna. All'amante erano stati inflitti 13 anni e 7 mesi di detenzione, oltre a una pena pecuniaria con la condizionale e a una multa per altri reati minori (abuso di un impianto per l'elaborazione di dati, ripetuta falsità in documenti, infrazione alla legge sulle armi e ripetuta contravvenzione alla legge federale sugli stupefacenti).

Un anno dopo, in appello, il Tribunale cantonale aveva confermato la condanna per tentato assassinio, riducendo però le pene a rispettivamente 10 anni e 10 anni e 8 mesi. Nel giugno 2019 i giudici di Losanna aveva accolto un ricorso dei due imputati, basato su lacune nella perizia medico-legale ed aveva rimandato il dossier alla corte di Zugo affinché lo riesaminasse.

Il ritorno in tribunale

Per la Corte losannese, il tribunale di Zugo era caduto nell'arbitrario: si era basato su una perizia inconcludente per la quantità di paracetamolo somministrato segretamente e aveva rinunciato a raccogliere le necessarie prove scientifiche supplementari. In tal modo sarebbe stato violato il diritto federale: i ricorsi dei due amanti erano quindi stati ritenuti fondati.

Le autorità giudiziarie di Zugo avevano quindi nuovamente esaminato il caso ed erano giunte alla conclusione che non fosse possibile dedurre dalle successive perizie le esatte concentrazioni di paracetamolo nei capelli della vittima. Tuttavia, queste analisi non potevano essere invocate come scusanti, poiché tutte dimostravano che il marito aveva assunto dosi aggiuntive rispetto a quelle che aveva ingerito volontariamente. Queste quantità avrebbero potuto portare alla sua morte nel tempo. Avevano quindi condannato i due amanti a rispettivamente 9 anni e 7 mesi di reclusione per la donna e 10 anni di carcere per l'uomo.

La coppia ne parlava su WhatsApp

Nella sentenza pubblicata oggi, il Tribunale federale respinge questa volta l'ennesimo ricorso della coppia, secondo cui neppure le analisi condotte dall'Istituto di medicina legale dell'Università di Zurigo erano da ritenersi utilizzabili.

Per i giudici di Mon Repos invece, gli esami condotti dal laboratorio zurighese non sono né discutibili né arbitrari. E ad avallare gli intenti criminosi dei due vi è anche lo scambio di migliaia di messaggi su WhatsApp, in cui la coppia discuteva dei mezzi e dei prodotti più appropriati per causare la morte del marito.

L'uomo era sopravvissuto ai tentativi di avvelenamento, ma era poi deceduto all'età di 51 anni nel dicembre del 2017, pochi giorni prima della iniziale condanna dei due amanti.

© Regiopress, All rights reserved