l-usam-chiede-ripartenza-intelligente-dal-27-aprile
Ti-Press
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
21 min

Covid, quarantena e telelavoro fino a fine febbraio

Validità dei certificati di vaccinazione e guarigione ridotta a 270 giorni a partire dal 31 gennaio
Svizzera
55 min

Covid, 25 decessi e più di 38mila contagi

Il tasso di test Pcr che hanno dato esito positivo è del 38,4 per cento.
Svizzera
1 ora

Trasporti pubblici, in Svizzera prezzi nella media europea

Studio commissionato dalla Litra ha messo a confronto le tariffe di vari Paesi europei. Sfatato il mito del ‘troppo caro’, e poi la qualità è eccellente.
Svizzera
5 ore

È svizzera la 1ª etichetta di responsabilità digitale al mondo

L’obiettivo del marchio, valido per tre anni, è quello di far sentire i clienti sicuri nell’uso della tecnologia digitale fornita dalle aziende.
Svizzera
19 ore

Lacune nel registro di Swisstransplant, Mister dati al lavoro

Possibili violazioni delle norme sulla privacy e dei requisiti di sicurezza. Adrian Lobsiger vuole vederci chiaro dopo le rivelazioni di ‘Kassensturz’
Svizzera
19 ore

Lupo in Svizzera, ‘consentire l’uccisione preventiva’

Anche la competente commissione del Consiglio degli Stati vuole poter regolare i branchi sul modello di quanto già avviene per lo stambecco
Svizzera
22 ore

Cade da un ponte di carico: un ferito a Thusis

L’uomo, un camionista 58enne, stava scaricando una turbina da neve quando ha perso l’equilibrio
Svizzera
23 ore

‘La regola delle 2G? È una restrizione ancora giustificata’

Virginie Masserey fa il punto alla situazione della pandemia in Svizzera. Infezioni ad alto livello ma stabili
15.04.2020 - 20:240
Aggiornamento : 23:15

L'Usam chiede 'ripartenza intelligente' dal 27 aprile

Come uscire dalla crisi causata dal Covid-19? Per l'Unione svizzera arti e mestieri 'con equilibrio tra politica sanitaria e interessi economici'

Una "ripartenza intelligente" a partire dal prossimo 27 aprile per permettere alla maggioranza della popolazione di riprendere progressivamente le attività, in funzione della situazione epidemiologica. È quanto chiedono diverse associazioni professionali coordinate dall'Unione svizzera delle arti e mestieri (Usam), secondo cui misure restrittive e divieti devono essere gradualmente allentati.

"La Svizzera deve trovare un equilibrio tra gli obiettivi legittimi della politica sanitaria e gli interessi altrettanto legittimi della popolazione e dell'economia", indica in una nota odierna l'Usam, aggiungendo che questo "smart restart" rappresenta un mezzo per ridurre i danni economici e umani derivanti da questa situazione straordinaria.

Oltre il 26 aprile, ovvero la data limite fissata dal Consiglio federale per le attuali misure volte a contrastare l'epidemia di coronavirus, l'organizzazione raccomanda "una logica di protezione mirata" per le persone più a rischio, che permetta però alla maggioranza della popolazione di ritornare gradualmente al lavoro.

I gruppi considerati a rischio, aggiunge l'Usam, sono tenuti al rispetto delle misure di protezione definite dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP). Inoltre, le persone che presentano sintomi o sono risultate positive al test del coronavirus sono chiamati a rimanere in quarantena e in isolamento.

Approccio "bottom up"

Per i gruppi non a rischio per i quali si chiede un graduale ritorno alla normalità, l'Usam propone un sistema di monitoraggio basato su delle applicazioni, che permettano di controllare questa "logica di protezione mirata" su base volontaria e di responsabilità personale.

Inoltre, i settori professionali che richiedono un maggiore contatto con la clientela devono poter definire autonomamente le misure appropriate, secondo un approccio "Bottom up", ovvero dal basso verso l'alto, spiega l'Usam. Queste misure dovrebbero consentire di riprendere le attività, assicurando nel contempo la protezione della salute di clienti e dipendenti.

Misure supplementari

Per favorire un lento ritorno alla normalità tramite la riapertura di negozi, commerci e altre attività professionali, l'Usam propone di applicare per determinati settori alcune misure già adottate attualmente tra i grandi distributori - come Migros e Coop - e nelle farmacie. Ad esempio, per il commercio al dettaglio e per i rivenditori di articoli sportivi e di calzature si potrebbero controllare gli accessi e fare in modo che i clienti passino a ritirare gli articoli precedentemente comandati on line.

L'Usam cita inoltre esempi riguardo a meccanici, parrucchieri e palestre di fitness per permettere uno "smart restart" a più livelli garantendo misure di igiene e di distanziamento sociale.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved