PIGOSSI L./STEFANI L.
0
BENCIC B./GOLUBIC V.
1
2 set
(5-7 : 2-3)
SIEGEMUND L./KRAWIETZ K.
0
STOJANOVIC N./DJOKOVIC N.
0
1 set
(1-3)
verso-il-no-al-divieto-di-finanziamento-dei-produttori-di-armi
ULTIME NOTIZIE Svizzera
Svizzera
47 min

In Svizzera 827 nuovi contagi, situazione relativamente stabile

Resta ferma al 4,40% l'occupazione dei letti in cure intense da parte di pazienti Covid. Segnalati 75 ricoveri, di cui 24 riferiti alle ultime 24 ore
Svizzera
57 min

Caso Blatter, il Tpf conferma abbandono parziale del procedimento

Respinto il ricorso della Fifa. L'indagine riguarda l'assegnazione dei diritti tv per i Mondiali di calcio del 2010 e 2014
Svizzera
2 ore

Comportarsi bene con la natura, c'è un decalogo

Prende il nome di ‘Respect Nature’ e incoraggia la popolazione a essere più attenta alla natura durante le attività all'aperto.
Svizzera
3 ore

La pioggia dona respiro alle foreste del Giura

A beneficiare dei forti rovesci sono state in particolare le faggete, minacciate a causa dei sempre più frequenti periodi di siccità.
Svizzera
4 ore

Svizzera, restrizioni Covid: no a un pacchetto d'allentamenti

Berset: 'La situazione è buona, ma c'è troppa incertezza, soprattutto pensando ai rientri dalle ferie'. L'Ufficio della sanità raccomanda di proteggere le fasce più deboli
Svizzera
9 ore

Imprese responsabili, ‘la Svizzera dovrebbe anticipare’

Le Ong criticano il progetto di ordinanza ‘farsa’ presentato dal Consiglio federale. Il parere del professore di diritto internazionale Nicolas Bueno
Svizzera
17 ore

Test per i sanitari, Bianchi: ci stiamo già pensando

Berna raccomanda ‘urgentemente’ ai cantoni di intervenire nel settore sanitario. Il funzionario dirigente del Dss: ragionevolmente da inizio autunno.
Svizzera
20 ore

L'Ufsp: test obbligatori per i sanitari non vaccinati

La raccomandazione in una lettera ai Cantoni. Chiesto anche l'uso del certificato Covid per le visite in ospedali, case di cura e strutture assistenziali
Svizzera
23 ore

Politica: il cognome straniero abbassa le chance dei candidati

A tale risultato è giunto uno studio delle università di Lucerna e Ginevra analizzando 600 mila schede di voto relative alle elezioni federali del 2015 per il Consiglio nazionale.
Svizzera
23 ore

Sbronza, distrugge l'auto e se ne torna a casa a piedi

Alla 39enne – con più del 2 per mille nel sangue, rimasta illesa dopo lo scontro contro un muro a Seengen (Ag) – è stata ritirata la patente
Svizzera
23 ore

A Freienbach (Sz) l'impianto più grande d'idrogeno per camion

È un progetto in divenire il cui obiettivo è quello di produrre fra 1000 e 1200 tonnellate all'anno a zero emissioni
Svizzera
1 gior

Ufsp: non ci sono le condizioni per revoca misure anti-Covid

Le attuali misure andrebbero mantenute soprattutto poichè non è stato raggiunto l'obiettivo di vaccinare tutti coloro che lo desiderano entro fine luglio
Svizzera
1 gior

In Svizzera 771 nuovi contagi, 3 i decessi

Scende di poco il tasso di positività, così come l'occupazione delle cure intense da parte di pazienti Covid
Svizzera
1 gior

Peronospera e oidio dilagano nelle vigne svizzere

Piogge e grandine lasciano il segno. In Ticino malattie ‘già visibili e difficili da controllare’. Trattamenti da ripetere dopo ogni precipitazione.
Svizzera
1 gior

‘Isola prezzi elevati’, effettivo il ritiro dell’iniziativa

I promotori lo avevano subordinato all’entrata in vigore del controprogetto indiretto. Nessuno ha impugnato il testo entro il termine referendario ora scaduto.
Svizzera
11.03.2020 - 18:360

Verso il no al divieto di finanziamento dei produttori di armi

Oggi il voto al Consiglio Nazionale sull'iniziativa, la sinistra in minoranza

Berna - Si va verso la bocciatura dell'iniziativa popolare "Per il divieto di finanziare i produttori di materiale bellico". È quanto emerge dal primo giorno di dibattiti al Consiglio nazionale, dal quale si evince che pure la proposta di affiancarle un controprogetto sarà respinta. Il voto è previsto per domani mattina.

Oggi la sinistra ha difeso con convinzione la proposta di modifica costituzionale lanciata dal Gruppo per una Svizzera senza esercito (GSsE). Le tendenze globali nel settore delle armi - ha ad esempio sostenuto Fabien Fivaz (Verdi) - sono preoccupanti: i budget della difesa, Svizzera compresa, sono in aumento da diversi anni e oggi rappresentano oltre il 2% del PIL mondiale. L'obiettivo dell'iniziativa è invertire questa tendenza diminuendo gli investimenti nel settore, ha spiegato il neocastellano.

La popolazione non vuole che il suo denaro (attraverso la Bns e gli istituti di previdenza, ndr) venga usato per finanziare armi nucleari o mine antiuomo, ha detto Edith Graf-Litscher (Ps). La vodese Léonore Porchet (Verdi) ha sostenuto dal canto suo che "investimenti miliardari vengono effettuati nelle armi da guerra a partire dalla nostra piazza finanziaria, mentre parallelamente migliaia di persone si spostano per fuggire dai conflitti armati senza che la Svizzera risponda in modo adeguato all'emergenza umanitaria".

Per Pierre-Alain Fridez (Ps) è una questione di credibilità e d'immagine della Svizzera, Paese che ha fatto la sua reputazione con la diplomazia e i buoni uffici nella risoluzione dei conflitti. Se non si vuole l'iniziativa - ha continuato il giurassiano rivolgendosi ai partiti borghesi - bisognerebbe almeno affiancarle un controprogetto.

La minoranza della commissione chiede infatti di rinviare il dossier alla Commissione di politica di sicurezza affinché elabori un'alternativa. Il controprogetto sarebbe sostanzialmente chiamato a sostituire i divieti previsti dall'iniziativa con norme sulla trasparenza, in modo che gli investitori con esigenze etiche possano orientarsi di conseguenza.

Ciò non permetterà di raggiungere gli obiettivi fissati nell'iniziativa: l'impatto della Svizzera nel mercato mondiale dei produttori di materiale bellico è molto limitato, ha replicato François Pointet (Pvl). È ingenuo credere che le guerre si arresteranno se la Banca nazionale svizzera (Bns) e le nostre casse pensioni dovessero ritirarsi da tali investimenti, ha aggiunto il vodese.

Oltre a questo, le definizioni e i criteri dell'iniziativa sono poco chiari: spesso è difficile stabilire il confine tra utilizzo civile e militare, Jean-Luc Addor (Udc). L'iniziativa - ha aggiunto - non prende di mira i commercianti di cannoni ma le imprese ad alto valore aggiunto. Ciò comporterà un esodo di attività commerciali e posti di lavoro all'estero. Quanto al controprogetto, per Addor "è solo uno strumento per fare passare la pillola".

Le piccole e medie imprese (Pmi) e diversi rami dell'industria avrebbero ad esempio difficoltà ad accedere ai crediti qualora facessero parte della catena di fornitura per aziende d'armamento in Svizzera e all'estero, ha precisato Sidney Kamerzin (Ppd) ricordando che sono 13'000 le imprese potenzialmente interessate.

Jacqueline de Quattro (Plr) ha da parte sua fortemente criticato l'ingerenza nella politica della Bns: questa iniziativa genererebbe nuove interferenze politiche, con il rischio che ciò potrebbe diventare uno strumento politico ricorrente in futuro.

Per Lorenzo Quadri (Lega) l'iniziativa avrebbe contraccolpi economici per Avs e casse pensioni e ciò senza portare a risultati concreti. Insomma, la Svizzera si troverebbe a fare la "prima della classe" a proprio danno. A tal proposito Piero Marchesi (UdcI) ha ricordato come la situazione dei mercati finanziari sia già oggi difficile. Il ticinese ha anche criticato direttamente gli iniziativisti: con la proposta di modifica costituzionale attaccano indirettamente l'esercito, ma il loro fine ultimo - ha affermato - è giungere a una Svizzera senza esercito.

Il relatore commissionale Rocco Cattaneo (PLRlr) ha da parte sua ricordato come la legge federale sul materiale bellico già oggi preveda il divieto di finanziamento di armi atomiche, biologiche e chimiche, di munizioni a grappolo e mine antiuomo. Gli istituti finanziari interessati, inoltre, già da tempo considerano i principi che si rifanno a criteri etici, sociali e ambientali, ha proseguito il ticinese invitando il plenum a bocciare l'iniziativa senza opporle un controprogetto.

L'iniziativa

L'iniziativa, forte di 104'612 adesioni, vuole vietare alla Bs e alle casse pensione di investire nelle imprese che realizzano oltre il 5% del loro fatturato annuo con la fabbricazione di materiale bellico. Inoltre, la Confederazione dovrebbe esigere determinate condizioni da banche e assicurazioni.

Secondo dati forniti dal comitato promotore, nel 2016 "la Bns ha investito 800 milioni di dollari nei produttori di armi nucleari", le casse pensione versano fra i 4 e i 12 miliardi nel settore del materiale bellico e Usb e Credit Suisse otto miliardi in quello degli armamenti.
 
 

© Regiopress, All rights reserved