Carlo Reguzzi
La bolla
Svizzera
11.09.2017 - 11:440
Aggiornamento : 11.12.2017 - 18:20

Mentre si costruisce aumenta in Svizzera il tasso di abitazioni non abitate: la crescita più forte in Ticino

Ci sono sempre più abitazioni vuote in Svizzera: il primo giugno l’Ufficio federale di statistica (UST) ne ha contate 64’893, pari all’1,47% del totale. Rispetto all’anno scorso sono aumentate di 8'375 unità, con un incremento del 15%. La percentuale di abitazioni non occupate (comprese le case unifamiliari) è aumentata così per l’ottavo anno consecutivo, sottolinea l’UST precisando che negli ultimi anni questa tendenza al rialzo risulta sempre più pronunciata.

Il numero di abitazioni vuote è cresciuto in tutte le sette Grandi Regioni della Svizzera: la progressione più accentuata su base annua è stata registrata in Ticino (con un tasso dell’1,59%), seguito dall’Espace Mittelland. L’aumento più debole è quello della regione di Zurigo, il cui tasso di abitazioni vuote si è attestato allo 0,90%. In 19 Cantoni è stata raggiunta la soglia dell’1%: rispetto all’anno precedente si è aggiunto Svitto.

A livello cantonale, il tasso di abitazioni vuote più elevato è stato registrato da Soletta (2,89%), seguito da Appenzello Interno (2,36%) e da Argovia (2,34%). Come l’anno scorso, il tasso più basso si è osservato nel cantone di Zugo (0,43%). Appena sopra vi sono Basilea Città (0,50%) e Ginevra (0,51%).

Le case unifamiliari vuote, il primo giugno scorso, erano 6785 (+4% annuo) e quelle destinate alla locazione rimaste però sfitte 53’327 (+17%). Rispetto a un anno fa il numero di abitazioni vuote è aumentato in tutte le categorie relative al numero di locali. L’aumento varia tra il 6% per le abitazioni di sei locali al 19% circa per le abitazioni di due locali.

© Regiopress, All rights reserved