dopo-il-dispiacere-a-nole-zverev-si-mette-l-oro-al-collo
Mai così in alto, nonostante abbia già vinto un Master (Keystone)
01.08.2021 - 13:42
Aggiornamento: 15:42

Dopo il dispiacere a Nole, Zverev si mette l'oro al collo

Il gigante di Amburgo dopo aver eliminato il serbo in finale non lascia scampo al russo Khachanov e succede nell'albo d'oro al britannico Andy Murray

Venerdì aveva eliminato dai Giochi Novak Djokovic, oggi poi Alexander Zverev ha completato l'opera in una finale praticamente senza storia contro il russo Karen Khachanov. A 24 anni, tedesco succede a Rafa Nadal (2008) e Andy Murray (2012 e 2016) nell'albo olimpico, realizzando quello che fin qui è il più grande successo della carriera del gigante di Amburgo, vincitore del Masters 2018 e finalista agli US Open l'anno scorso.

In finale, Zverev non ha lasciato neppure le briciole al povero Karen Khachanov, sopraffatto dalla potenza del servizio e del dritto del suo avversario, il russo non ha mai neppure potuto lontanamente sperare di seguire le orme di Yevgeny Kafelnikov, che si era messo al collo l'oro olimpico a Sydney nel 2000, sconfiggendo in finale il germanico Tommy Haas.

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alexander zverev karen khachanov novak djokovic tokyo 2020
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved