Venezia
0
Torino
0
1. tempo
(0-0)
LECHEMIA E./LOHOFF J.
0
GOLUBIC V./TEICHMANN J.
0
1 set
(5-6)
Venezia
0
Torino
0
1. tempo
(0-0)
LECHEMIA E./LOHOFF J.
0
GOLUBIC V./TEICHMANN J.
0
1 set
(5-6)
il-presidente-dell-ama-sul-doping-che-gli-usa-collaborino
Con la speranza che si allentino le tensioni (Keystone)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
50 min

Osaka sta meglio: ‘Ho di nuovo voglia di giocare’

La 23enne giappponese ex numero uno al mondo si era presa una pausa anche per allentare la tensione e l’ansia provocatele dalle pressioni dei media
Gallery
Calcio
3 ore

L’Atalanta, una ‘Dea’ fonte di ispirazione

La squadra di Gian Piero Gasperini protagonista in serie A e in Europa mercoledì affronterà lo Young Boys in Champions League
Hockey
4 ore

‘Dobbiamo essere più presenti davanti alle due porte’

La sconfitta di Davos insegna: Luca Cereda chiede ai suoi uomini maggiore ‘fame’ davanti allo slot. Bianchi: ‘Poco efficaci lì domenica’
Hockey
4 ore

Alle Vernets sbarca il difensore finlandese Sami Vatanen

Il Ginevra Servette ingaggia il 30enne dalla solida esperienza in Nhl, maturata con Anaheim, New Jersey, Carolina e Dallas
Hockey
5 ore

Cina fuori dai Giochi? L’Iihf si china sulla questione

Sarà valutato il livello della selezione, a secco di partite dal 2019 e 32esima del ranking mondiale. Uno spiraglio per la Norvegia?
Gallery
Calcio
5 ore

Psg-Manchester City, quante stelle a diretto confronto

È la rivincita della semifinale della passata edizione, andata alla squadra di Pep Guardiola. Tantissimo talento su ambo i fronti
CALCIO
5 ore

La U21 sconfitta di misura dal San Gallo

Gli ospiti trovano la rete decisiva su rigore. Il Team Ticino non sfrutta il vantaggio dell’uomo in più tra il 55’ e l’81’
ATLETICA
6 ore

Gli ultimi titoli cantonali vanno a Oehen e Arini

Domenica al Comunale di Bellinzona si è svolto il Gp Ftal con in palio gli allori sui 3’000 e 5’000 metri
Tokyo 2020
23.07.2021 - 17:590
Aggiornamento : 19:29

Il presidente dell'Ama: 'Sul doping, che gli Usa collaborino'

Il polacco Witold Banka parla di 'doping accademico' e invita Nfl, Nba, Nhl e Mlb a fare di più. 'Lavoriamo insieme e focalizziamoci su questa battaglia'

Non le manda certo a dire, Witold Banka, il presidente polacco dell'Ama, l'agenzia mondiale antidoping. Che in conferenza stampa a Tokyo, nel giorno dell'apertura ufficiale delle trentaduesime olimpiadi, esorta il mondo dello sport a stelle e strisce ad aderire alle regole internazionali in materia di doping. In realtà, le relazioni tra l'Ama e le autorità statunitensi sono tese da anni, con l'Agenzia antidoping statunitense che chiede da tempo una riforma dell'organismo di controllo globale sul doping, mentre i funzionari americani mettono in dubbio l'indipendenza dell'Agenzia a causa del fatto che molti suoi membri sono delegati di federazioni sportive e membri del Cio.

L'ultima tensione risale all'altro ieri, quando il coordinatore nordamericano per il doping nello sport, Richard Baum, ha dichiarato a una commissione del Senato statunitense che gli Usa (i quali, tra l'altro, sono i maggiori finanziatori dell'Ama) hanno trattenuto 1,3 milioni di dollari dei 2,9 milioni di quote annuali destinate all'Agenzia.

Oggi, invece, Banka, ha detto che vorrebbe vedere gli Stati Uniti fare pulizia nel loro giardino, per garantire che il maggior numero possibile dei suoi atleti possa competere secondo il Codice mondiale antidoping. In effetti, le principali leghe professionistiche del Paese, ovvero quelle di american football, baseball, basket e hockey non hanno mai aderito al Codice «È ora che si faccia qualcosa, e sarò più che felice di lavorare con loro perché questa è la debolezza del sistema statunitense» ha detto Banka, parlando di «doping accademico». Per il presidente dell'Ama, bisognerebbe sostenersi a vicenda, invece di sfidarsi. «Il mio messaggio è questo: lavoriamo insieme e concentriamo la nostra attenzione sulla lotta al doping».

Controlli, i russi sono i più 'tartassati'

Sempre a proposito di doping, ma sul fronte dei controllo, il direttore dell'International Testing Agency, Benjamin Cohen, ha affrontato la questione relativa ai controlli per gli atleti russi, che a seguito dell'ormai famigerata squalifica per doping di Stato fino al dicembre del 2022 anche a Tokyo dovranno gareggiare come "indipendenti", cioè in rappresentanza del Comitato olimpico russo anziché della loro stessa nazione, quindi senza bandiera e inno: «Non nascondo che gli atleti russi sono in cima alle valutazioni del rischio basate sugli anni e su problemi precedenti – ha detto Cohen –. Tuttavia non vengono trattati diversamente dagli altri atleti». Anzi: «Durante i programmi delle nostre federazioni abbiamo testato molti atleti russi, che effettivamente vengono testati molto più di quelli di altri Paesi».

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved