03.04.2022 - 16:45
Aggiornamento: 22:55

Si ferma in finale la cavalcata di Riedi a Lugano

Nell’ultimo atto del Challenger il 20enne zurighese (che effettuerà un gran balzo nella classifica Atp) è stato battuto in tre set dall’italiano Nardi

si-ferma-in-finale-la-cavalcata-di-riedi-a-lugano

Si è fermata sul più bello, in finale, la splendida cavalcata di Leandro Riedi (Atp 590) al Challenger di Lugano. Il 20enne zurighese nell’ultimo atto del torneo organizzato dalla famiglia Margaroli si è infatti inchinato 4-6 6-2 6-3 all’italiano Luca Nardi (297) e non è quindi riuscito a bissare il successo rossocrociato ottenuto l’anno scorso dal bernese Dominic Stricker (in questa edizione fuori al primo turno).

Alla sua prima finale di un Challenger, Riedi (che nei quarti aveva eliminato il connazionale Marc-Andrea Hüsler, numero 183 del ranking mondiale) è partito bene facendo suo con sicurezza il primo set, salvo però subire negli altri due il ritorno del tennista azzurro, il quale, lo ricordiamo, sempre nei quarti aveva persino dovuto annullare una palla di match all’argoviese Jérôme Kym (1’025). Un ko quello nell’ultimo atto della manifestazione sulle rive del Ceresio che nulla toglie però all’entusiasmante percorso del finalista del Roland Garros junior 2020 (dove era stato sconfitto dallo stesso Stricker), lungo il quale si è preso il lusso di superare gente come Maxime Cressy (72) e Pierre-Hugues Herbert (134). Tanto che lunedì farà un vero e proprio balzo in avanti nella classifica Atp, arrivando fino circa alla posizione numero 335, lui che alla fine del 2021 si trovava al 693esimo rango.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved