WAS Capitals
1
SJ Sharks
4
fine
(0-1 : 0-1 : 1-2)
COB Jackets
0
CAL Flames
6
fine
(0-1 : 0-2 : 0-3)
TOR Leafs
4
ANA Ducks
3
fine
(2-1 : 1-1 : 0-1 : 0-0 : 1-0)
Detroit Red Wings
5
CHI Blackhawks
8
3. tempo
(0-4 : 3-0 : 2-4)
WAS Capitals
1
SJ Sharks
4
fine
(0-1 : 0-1 : 1-2)
COB Jackets
0
CAL Flames
6
fine
(0-1 : 0-2 : 0-3)
TOR Leafs
4
ANA Ducks
3
fine
(2-1 : 1-1 : 0-1 : 0-0 : 1-0)
Detroit Red Wings
5
CHI Blackhawks
8
3. tempo
(0-4 : 3-0 : 2-4)
djokovic-le-zone-d-ombra-di-una-questione-seria
+4
TENNIS
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
6 ore

Lugano Tigers sconfitti nella Svizzera centrale

Migliore al tiro sotto tutti gli aspetti, la compagine ticinese ha avuto un passaggio a vuoto nel secondo periodo che le è costata la vittoria
Hockey
7 ore

La sfida vista da Ambrì. ‘Saranno i duelli, la chiave’

Cereda lancia la sesta sfida con il Lugano, ultimo sforzo prima della pausa. ‘Sarà benefica: le scorie post contagio non si sono del tutto dissipate”
HOCKEY
9 ore

‘Il derby? Sarà una battaglia, come sempre’

Julian Walker: ‘Tutte le sfide con l’Ambrì sono state tiratissime, non vedo favoriti. Dovremo fare bene il lavoro sporco, proprio come lo sanno fare loro’
CALCIO
10 ore

Arthur Cabral sul punto di approdare alla Fiorentina

L’attaccante brasiliano del Basilea attende solo gli sviluppi del caso Valhovic. Quest’anno ha segnato 14 reti in 18 partite di Super League
Hockey
11 ore

Lugano, Schlegel si deve fermare. Fino a marzo

Niente derby per il portiere bianconero: lesione agli adduttori della coscia. McSorley dovrà scegliere se puntare sul canadese Irving o su Fatton
CICLISMO
11 ore

Joel Suter secondo alla Challenge Mallorca

Il Spagna il 23enne elvetico della Uae Emirates è stato preceduto dal compagno di squadra McNulty, giunto al traguardo in solitaria
CALCIO
11 ore

Il Lugano riapre la campagna abbonamenti

Chi non avesse già provveduto a inizio stagione, da domani ha la possibilità di assicurarsi a prezzi scontati le nove partite casalinghe del ritorno
MOTOCICLISMO
12 ore

Via libera medico per Marc Marquez

Il pilota spagnolo ha superato i problemi di diplopia e sarà presente dal 5 al 7 febbraio nei primi test stagionali sul circuito di Sepang
CALCIO
12 ore

Infortunio al piede, Mirko Salvi out due mesi

Colpo duro per l’Yverdon, neo-promosso in Challenge League, costretto a fare a meno del suo estremo difensore
Hockey
12 ore

Le ragazze svizzere ai Giochi senza la loro stella. Per ora

Valori limite per entrare in Cina: Alina Müller e Sinjia Leemann incrociano le dita e vanno in isolamento. Weibel: ‘Fiduciosi della strategia adottata’
Tennis
12 ore

Medvedev firma l’impresa a Melbourne: è semifinale

Sotto di due set contro Aguer-Aliassine, il russo ribalta la partita e stacca il biglietto per il penultimo atto degli Australian Open
Hockey
14 ore

Hedlund e il suo staff non si muovono da Rapperswil

Confermata in blocco la guida tecnica dei sangallesi. Che resterà (almeno) fino al termine della stagione 2023/24
Sci
16 ore

Michelle Gisin dice no a Garmisch-Partenkirchen

Terza defezione di lusso, nel clan rossocrociato, per le ultime gare di Coppa del mondo prima della partenza per Pechino
Calcio
17 ore

L’Fc Lugano ha di nuovo un presidente, sarà Philippe Regazzoni

Classe ‘69, Regazzoni è attinente di Balerna ma residente a Küssnacht e da 25 anni è attivo nell’ambito assicurativo.
Calcio
23 ore

Da Lima a Yaoundé, quante tragedie legate al calcio

Disordini tra tifosi, strutture fatiscenti, sicurezza e forze dell’ordine inadeguate, fatalità: il dramma in Camerun è solo l’ultimo di una lunga lista
Tennis
12.01.2022 - 07:200

Djokovic, le zone d’ombra di una questione seria

Un viaggio a Marbella nei 14 giorni che hanno preceduto l’arrivo a Melbourne, un Pcr dal risultato controverso. Altri due capi d’accusa per Novak

L’intrigo si infittisce, la posizione di Novak Djokovic si è indebolita. Pur avendo vinto un primo set grazie al verdetto del giudice Kelly che gli ha consentito di restare in Australia convalidandone il visto, il serbo in queste ore, oltre ad allenarsi nella speranza di poter prendere parte agli Australian Open, ha dovuto difendersi da un paio di capi d’accusa abbastanza pesanti.

Da un lato, la polemica relativa al suo test Pcr, del quale il noto giornalista americano Ben Rothenberg ha messo in dubbio la regolarità effettuando delle scansioni del codice Qr del documento che Nole ha presentato alla dogana al suo arrivo a Melbourne. Scansioni che hanno dato esiti che rimbalzano dalla positività alla negatività (lo hanno potuto verificare i curiosi che hanno effettuato il medesimo test). Una bizzarria che certo non giova alla causa del numero uno al mondo, il quale - e qui siamo alla seconda incongruenza di una vicenda che ne è piena, deve anche giustificare il fatto che a Capodanno e dintorni fosse a Marbella (presenza documentata, oggi ai social non sfugge nulla), mentre sul formulario d’ingresso in Australia ha dichiarato di non aver viaggiato nei 14 giorni precedenti il suo arrivo a Melbourne. Svista o dimenticanza che sia, tanto basterebbe, a rigor di legge, per incorrere in una sanzione e, di conseguenza, per vedersi rifiutare il visto d’ingresso che è al centro dell’intera vicenda. “Dare informazioni false o ingannevoli è un reato grave. Si può anche essere soggetti a una sanzione civile per aver dato informazioni false o fuorvianti”, si legge nel formulario doganale. Djokovic si è giustificato davanti ai funzionari di frontiera sostenendo che la dichiarazione di viaggio australiana era stata compilata da Tennis Australia a suo nome. Non che la spiegazione gli possa giovare granché, anche perché tale procedura può dirsi corretta? Si può davvero demandare a terze parti la compilazione di un documento che contiene dati personali? E quale peso ha, se poi emerge che ci sono delle irregolarità, magari a insaputa di chi ha permesso che a redigerlo fossero altri?

Assoluzione piena per nessuno

Un pasticciaccio con tanti protagonisti, ognuno dei quali con qualche zona d’ombra avvolgente e ingombrante. Con l’assoluzione piena non esce nessuno, da questa storia, a prescindere dall’esito della stessa. Djokovic, il più forte di sempre, con ogni probabilità anche il più titolato, a fine carriera (nella lotta per il più grande soffre la presenza di Federer e Nadal che hanno un paio di lunghezze di vantaggio) è in continuo conflitto tra risultati straordinari e l’affannosa ricerca del consenso popolare, riservato in quasi egual misura ai suoi rivali di sempre. Roger e Rafa i quali si spartiscono il cuore della gente che per il serbo batte decisamente meno. Lo sa, e non se ne fa una ragione. Vincente come nessun altro, rapace dell’attimo fuggente senza pari, ci era voluta una sconfitta cocente, quella della finale di New York dello scorso anno contro Medvedev che lo aveva privato del Grande Slam, perché finalmente gli appassionati di tennis gli tributassero l’omaggio che inseguiva da anni e che era convinto di meritarsi per i trionfi accumulati. Un paradosso all’interno di una storia densa di contraddizioni che rischia di portarlo ai piedi della scala, costretto a riguadagnare stima e affetto così faticosamente conquistati. Di perdere ancora, però, non se ne parla, ne va dell’orgoglio legittimo del fuoriclasse, la cui caccia al titolo ripartirà come prima. Avversata da chi non lo sopporta, sostenuta da chi fa il tifo per lui. In perfetto stile Joker, controverso e discusso, generoso e incurante, quantomeno superficiale nell’approccio alle delicatissime questioni legate alla pandemia.

Esce sconfitta anche l’organizzazione degli Australian Open che ha fatto carte false - e forse non è solo un modo di dire visto che il formulario doganale contenente informazioni scorrette l’hanno redatto loro - per avere in tabellone il numero uno al mondo, vincitore di nove edizioni, alla caccia dello storico Slam numero 21. Legittimi sogni di gloria da parte di chi ambisce a superare la concorrenza di Parigi, Londra e New York, celebrando il più titolato di sempre entro i propri confini. Ma a quale prezzo?

Hanno perso, eccome se hanno perso, anche le autorità di Canberra, colte alla sprovvista dal giudice Kelly, non abbastanza tempestivi nell’intervenire nonostante gli strepiti giustizialisti dei politici che si sono riempiti la bocca di concetti quali “la legge è uguale per tutti” ai quali però andrebbero fatti seguire i fatti. A patto, ovviamente, di averne l’autorità e di rispettare i termini di leggi che con l’esenzione medica si è cercato simpaticamente di dribblare. Con le conseguenze che conosciamo e che riempiono le pagine dei giornali e intasano i canali social.

Ne esce male il tennis, l’ambito che dovrebbe essere al centro dell’attenzione, a ridosso di un appuntamento dello Slam. Talmente ai margini della questione che manco ci si accorge che tra pochi giorni si gioca, a prescindere da Djokovic. Da tutto. L’imbarazzo dell’Atp la dice lunga. Intanto le palline restano sotto pressione, negli appositi tubi, perché la partita viene giocata fuori contesto, dove vigono regole meno chiare. In campo, se è dentro o fuori, al limite lo decide il “falco”, e fine delle discussioni. Nessuna possibilità di interpretazioni o speculazioni. Niente supposizioni: punto tuo o punto mio, non si scappa. Favolosamente chiaro.

TENNIS: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 8 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved