Young Boys
Lugano
20:30
 
Bologna
1
Roma
0
2. tempo
(1-0)
Inter
2
Spezia
0
2. tempo
(1-0)
Genoa
Milan
20:45
 
Sassuolo
Napoli
20:45
 
DJOKOVIC N. (SRB)
0
BUBLIK A. (KAZ)
0
1 set
(3-1)
Langenthal
1
Visp
0
1. tempo
(1-0)
Young Boys
Lugano
20:30
 
Bologna
1
Roma
0
2. tempo
(1-0)
Inter
2
Spezia
0
2. tempo
(1-0)
Genoa
Milan
20:45
 
Sassuolo
Napoli
20:45
 
DJOKOVIC N. (SRB)
0
BUBLIK A. (KAZ)
0
1 set
(3-1)
Langenthal
1
Visp
0
1. tempo
(1-0)
belinda-bencic-l-oro-olimpico-vale-uno-slam
TENNIS
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Sci
7 sec

TiSki a capofitto e senza paura nella nuova stagione

La Federazione ticinese ha presentato le novità in vista di un inverno che sarà ancora condizionato dalla pandemia: ‘Ma noi siamo pronti ad adattarci’
Hockey
4 ore

Hc Lugano, Elia Riva bianconero fino al 2024

Domenichelli: ‘Siamo molto felici di poter contare su Elia anche nel futuro Lugano che stiamo costruendo insieme al nostro staff tecnico’
Pugilato
5 ore

La boxe torna ad Ascona con dieci incontri ‘olimpici’

Sabato sul ring del Bca una squadra formata da cinque pugili del Boxe Club Ascona rinforzata da cinque colleghi del Bc Riazzino
La conferenza
5 ore

L’importanza di un piano B

Serata tematica venerdì 10 dicembre sull’importanza di conciliare lo studio con lo sport professionistico
Calcio
6 ore

Lo Young Boys può recarsi a Manchester

Il club giallonero ha ricevuto un’autorizzazione speciale dalle autorità cantonali bernesi per evitare la quarantena di rientro dall’Inghilterra
Hockey
6 ore

Torneo di Visp, la Norvegia sostituisce la Russia

Il Quattro Nazioni vallesano di metà dicembre accoglie quindi la Norvegia che affiancherà Svizzera, Slovacchia e Lettonia
hockey
9 ore

Yakovenko e Lööv prolungano a Bienne

I due difensori stranieri hanno protratto il contratto per tre rispettivamente due stagioni
volley
9 ore

Caixeta e Hiruela lasciano il Lugano

Rescissione contrattuale tra le due giocatrici e la società alle prese con una grave crisi di risultati
Vela
10 ore

Alinghi torna in Coppa America nel 2024

Lo riferiscono i media neozelandesi. Il team svizzero ha pagato la tassa d’iscrizione per competere nella 37esima edizione della gara nel 2024
Hockey
20 ore

Un Lugano da 3 su 4. ‘Certo che quando si è al completo...’

Grazie a Carr, ma non solo, i bianconeri mettono sotto il Servette. Samuel Guerra: ‘E ora il gioco di transizione è tutto un’altra cosa’
Hockey
20 ore

La gioia di Cereda: ‘La squadra ha accettato di soffrire’

Il coach biancoblù si complimenta con i suoi per la reazione sul ghiaccio di Zugo. ‘Non ci siamo fatti prendere dal panico, è stata questa la chiave’
Hockey
22 ore

Ambrì Piotta, la rivincita è servita

I biancoblù espugnano Zugo (4-3) al termine di un’ottima prova. In rete anche Hietanen e D’Agostini
Hockey
22 ore

L’abnegazione, la pazienza e poi la mira di Daniel Carr

Quarantasette minuti senza reti, poi lo show del canadese del Lugano, la cui doppietta spegne definitivamente i sogni di gloria del Ginevra Servette
Tennis
16.08.2021 - 16:440
Aggiornamento : 18:46

Belinda Bencic: ‘L’oro olimpico vale uno Slam’

La sangallese, a Cincinnati per preparare gli Us Open, torna sull'impresa di Tokyo

La sua pianificazione è stata scombussolata: nell’agenda di Belinda Bencic, dopo Tokyo c’era il Masters 1000 di Montréal. Tuttavia un imprevisto le ha impedito di tenere fede ai suoi programmi originali: la medaglia d’oro vinta alle Olimpiadi (oltre all’argento conquistato in doppio con Viktorija Golubic, naturalmente). L’ebbrezza da Olimpiade andava smaltita. Troppo grande, inoltre, la voglia di festeggiare con amici e familiari, a casa. «Sono stati giorno un po’ caotici - svela la sangallese - perché ero molto sollecitata: le richieste dei media, gli appuntamenti, l’incontro con gli sponsor, ma anche molte ore con la famiglia e gli amici. Naturalmente, ho anche dovuto riprendere gli allenamenti». Del resto, benché il ricordo resti vivo, la carriera prosegue. Rilanciata da un’impresa sportiva non pianificata, ma neppure improvvisata.

Belinda alle Olimpiadi è andata senza attese esagerate, ma pur sempre con grande gioia, anche perché cinque anni fa aveva dovuto rinunciare per un infortunio al polso. «Molti colleghi mi hanno spiegato che atmosfera avrei trovato, ai Giochi».- Nonostante le condizioni del tutto particolari dovute alla emergenza sanitaria, la sangallese è rimasta affascinata. «È quasi impossibile da descrivere. È stata tutta un’esperienza, nel verso senso della parola. Era fantastico anche solo andare a fare colazione. In palestra mi allenavo con atleti di altre discipline di altissimo livello. In quel contesto, con tutte quelle emozioni e quella gioia, manco ci pensavo, al tennis. Sul piano morale ed emotivo ho vissuto sempre momenti altissimi».

Emozioni positive

A Tokyo Belinda ha potuto constatare che «in quanto tennista, non conti poi granché. Tutti gli atleti sono inseriti nel medesimo contesto e vivono le stesse esperienze, beneficiano delle emozioni positive a cinque cerchi» che in lei hanno moltiplicato le energie grazie alle quali sorbirsi un programma fitto fitto, con un doppio impegno quotidiano, con singolare e doppio. «La fatica non la sentivo, il doppio con Vicky è stata la ciliegina sulla torta». La stanchezza fisica, a un certo punto è emersa. «Mentalmente, però, sono rimasta al top per molti giorni».

Nell’ambito del tennis, un titolo del Grande Slam vale più di un oro olimpico. Belinda, però, è convinta che i due risultati possano essere messi sullo stesso piano. «È divertente: il mio allenatore Sebastian Sachs prima di andare a Tokyo mi chiese quale titolo avrei preferito, se avessi potuto scegliere: gli risposi spontaneamente “le Olimpiadi”. Naturalmente non potevo sapere che avrei vinto. Sarebbe il massimo anche vincere uno Slam, per ora rimane un sogno. Va però detto che i Giochi olimpici vanno oltre la singola disciplina: le Olimpiadi sono per tutti, anche per coloro i quali non seguono il tennis».

Riecco Vondrousova, come a Tokyo

Avrebbero potuto fungere da portafortuna, o da motivazione supplementare, ma Belinda non ha portato con sé le medaglie a Cincinnati. «Devo fare attenzione - dice divertita -, si graffiano, non si devono toccare». Uno strano scherzo del destino, al primo turno la pone di fronte alla ceca Marketa Vondrousova, la sua avversaria nella finale di  Tokyo.«Abbiamo entrambe scosso la testa, quando abbiamo visto il sorteggio. Ma come è possibile? Proprio adesso che sono riuscita a staccare e a togliermi quel match dalla testa. Tant’è, con lei mi trovo bene e posso scambiare qualche parola in slovacco. Sarà una partita molto intensa ma saremo entrambe un po’ più rilassate».

Cincinnati è una tappa verso gli Us Open utile per ritrovare la migliore condizione. Il viaggio dalla Svizzera, inoltre, non è stato dei più sereni. Due coincidenze cancellate a Chicago, una notte e molte ore da fare trascorrere prima che lei, il suo preparatore atletico nonché compagno Martin Hromkovic e il coach Sebastian Sachs giungessero a destinazione. La sangallese, però, la prende con filosofia. «Il mio fisico aveva bisogno di un po’ di riposo, per la rigenerazione. Dal punto di vista tecnico mi sento bene 

Nell’Ohio, come detto, si tratta principalmente di ritrovare ritmo di gioco e brillantezza. Il vero obiettivo sono gli Us Open. Nell'edizione di due anni fa Belinda Bencic andò vicina come non mai al suo secondo sogno, il titolo Slam al quale fu costretta a rinunciare in semifinale, stadio che non ha mai più raggiunto nei “major”. Le servirà quel picco emozionale raggiunto a Tokyo che dice di non avere ancora perso.

TENNIS: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved