Bologna
1
Roma
0
1. tempo
(1-0)
Inter
1
Spezia
0
1. tempo
(1-0)
DJOKOVIC N. (SRB)
BUBLIK A. (KAZ)
19:45
 
LENZ J. (GER)
2
STRICKER D. (SUI)
0
fine
(7-5 : 7-5)
Langenthal
Visp
19:46
 
Bologna
1
Roma
0
1. tempo
(1-0)
Inter
1
Spezia
0
1. tempo
(1-0)
DJOKOVIC N. (SRB)
BUBLIK A. (KAZ)
19:45
 
LENZ J. (GER)
2
STRICKER D. (SUI)
0
fine
(7-5 : 7-5)
Langenthal
Visp
19:46
 
bencic-adelaide-rampa-di-lancio-ideale
TENNIS
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
3 ore

Hc Lugano, Elia Riva bianconero fino al 2024

Domenichelli: ‘Siamo molto felici di poter contare su Elia anche nel futuro Lugano che stiamo costruendo insieme al nostro staff tecnico’
Pugilato
3 ore

La boxe torna ad Ascona con dieci incontri ‘olimpici’

Sabato sul ring del Bca una squadra formata da cinque pugili del Boxe Club Ascona rinforzata da cinque colleghi del Bc Riazzino
La conferenza
4 ore

L’importanza di un piano B

Serata tematica venerdì 10 dicembre sull’importanza di conciliare lo studio con lo sport professionistico
Calcio
5 ore

Lo Young Boys può recarsi a Manchester

Il club giallonero ha ricevuto un’autorizzazione speciale dalle autorità cantonali bernesi per evitare la quarantena di rientro dall’Inghilterra
Hockey
5 ore

Torneo di Visp, la Norvegia sostituisce la Russia

Il Quattro Nazioni vallesano di metà dicembre accoglie quindi la Norvegia che affiancherà Svizzera, Slovacchia e Lettonia
hockey
8 ore

Yakovenko e Lööv prolungano a Bienne

I due difensori stranieri hanno protratto il contratto per tre rispettivamente due stagioni
volley
8 ore

Caixeta e Hiruela lasciano il Lugano

Rescissione contrattuale tra le due giocatrici e la società alle prese con una grave crisi di risultati
Vela
9 ore

Alinghi torna in Coppa America nel 2024

Lo riferiscono i media neozelandesi. Il team svizzero ha pagato la tassa d’iscrizione per competere nella 37esima edizione della gara nel 2024
Hockey
19 ore

Un Lugano da 3 su 4. ‘Certo che quando si è al completo...’

Grazie a Carr, ma non solo, i bianconeri mettono sotto il Servette. Samuel Guerra: ‘E ora il gioco di transizione è tutto un’altra cosa’
Hockey
19 ore

La gioia di Cereda: ‘La squadra ha accettato di soffrire’

Il coach biancoblù si complimenta con i suoi per la reazione sul ghiaccio di Zugo. ‘Non ci siamo fatti prendere dal panico, è stata questa la chiave’
Hockey
21 ore

Ambrì Piotta, la rivincita è servita

I biancoblù espugnano Zugo (4-3) al termine di un’ottima prova. In rete anche Hietanen e D’Agostini
Hockey
21 ore

L’abnegazione, la pazienza e poi la mira di Daniel Carr

Quarantasette minuti senza reti, poi lo show del canadese del Lugano, la cui doppietta spegne definitivamente i sogni di gloria del Ginevra Servette
Gallery
Calcio femminile
23 ore

La Svizzera ne rifila sette alla Lituania

La Svizzera consolida il primo posto in un girone in cui le avversarie più temibili sono le Azzurre, impostesi 5-0 ai danni della Romania
Tennis
01.03.2021 - 18:100
Aggiornamento : 18:37

Bencic: ‘Adelaide rampa di lancio ideale’

La sangallese giocherà a Doha e Dubai, poi Miami, prima della stagione sulla terra che per lei partirà a Stoccarda. ‘A casa torno solo in aprile’

Tre tornei disputati (per un bilancio complessivo di 5 vittorie e 3 sconfitte), 32 giorni in isolamento (alcuni dei quali trascorsi interamente in una camera d'albergo, altri giocando un po’ a tennis), 14 giorni senza limitazioni, 135 chili di bagaglio (per tre persone), un puzzle da 1’000 pezzi terminato, 4 libri letti. Si può riassumere con queste cifre il mese e mezzo trascorso in Australia da Belinda Bencic, già giunta in Qatar.

La finale di Adelaide (persa 6-2 6-2 contro la polacca Iga Swiatek) culmine di complessivamente cinque vittorie e tre sconfitte: quale bilancio trarre dalla lunga tournée australiana, con tanto di quarantena? Ne è valsa la pena? «Difficile da dire - spiega la sangallese -. L’isolamento non ha giovato, né ha reso le cose più semplici, ma perlomeno si è giocato. La mia preparazione di inizio stagione era stata ottimale, ma è come se l’avessi vanificata. A Melbourne non ho giocato bene, benché abbia vinto due partite. Tutto sommato il mio è stato un percorso accettabile. Ho tratto il meglio da una situazione complicata. Ribadisco, non è andata così male ma non posso certo ritenermi del tutto soddisfatto da un terzo turno in uno Slam. Non è la mia prima partecipazione, un po’ di frustrazione c’è. Ma adesso ho voglia di guardare avanti».

Quella di Adelaide è stata una settimana positiva, esito a parte. «Della finale sono delusa, ma nel complesso è stata una buona settimana. Abbiamo lavorato bene, se penso al modo in cui avevo giocato a Melbourne. Mi sento meglio, sul campo. Voglio sfruttare questo momento come trampolino in direzione dei prossimi tornei».

Solida mentalmente

Le partite combattute le ha vinte tutte. A riprova di un mentale ben registrato. «Mi reputo solida, da questo punto di vista, anche se a volte, a giudicare dalle sconfitte, non si direbbe. È un aspetto sul quale bisogna lavorare, ma lo si può fare solo in partita, non in allenamento. Più finali, semifinali o quarti di finale combattuti vinco, migliore diventa la tenuta mentale. Ho fame di partite, stavo giocando bene e vorrei proseguire lungo questo filone. Per contro, quando esci sempre al primo turno, vorresti tornartene a casa e non più giocare. A volte prendersi una pausa può fare bene, ma adesso che le cose funzionano e in campo mi diverto, non penso certo a fermarmi, anzi. Ho sofferto in ogni partita, ma ne sono uscita più forte. Inoltre, mica posso tornarmene a casa (ride, ndr)».

La stagione prosegue a Doha. «Esordisco oggi. Spero che vada tutto bene perché tra poco c’è il “1000 di Dubai. Poi mi focalizzerò sul torneo di Miami, anche quello un “1000”. In seguito ci sarebbe dovuto essere la fase finale della Billie Jean King Cups (l’ex Fed Cup), ma è stata rinviata. Ancora non so bene con precisione come andrà dopo Miami, ma di certo si passerà alla terra e giocherò a Stoccarda».

‘Mi mancano i miei cani’

Ne passerà di tempo, prima di fare ritorno in Svizzera. «Era previsto. Sono partita il 27 dicembre, non vi farò ritorno prima di aprile. È dura, sì, ma al momento, con restrizioni e quarantene, non è poi così facile pianificare un fugace ritorno a casa».

Cosa le manca di più di casa? «I miei cani. E l’ovomaltina. Calda o fredda che sia. Anche la neve, sciare. Non lo faccio da così tanto tempo. Ma sono stata talmente tanto a casa lo scorso anno, che di certo non mi posso lamentare».

Come giudica il momento del tennis femminile? «Difficile esprimere un giudizio su quanto forti siano le tenniste di oggi. Ogni era ha le sue protagoniste. In campo femminile non ci sono solo tre giocatrici che dominano per un intero secolo (ride, ndr). Prima di un torneo ho l’impressione che lo possa vincere chiunque. Difficile azzeccare un pronostico. Nel complesso, il tennis femminile ha fatto enormi passi avanti. Anche grazie ai progressi fatti da molte giocatrici giovani che già lottano per le posizioni di vertice».

Ad Adelaide c’era il pubblico, sugli spalti. Verosimilmente, però, i prossimi tornei saranno a porte chiuse. «La presenza degli spettatori è sinonimo di emozioni. Lo scorso anno non ho giocato molto. A Melbourne ho disputato due incontri con il pubblico, il terzo però senza: che brutta sensazione. MI ha stupìto quanto ci si sentisse soli, l’atmosfera era completamente diversa, surreale. Ad Adelaide ho ritrovato un po’ di normalità. È stato bello, l’ho apprezzato moto. Quando giochi senza spettatori senti che c’è qualcosa di sbagliato».

TENNIS: Risultati e classifiche

Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved