Red Bull Salzburg
1
Eintracht Frankfurt
1
2. tempo
(1-1)
Ambrì
Davos
19:45
 
Berna
Friborgo
19:45
 
Bienne
Zurigo
19:45
 
Ginevra
Losanna
19:45
 
Lakers
Lugano
19:45
 
Zugo
Langnau
19:45
 
Ajoie
La Chaux de Fonds
19:45
 
Kloten
GCK Lions
19:45
 
Visp
Turgovia
19:45
 
Olten
Langenthal
19:45
 
Red Bull Salzburg
1
Eintracht Frankfurt
1
2. tempo
(1-1)
Ambrì
Davos
19:45
 
Berna
Friborgo
19:45
 
Bienne
Zurigo
19:45
 
Ginevra
Losanna
19:45
 
Lakers
Lugano
19:45
 
Zugo
Langnau
19:45
 
Ajoie
La Chaux de Fonds
19:45
 
Kloten
GCK Lions
19:45
 
Visp
Turgovia
19:45
 
Olten
Langenthal
19:45
 
J. GRAPPELLI
Tennis
19.10.2017 - 17:400

Fedal, che coppia! Roger e Rafa ormai inseparabili: 'Quando mi inviti ancora?'. 'La mia Academy è casa tua' (guarda i videomessaggi)

I 'nuovi' Roger e Rafa non si lasciano più. A pochi giorni dalla finale di Shanghai – vinta dal primo, che per la quarta volta in stagione ha messo sotto lo spagnolo –, il basilese ha mandato gli auguri al maiorchino, con un videomessaggio subito diventato virale sui social. “Quando mi inviti ancora?” chiede il primo. ”Qui è casa tua”, risponde il secondo.

L'occasione è il primo anniversario dell'accademia di tennis di Nadal, inaugurata a Manacor proprio un anno fa dai due più grandi campioni dell'ultimo ventennio.

”Ciao a tutti, sono Roger”, esordisce lo svizzero, come se ci fosse bisogno di specificarlo, poi.


“Vorrei congratularmi per il primo anniversario dell'Academy con tutto il team di Rafael Nadal e la sua famiglia. So che hanno lavorato molto duramente per far sì che questo progetto si realizzasse. Il risultato è che oggi è una delle migliori accademie di tennis al mondo. Sono contento che il giorno dell’inaugurazione fossi presente insieme a Rafa; abbiamo trascorso dei magnifici momenti. Non credo che Rafa o io allora potessimo immaginare che avremmo poi avuto l’anno che abbiamo vissuto. Chi lo sa, magari tutto è partito proprio dopo quel giorno alla Rafael Nadal Academy. Quindi mi aspetto presto un altro invito, così che possa tornarci e poter trarre ispirazione da tutti quei ragazzi che si allenano e da tutto quanto offre la struttura. Mi piacerebbe proprio tornarci, perciò sto aspettando di essere inviato. Per ora statemi bene, ci vediamo presto”.

Pronta è arrivata la risposta di Nadal.

“Ehi Rrroger, grazie mille per il tuo messaggio. È stato un grande anno per l’Academy; il tuo aiuto nel giorno dell’inaugurazione è stato certamente molto importante. Per questo non potrò mai ringraziarti abbastanza; ma tu sai quanto la tua presenza abbia contato per tutti, qui: per il mio team, la mia famiglia e tutte le persone che ogni giorno lavorano con grande impegno. E ovviamente per me, come ho già avuto modo di dirti personalmente. Per te l’invito a visitarci è sempre valido. L’Academy è la tua casa, la tua famiglia; questi sono i tuoi bambini. La sola cosa che non dovrebbe più ripetersi, è che dopo essere stato qui, tu torni a giocare così bene come hai fatto quest’anno... Se così fosse, non ti invito più. No, ovviamente scherzo...! A presto”.

 

I migliori nemici del circuito, protagonisti di alcune delle più epiche partite di sempre e che nel 2017 sono prepotentemente tornati a dettar legge, vincendo due Slam a testa, regalano ai loro innumerevoli tifosi un'altra puntata di una storia sempre più indissolubile. Come del resto hanno sempre affermato entrambi, uno non sarebbe quello che è se l'altro non ci fosse. Una storia dai numerosissimi capitoli scritti sul rosso-terra, l'azzurro-cemento e il verde-erba a suon di colpi e che negli ultimi tempi si va arricchendo di gustosi siparietti extra sportivi. Episodi che li stanno rendendo ancor più simpatici e che ne hanno ormai fatto una coppia, sportivamente parlando. Talmente coppia da essere pure stata battezzata – Fedal –, 'ufficializzata' durante una Laver Cup in cui tutti i riflettori sono stati per loro. Scatenati in doppio, complici in panchina, uno teso quando giocava l'altro.
Roger e Rafa i 'vecchietti' sembra che si stiano divertendo un mondo, ancor più del solito. Hanno mantenuto intatta la voglia di vincere, ma le sconfitte bruciano un pochino meno. Merito, forse, di una serenità propria di chi sa di non dover più dimostrare nulla, in primis a se stesso.
In barba all'anagrafe, sono ancora loro lo spot migliore per il tennis. Quello con quell'inglese parlato a macchinetta e la ridarella facile e quell'altro con l'inconfondibile tripla erre con cui pronuncia Rrroger.

 

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved