NY Rangers
1
SJ Sharks
0
1. tempo
(1-0)
WIN Jets
3
NJ Devils
1
1. tempo
(3-1)
NY Rangers
1
SJ Sharks
0
1. tempo
(1-0)
WIN Jets
3
NJ Devils
1
1. tempo
(3-1)
camille-rast-e-quella-voglia-di-pedalare-anche-sulla-neve
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
3 ore

In Davis Djokovic non basta: la Serbia è fuori

Mektic e Pavic dettano legge, e la Croazia è in finale. Se la vedrà con la vincitrice dell’altra sfida tra Germania e Russia, in programma domani
Formula 1
4 ore

A proposito di Arabia e Hinwil

Picci e Vasseur, convivenza turbolenta in casa Sauber. Nelle libere le Mercedes di Hamilton e Bottas precedono GAsly e Verstappen
Sci
4 ore

Sofia Goggia ha i razzi ai piedi, Lara invece è attardata

Nella libera di Lake Louise l’italiana lascia solo le briciole alle avversarie: quasi un secondo e mezzo alla seconda classificata, l’americana Johnson
Sci
6 ore

Odermatt è ancora da podio. Ma alle spalle di Kilde

A Beaver Creek è il norvegese a trionfare nel secondo superG in 24 ore sulle nevi del Colorado, dove il talento nidvaldese è battuto per soli 3 centesimi
Hockey
8 ore

La pandemia posticipa la festa dell’Ambrì Piotta

Slitta a data da definirsi la festa (prevista sabato 18 dicembre) per l’inaugurazione del nuovo stadio biancoblù
Hockey
8 ore

‘Spiace che la notizia sia già uscita, ma va bene pure così’

Ultima stagione di Fora con l’Ambrì. Che poi, per quattro anni, giocherà a Davos. ‘Il ricordo più bello? Speriamo debba ancora arrivare’
Gallery
Basket
9 ore

Per Sam e Tigers conta vincere, seppur per motivi diversi

Domenica Massagno ospita l’Olympic, domani il Lugano di scena all’Elvetico contro la cenerentola Monthey
Gallery
Calcio
10 ore

Croci-Torti: ‘Con pazienza possiamo venire a capo del Sion’

Domenica contro i vallesani dell’ex mister bianconero Tramezzani mancheranno Celar e il portiere Saipi. Il tecnico del Lugano: ‘Baumann è pronto’
Hockey
10 ore

Il Ginevra mette le mani su Bertaggia. ‘È una nuova sfida’

Il Servette ufficializza un contratto quinquennale alle Vernets per il 28enne attaccante bianconero. Il ds Marc Gautschi: ‘Porterà emozioni alle Vernets’
Tennis
12 ore

Australian Open, perdite per 70 milioni di franchi

Per organizzare l’edizione 2022 in gennaio la federazione attinge alle riserve (56 milioni) e ricorre a un credito di 30 milioni
Calcio
12 ore

Incidenti prima della finale di Wembley ‘uno smacco collettivo’

Centinaia di tifosi inglesi sprovvisti di biglietto avevano fatto irruzione nello stadio. ‘Avrebbero potuto esserci dei morti’, rivela un rapporto
Gallery
Calcio
12 ore

Promotion League, obiettivo tre punti per chiudere in bellezza

Domenica l’ultimo turno del 2021: il Bellinzona sarà di scena a Bienne; al Riva IV il Chiasso ospiterà lo Young Boys II
Freestyle
21 ore

I moschiettieri rossoblù delle gobbe

Marco Tadé e Nicole Gasparini, ma anche i giovani Martino Conedera ed Enea Buzzi: saranno ben quattro i ticinesi al via domani a Ruka in Coppa del mondo!
Sci
1 gior

In Colorado il padrone di casa è sempre Marco Odermatt

Il ventiquattrenne nidvaldese domina il primo superG della stagione, sulle nevi su cui aveva già trionfato due anni fa. Sul podio con lui Mayer e Thompson
Judo
1 gior

Ticinesi con onore agli assoluti di Bienne

A impreziosire il bilancio rossoblù sono state le medaglie di Loris Perosa, Christian Edouard e Martin Motta
Sci
1 gior

Prima il vento, ora il caldo. Mentre Lara incrocia le dita

Di nuovo niente allenamenti in vista del debutto della stagione femminile della velocità, domani in Canada. Dove la ticinese farà i conti con la ‘grippe’
Sci
 
09.11.2021 - 21:010

Camille Rast e quella voglia di ‘pedalare’ anche sulla neve

Frenata a inizio carriera dalla mononucleosi e da un infortunio, la 22enne vallesana cerca il suo posto nel Circo Bianco anche grazie alla mountain bike.

La stagione della verità, questo rappresenta l’inverno 2020/2021 per Camille Rast. La 22enne vallesana è infatti pronta a passare dal “sono già contenta di esserci” che ha ripetuto quasi come un mantra nella passata annata del Circo Bianco, al «ci sono e voglio dimostrare quello che valgo». Sì, perché seppur in rampa di lancio già nel 2007, anno in cui a soli 17 anni aveva conquistato i suoi primi punti di Coppa del mondo nel gigante di Plan de Corones (nono posto) e preso parte ai Mondiali di St. Moritz (quarta nel Team Event), la carriera della ragazza di Vetroz non è mai realmente decollata per colpa di una fastidiosissima forma di mononucleosi prima e di un grave infortunio al ginocchio poi (marzo 2019), tanto che solo l’anno scorso ha potuto disputare la sua prima stagione completa. Un rientro non facile ma effettuato in crescendo, con una prima parte d’inverno caratterizzata da tante mancate qualificazioni alle seconde manche dei vari giganti e speciali e una seconda parte nella quale ha iniziato a raccogliere i frutti del duro lavoro, in particolare in tra i paletti stretti, dove ha tra l’altro centrato il sesto posto in Cdm a Flachau e l’ottavo ai Mondiali di Cortina. Uno slancio che la romanda vuole ritrovare anche nella nuova stagione, che il prossimo weekend propone il parallelo di Lech e nella quale nonostante l’inizio non ottimale in quel di Sölden (solo 38esima della prima manche, cosa che non le ha permesso di prendere parte alla seconda prova) nutre grandi speranze.

‘Sì, in un certo senso la mia carriera è iniziata adesso’

«La scorsa stagione è stata di transizione, una riscoperta per me e se guardo da dove arrivo, sono davvero contenta di ciò che sono riuscita a fare – ci ha confessato Rast –. Ora però mi sento pronta per il passo successivo: sì, in un certo senso la mia carriera inizia adesso».

Una carriera che la campionessa del mondo juniores di slalom del 2017, reduce da un’estate positiva, sta portando avanti in due universi paralleli, quello dello sci e quello delle due ruote… «La preparazione estiva è andata davvero bene, dopo la lunga scorsa stagione ho effettuato una pausa molto corta e mi sono subito rimessa in forma, lavorando sodo in maggio e giugno per poi concedermi un nuovo break nel quale ho potuto disputare anche qualche gara di mountain bike (nientemeno che nella Coppa del mondo di Enduro, ottenendo anche un ottimo 12esimo rango in Val di Fassa, ndr), l’altra mia grande passione. Qualcuno ha bisogno di leggere, di studiare o di fare altro per distrarsi e mantenere il giusto equilibrio anche mentale, per me questa funzione la esercita la bici, senza la quale penso che non sarei la stessa atleta nemmeno sugli sci. E nonostante gli iniziali sensi di colpa per essermi dedicata alla mountain bike, devo dire che mi ha fatto davvero bene, ne avevo proprio bisogno e mi ha permesso di ripartire con rinnovato entusiasmo anche sugli sci».

Come dire che la mountain bike per Camille Rast rappresenta ben più di un semplice passatempo estivo… «Assolutamente sì, è anche attraverso la bici che dopo tutti i problemi che ho avuto ho ritrovato la motivazione per tornare ai massimi livelli nello sport e per spingermi nuovamente verso i miei limiti, per cui non potrei più farne a meno, fa parte di me tanto quanto lo sci ed è presente nella mia pianificazione stagionale. Siamo senza neve per tre mesi durante l’estate e gareggiare con la mountain bike mi permette di tenere allenata la parte strategica delle gare, capire quale strategia adottare, scegliere la linea giusta, individuare il momento o il settore giusti per attaccare. Certo, è un bella sfida riuscire a competere in due sport così diversi e non è sempre facile gestire ad esempio le energie, ma trovo che insieme formino davvero un bel mix e che siano complementari».

‘Sogno i Giochi… E il gigante non lo mollo’

Ora per la 22enne è però arrivato davvero il momento di lasciarsi alle spalle i problemi del passato, mettere da parte anche la bici e capire qual è il suo posto nel Circo Bianco… «Posso finalmente avere una visione globale e pianificare un percorso con degli obiettivi a lungo termine, che in una stagione olimpica non possono essere diversi dal partecipare alla mia prima rassegna a cinque cerchi. Non sarà facile, perché nella squadra svizzera siamo in tante per pochi posti e la competizione interna si sente, a maggior ragione visto che quest’anno sono in diverse a rientrare dopo degli infortuni. D’altronde è giusto così, tutti vogliono partecipare ai Giochi e lo sci rimane uno sport prettamente individuale, anche se la maggior parte del tempo lavoriamo in squadra. Bisogna trovare un equilibrio e per quel che mi riguarda, sono pronta a rimboccarmi le maniche e pure a sgomitare per giocarmi le mie chances. Sono conscia che per riuscirci dovrò trovare una certa continuità, essere veloce una volta non basterà, ma sento anche di avere le carte in regola per farcela».

Il focus è sullo slalom, senza però snobbare le porte larghe, anzi… «In allenamento ho cercato di lavorare su entrambe le discipline per ritrovare il livello raggiunto nel finale della scorsa stagione e ho voluto insistere anche sul gigante perché sento che sia un problema più mentale che tecnico. In allenamento infatti scio bene e veloce, ma poi in gara le cose vanno diversamente (una sola volta tra le migliori 30 in sette giganti nello scorso inverno, ndr). Il pettorale alto di certo non aiuta, sono davvero in poche a riuscire a entrare nelle trenta partendo con un numero molto alto, ma non voglio mollare. Mai».

SPORT: Risultati e classifiche

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved