NY Rangers
3
CHI Blackhawks
2
fine
(0-1 : 2-0 : 1-1)
VAN Canucks
1
PIT Penguins
3
2. tempo
(0-0 : 1-3)
NY Rangers
3
CHI Blackhawks
2
fine
(0-1 : 2-0 : 1-1)
VAN Canucks
1
PIT Penguins
3
2. tempo
(0-0 : 1-3)
sui-leader-la-pressione-di-gut-behrami-e-odermatt
Keystone
+5
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Gallery
Hockey
7 ore

Decisivo Loeffel, a Berna il Lugano coglie due punti pesanti

I bianconeri pareggiano il conto all’ultimo minuto con il topscorer Luca Fazzini e si impongono ai rigori
Gallery
Hockey
7 ore

Un buon Ambrì si arrende solo all’overtime ai Lions

Il ‘ruggito’ di Hollenstein al 63’46" mette fine a una partita particolarmente combattuta. Per i leventinesi a bersaglio Heim e McMillan
Hockey
11 ore

Dominic Zwerger ‘out’ fino a dopo la pausa Nazionale

Il giocatore dell’Ambri Piotta ha subìto una lesione muscolare durante l’allenamento di venerdì mattina
calcio e finanza
1 gior

È ancora Italia-Svizzera, la partita delle plusvalenze

Indagini sull’utilizzo spinto della formula per scambiare calciatori da parte della Juventus e altri club di A: nel mirino gli affari con Lugano e Basilea
Tennis
1 gior

In Davis Djokovic non basta: la Serbia è fuori

Mektic e Pavic dettano legge, e la Croazia è in finale. Se la vedrà con la vincitrice dell’altra sfida tra Germania e Russia, in programma domani
Formula 1
1 gior

A proposito di Arabia e Hinwil

Picci e Vasseur, convivenza turbolenta in casa Sauber. Nelle libere le Mercedes di Hamilton e Bottas precedono GAsly e Verstappen
Sci
1 gior

Sofia Goggia ha i razzi ai piedi, Lara invece è attardata

Nella libera di Lake Louise l’italiana lascia solo le briciole alle avversarie: quasi un secondo e mezzo alla seconda classificata, l’americana Johnson
Sci
1 gior

Odermatt è ancora da podio. Ma alle spalle di Kilde

A Beaver Creek è il norvegese a trionfare nel secondo superG in 24 ore sulle nevi del Colorado, dove il talento nidvaldese è battuto per soli 3 centesimi
Hockey
1 gior

La pandemia posticipa la festa dell’Ambrì Piotta

Slitta a data da definirsi la festa (prevista sabato 18 dicembre) per l’inaugurazione del nuovo stadio biancoblù
Hockey
1 gior

‘Spiace che la notizia sia già uscita, ma va bene pure così’

Ultima stagione di Fora con l’Ambrì. Che poi, per quattro anni, giocherà a Davos. ‘Il ricordo più bello? Speriamo debba ancora arrivare’
Gallery
Basket
1 gior

Per Sam e Tigers conta vincere, seppur per motivi diversi

Domenica Massagno ospita l’Olympic, domani il Lugano di scena all’Elvetico contro la cenerentola Monthey
Gallery
Calcio
1 gior

Croci-Torti: ‘Con pazienza possiamo venire a capo del Sion’

Domenica contro i vallesani dell’ex mister bianconero Tramezzani mancheranno Celar e il portiere Saipi. Il tecnico del Lugano: ‘Baumann è pronto’
Hockey
1 gior

Il Ginevra mette le mani su Bertaggia. ‘È una nuova sfida’

Il Servette ufficializza un contratto quinquennale alle Vernets per il 28enne attaccante bianconero. Il ds Marc Gautschi: ‘Porterà emozioni alle Vernets’
Tennis
1 gior

Australian Open, perdite per 70 milioni di franchi

Per organizzare l’edizione 2022 in gennaio la federazione attinge alle riserve (56 milioni) e ricorre a un credito di 30 milioni
Calcio
1 gior

Incidenti prima della finale di Wembley ‘uno smacco collettivo’

Centinaia di tifosi inglesi sprovvisti di biglietto avevano fatto irruzione nello stadio. ‘Avrebbero potuto esserci dei morti’, rivela un rapporto
Gallery
Calcio
1 gior

Promotion League, obiettivo tre punti per chiudere in bellezza

Domenica l’ultimo turno del 2021: il Bellinzona sarà di scena a Bienne; al Riva IV il Chiasso ospiterà lo Young Boys II
Sci alpino
15.03.2021 - 17:590
Aggiornamento : 18:25

Sui leader la pressione di Gut-Behrami e Odermatt

Molto incerta la lotta per la generale di Coppa del mondo: a Lenzerheide la ticinese può scalzare Petra Vlhova, lo svittese deve fare lo stesso con Pinturault

Alexis Pinturault, Henrik Kristoffersen. Ma anche il vincitore dello scorso inverno Aleksander Kilde. Tra le donne, ovviamente Mikaela Shiffrin, Petra Vlhova. Prima dell’inizio della stagione era più o meno questa la lista i pretendenti alla generale di Coppa del mondo. Gli svizzeri? Degli outsider in grado forse di inserirsi, ma nulla più di così. Tra gli uomini, l’unico superstite tra i favoriti della vigilia è il francese Pinturault. Il norvegese Kristoffersen ha palesato troppe difficoltà in gigante per poter competere con i migliori. Il suo connazionale Kilde è fuori gioco da metà gennaio per infortunio.

La strada sembrava quindi spianata per Pinturault. L'elvetico Marco Odermatt si è subito dimostrato “in palla”, ma prima di Natale, quando ha preso avvio la stagione degli slalom, il francese ha tenuto a debita distanza lo svittese. A fine gennaio, prima dei Mondiali di Cortina d'Ampezzo e dopo due terzi dell’inverno, Pinturault vantava 317 punti di vantaggio sul rossocrociato. Un mese e mezzo dopo, di quel margine è rimasto ben poco, 31 punti. Odermatt è diventato un rivale molto accreditato, con uno sviluppo che ha avuto tempi brevissimi. Ha consolidato la propria posizione di ottimo gigantista, ha scalato le gerarchie del superG fino ad avvicinarsi alla vetta e ha molto da dire anche in discesa. I piani che Odermatt aveva preparato per il futuro stanno influenzando già il suo presente.

Il peso della pressione

Dal canto suo, Pinturault ha smarrito un po’ di brillantezza già durante i Mondiali e ha commesso diversi errori. La crescita esponenziale di Odermatt gli ha messo pressione addosso e ha lasciato tracce. Oggi sembrano prevalere i dubbi, rispetto alle certezze della prima parte di stagione. Pinturault è sotto pressione anche perché sa che quella di questo inverno è un’occasione più unica che rara di mettere le mani sul Globo di cristallo più prestigioso. Dalla prossima stagione, oltre a Odermatt che già è ad altissimo livello, potrebbero tornare in lizza i citati Kilde e Kristoffersen, ma anche Marco Schwarz. È insomma costretto a vincere, adesso o mai più.

Alla stessa stregua di Pinturault, anche Petra Vlhova ha indicato la classifica generale quale obiettivo primario stagionale. E come il francese, è partita forte mettendo in cassaforte un bel po’ di punti, scavando tra sé e le rivali un discreto margine che ne faceva chiaramente la grande favorita. Lara Gut-Behrami, al pari di tante altre illustri colleghe, in avvio di stagione ha recitato un ruolo da comprimaria, senza grandi squilli. Non appena però la ticinese è salita di tono raggiungendo il picco di forma, inanellando una vittoria dopo l’altra nella velocità e ritrovando lo smalto dei giorni migliori anche in slalom, l’egemonia della slovacca è venuta meno. Passata per un attimo anche al comando della generale, Lara affronta le finali di Lenzerheide con un deficit di 96 punti. Forte di una condizione psico-fisica eccellente, la 29enne ticinese è sulla buona strada per confermare il successo che già assaporò al termine della stagione 2015/16.

Come Odermatt, anche Gut-Behrami ha però bisogno che le finali di Lenzerheide si possano svolgere regolarmente. Le condizioni meteorologiche potrebbe mettersi di traverso, pregiudicando le velleità legittime dei due rossocrociati. Il maltempo annunciato nelle prossime ore mette infatti in forse proprio lo svolgimento della discesa e del superG, le discipline che possono permettere ai due elvetici di balzare al comando e di scavare tra sé e i rivali un margine che poi dovrebbero difendere con il gigante, posto che nello speciale Pinturault e Vlhova possono ottenere punti pesanti. Va ricordato che il regolamento delle finali dice che le gare annullate non vengono recuperate.

Tre Coppe già assegnate, sette ancora in palio 

Sono tre le Coppe di specialità già assegnate prima delle finali di Lenzerheide. Vincendo lo speciale di Kranjska Gora, Marco Schwarz ha raggiunto Lara Gut-Behrami e Marta Bassino, già certe di aggiudicarsi il Globo del superG rispettivamente del gigante. Sette, invece, quelli da assegnare

UOMINI

Classifica generale: il francese Alexis Pinturault vanta 31 punti di vantaggio su Marco Odermatt. Se la meteo non fa le bizze e permette il regolare svolgimento di tutte le gare il nidvaldese può succedere a Carlo Janka, l’ultimo rossocrociato a imporsi, dodici anni fa.

Discesa: situazione confortevole per Beat Feuz: il bernese scatta con 68 punti di vantaggio sull’austriaco Matthias Mayer. Gli basta un ottavo posto per vincere per la quarta volta di fila.

SuperG: sono 83 i punti di vantaggio dell’austriaco Vincent Kriechmayr nei confronti di Marco Odermatt: per succedere a Mauro Caviezel gli basta il 14esimo posto.

Gigante: riecco il duello Odermatt-Pinturault. Vincitore sabato a Kranjska Gora, lo svittese è balzato in testa con 25 punti di margine.

DONNE

Classifica generale: Vlhova confidava di giungere a Lenzerheide con un margine superiore agli attuali 96 punti, ma i due slalom di Are le hanno “solo” permesso” di ritornare al comando, ma senza aver fatto la differenza, come nelle intenzioni.

Discesa: il recupero in extremis permette a Sofia Goggia di mettere le mani sulla Coppa,  tre anni dopo una gioia che ha già assaporato. Vincitrice di quattro libere ha 70 punti di vantaggio su Corinne Suter, 97 su Gut-Behrami. Le basta l’ottavo rango.

Slalom: è lotta a tre. Vlhova scatta con 22 lunghezze di margine sulla campionessa del mondo Katharina Liensberger e 37 sull’americana Mikaela Shiffrin.

Nazioni: scontato il secondo successo consecutivo della Svizzera, il nono complessivo: sono 1062 i punti di vantaggio dei rossocrociati sull’Austria.

SPORT: Risultati e classifiche

Guarda tutte le 9 immagini
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved