feuz-non-si-accontenta-e-doma-ancora-la-streif
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
1 ora

Barty completa l’opera: è lei la reginetta d’Australia

Terzo titolo in carriera per la 25enne di Ipswich. Battuta in finale, in due set, l’americana Danielle Collins
Gallery
Tennis
3 ore

Nadal contro l’osso più duro di tutti, il russo Medvedev

Il maiorchino domenica può conquistare lo Slam numero 21 della sua carriera: ‘Manco pensavo di poterla giocare più, una finale’
Hockey
14 ore

A Langnau (quasi) tutto facile per il Lugano

Dopo il derby i bianconeri vincono anche alla Ilfis in una partita piuttosto pazza, finita 7-4. Per i bernesi è la tredicesima sconfitta di fila
HOCKEY
17 ore

Anche Alina e Sinja spiccano il volo. Con Ammann e Odermatt

Reduci da isolamento, le due ragazze della Nazionale di hockey raggiungono Pechino assieme al saltatore e al leder di Coppa del mondo di sci
CALCIO
18 ore

Quindici anni al vertice e non sentirli

Ancillo Canepa, da tre lustri alla testa dell’Fc Zurigo, è pieno di entusiasmo per la ripresa di una stagione che la sua ‘ceratura’ affronta da leader
Hockey
20 ore

Lugano, sciolto il contratto di Nodari. Finirà a Kloten?

Il trentaquattrenne difensore ticinese non rientrava ormai più nei piani di Chris McSorley, e ora potrebbe raggiungere Zurkirchen alla Stimo Arena
Basket
21 ore

Gubitosa: Per la Coppa ‘intelligenza, gioco e aggressività’

A Montreux si assegna nel weekend il primo trofeo stagionale, la Swiss Basketball Cup. Semifinali Sam-Neuchâtel e Olympic-Ginevra. Finale domenica alle 16
VOLLEY
21 ore

Due sfide fondamentali per il Lugano

Nel tentativo di rincorsa ai playoff, le ticinesi dovranno superare domani il Val de Travers e martedì il Franches-Montanges. Le due partite a Cadempino
24.01.2021 - 11:580
Aggiornamento : 12:27

Feuz non si accontenta e doma ancora la Streif

Già vincitore venerdì, il 33enne bernese si impone anche nella seconda discesa in tre giorni a Kitzbühel precedendo il francese Clarey e l'austriaco Mayer

a cura de laRegione

Non si è accontentato di domare la Streif per la prima volta in carriera nella discesa di venerdì Beat Feuz. No, il bernese ha voluto sottolineare come quella "mancanza" fosse effettivamente un'anomalia nel suo palmarès e nella storia dello sci mondiale bissando immediatamente il successo nella seconda delle due prove regine di Kitzbühel, disputata due giorni dopo (era prevista sabato ma è stata rinviata di 24 ore, così come il super-G che si disputerà lunedì) e in condizioni differenti, compreso un salto finale reso decisamente meno pericoloso dagli organizzatori dopo la drammatica caduta dell'elvetico Urs Kryenbühl (il 26enne ha riportato una commozione cerebrale, una frattura della clavicola destra e uno strappo dei legamenti crociati e mediali del ginocchio destro).

Presupposti diversi che non hanno però cambiato il risultato, con Feuz che ancora una volta ha sfruttato la sua immensa classe e la sua grande esperienza interpretando quasi alla perfezione la mitica pista di Kitzbühel che a lungo gli si era negata (quattro volte secondo nel 2016, 2018, 2019 e 2020) per precedere di 17 centesimi il 40enne francese Johan Clarey e di 38 l'austriaco Matthias Mayer, quest'ultimo superato dall'elvetico anche in vetta alla classifica di specialità.

Il 33enne nato a Schangnau ha così raggiunto il connazionale cinque volte vincitore sulla Streif Didier Cuche a quota 12 successi in Coppa del mondo in discesa, a livello svizzero dietro solo a Peter Müller (19 vittorie nella disciplina regina) e Franz Heinzer (15). E come spesso fatto dal neocastellano (l'ultima volta nel 2012), l'atleta dell'Oberland bernese ha sbaragliato la concorrenza nella parte finale del tracciato, visto che dopo circa un minuto di corsa accusava un ritardo di 0"42 da Clarey, ridotto a un centesimo dopo la traversa e tradotto in un vantaggio di appunto 17 centesimi dopo uno "schuss" conclusivo nel quale ha toccato i 145 km/h.

Da notare anche come Feuz è il settimo sciatore a riuscire a trionfare in due discese nelle corse dell'Hahnenkamm nello stesso anno. In casa rossocrociata prima di lui ci erano riusciti Heinzer (29 anni fa) e Pirmin Zurbriggen (36), mentre l'ultimo atleta a compiere tale impresa era stato 26 anni fa il francese Luc Alphand.

Marco Odermatt decimo, gli altri lontani

Per quel che riguarda gli altri elvetici, il migliore è risultato il nidvaldese Marco Odermatt, ottimo decimo a meno di un secondo dal podio (+1"32 da Feuz) dopo che venerdì non aveva potuto lanciarsi sull Streif a causa dell'interruzione della prova al 30esimo concorrente. Più lontani, a oltre due secondi dalla vetta, Roulin, Janka e Weber.

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved