QATAR
06.12.2022 - 16:07
Aggiornamento: 18:01

Eto’o colpisce uno youtuber, il video diventa virale

L’uomo, un algerino, lo aveva provocato sull’arbitro dello spareggio Algeria-Camerun che molti ritengono essere stato comperato

eto-o-colpisce-uno-youtuber-il-video-diventa-virale

Un video che mostra l’ex stella del calcio camerunese Samuel Eto’o colpire con una ginocchiata al volto uno youtuber algerino è diventato virale sui social network. Il filmato mostra l’attuale presidente della Federazione calcistica del Camerun (Fécafoot) mentre percuote un cameraman, identificato come Sadouni SM, 66’000 abbonati su Youtube.

Eto’o è stato circondato da diverse persone che non sono riuscite a trattenerlo nonostante i loro sforzi. La scena si svolge allo Stadio 974, quello con i container riconoscibili nelle immagini, lunedì sera al termine dell’ottavo di finale Brasile-Corea del Sud (4-1).

All’inizio del video di 57 secondi, Eto’o, che indossa un cappellino blu, si scatta dei selfie con i fan prima di essere chiamato dallo youtuber, la cui domanda non è visibile, ma che si sente chiaramente pronunciare le parole "Gassama! Gassama!". L’uomo con la telecamera si riferisce all’arbitro gambiano Bakary Gassama, che aveva diretto lo spareggio di ritorno Algeria-Camerun (dp 1-2), grazie al quale i "Leoni Indomabili" si sono qualificati per il Qatar, a scapito dei "Verdi". Dopo l’eliminazione, in Algeria sono circolate numerosi voci secondo le quali l’arbitro sarebbe stato comperato.

"Ho fatto tutto questo per l’Algeria – ha dichiarato Sadouni SM in un’intervista video –. Sono alla stazione di polizia per le indagini. Devo condividere questo video, dato che Eto’o è una personalità e temo l’insabbiamento del caso, ma mi fido della polizia del Qatar. Eto’o ha distrutto la mia telecamera e il mio microfono, mi ha colpito qui (il mento, ndr)".

Un funzionario del Fécafoot ha dichiarato martedì mattina che Eto’o, pure ambasciatore del comitato organizzatore della Coppa del mondo, non intendeva reagire.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved