Lugano
1
Grasshopper
1
fine
(0-1)
Basilea
Lucerna
20:30
 
Aarau
1
Thun
0
fine
(1-0)
Cremonese
1
Inter
2
fine
(1-1)
Atalanta
Sampdoria
20:45
 
Berna
0
Friborgo
1
1. tempo
(0-1)
Ajoie
0
Bienne
1
1. tempo
(0-1)
Zurigo
1
Losanna
1
1. tempo
(1-1)
Langnau
1
Ambrì
1
1. tempo
(1-1)
Ginevra
2
Kloten
0
1. tempo
(2-0)
GCK Lions
5
Turgovia
2
fine
(0-0 : 2-1 : 3-1)
Ticino Rockets
5
La Chaux de Fonds
9
fine
(1-0 : 2-4 : 2-5)
Winterthur
2
Sierre
5
3. tempo
(1-2 : 0-2 : 1-1)
Olten
5
Langenthal
3
3. tempo
(0-0 : 2-2 : 3-1)
Visp
2
Dra.gosier-ga
4
3. tempo
(1-0 : 1-4 : 0-0)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CALCIO
26 min

Aliseda all’ultimo respiro, il Lugano strappa un punto al Gc

Partita senza grosse emozioni che si chiude con un pareggio tutto sommato giusto e accettabile da entrambe le squadre
Basket
2 ore

Domati i Leoni ginevrini, Sam all’ultimo atto

A Montreux il Massagno di Robbi Gubitosa non stecca e si qualifica per l’ultimo atto di Coppa della Lega
Sci
6 ore

Shiffrin ancora davanti a tutte: 85esima vittoria per lei

La statunitense vince anche fra i paletti stretti di Spindleruv Mlyn e ora tallona Stenmark. Terzo posto per Wendy Holdener.
Tennis
7 ore

È Aryna Sabalenka la regina d’Australia

La bielorussa fa suo il primo Slam dell’anno. Battuta in finale, in tre set, Elena Rybakina al termine di una sfida durata due ore e mezza
Sci
8 ore

Rientro riuscito: Odermatt fa suo il primo superG di Cortina

Il nidvaldese non lascia scampo alla concorrenza. Ad accompagnarlo sul podio il norvegese Kilde (secondo a 35 centesimi) e l’italiano Casse
Basket
10 ore

Quasi 4 milioni per una maglia di LeBron James

Cifre da capogiro per l’asta di New York. L’oggetto più ambito la casacca indossata nel 2013 dal cestista
Calcio
14 ore

‘Carmelo Bene, male tutti gli altri’

In un libro di recente pubblicazione vengono raccolti alcuni degli scritti a sfondo sportivo firmati da un maestro del teatro italiano del Novecento
IL DOPOPARTITA
20 ore

Il Lugano ci prende gusto. ‘Però cerchiamo di badare al sodo’

Quarto successo filato per i bianconeri di Gianinazzi, che si confermano anche contro l’Ajoie. Il coach. ‘A me, però, la prima mezz’ora è piaciuta meno”
Altri sport
21 ore

Pattinaggio artistico, bronzo europeo per Lukas Britschgi

Lo sciaffusano grazie al miglior programma libero della carriera sale sul podio di Helsinki, alle spalle del francese Siao Him Fa e dell’italiano Rizzo
Hockey
21 ore

Il Lugano non si ferma e liquida anche l’Ajoie

I bianconeri, ora a 55 punti, non hanno lasciato scampo ai giurassiani, piegati 5-2 alla Cornèr Arena.
ciclismo
1 gior

Peter Sagan si ritira dal ciclismo su strada

Lo slovacco, triplice campione del mondo, da fine stagione si dedicherà unicamente alla mountain bike
volley
1 gior

Per il Lugano c’è lo Pfeffingen prima del derby

Sabato il campionato al Palamondo, domenica i quarti di Coppa Svizzera a Bellinzona
QATAR
30.11.2022 - 22:32
Aggiornamento: 23:35

In campo c’è solo l’Argentina, avanti con Mac Allister e Alvarez

Szczesny il migliore di una Polonia che passa per il rotto della cuffia. Al Messico non basta il 2-1 sull’Arabia Saudita

in-campo-c-e-solo-l-argentina-avanti-con-mac-allister-e-alvarez

Argentina e Polonia agli ottavi di finale, dove affronteranno rispettivamente Australia e Francia. Messico e Arabia Saudita a casa. Questo il verdetto dell’ultima giornata del gruppo C.

Se prima dell’inizio ci si poteva attendere una sfida mozzafiato tra un’Argentina in difficoltà nelle prime due partite e una Polonia che aveva a disposizione due risultati su tre, sul campo non c’è stata partita. La formazione di Lionel Scaloni ha disputato la miglior prestazione di questo Mondiale, tornando sui suoi livelli di rendimento abituali, mentre Lewandowski e compagni hanno totalmente rinunciato a giocare, un po’ per la netta superiorità avversaria, un po’ per cercare di preservare uno 0-0 che avrebbe regalato loro il primo posto di gruppo. L’Argentina ha subito preso in mano le redini del gioco e si è creata numerose occasioni per passare, tutte però rintuzzate dall’ottimo Szczesny. Il quale si è addirittura permesso il lusso di parare un rigore a Leo Messi (36’), rigore per altro assegnato dal Var per un fallo inesistente sulla stessa Pulce. Con Julian Alvaerz in attacco al posto di Lautaro Martinez, l’albiceleste ha trovato maggiore velocità di manovra e la giovane punta del Manchester City si è resa pericolosa in più di un’occasione. Sull’altro fronte, la Polonia ha abbandonato a sé stesso il povero Lewandowski, mai accompagnato dai compagni nemmeno quando una ripartenza sarebbe stata possibile.

Nella ripresa, la partita si è sbloccata immediatamente, con la girata di Mac Allister su traversone di Molina. La Polonia ha risposto soltanto con un colpo di testa di Glik su calcio fermo, prima del raddoppio dei sudamericani con Alvarez, ben imbucato da Fernandez. Era il 68’ e da lì in avanti, anche perché informati del risultato di 2-0 del Messico sull’Arabia Saudita, la Polonia ha smesso del tutto di giocare e ha tirato a campare con l’unico obiettivo di non subire altre reti e di non prendere cartellini gialli (la qualificazione si sarebbe potuta giocare al fairplay). L’Argentina non ne ha approfittato, abbassando il ritmo. Ciò nonostante non si è potuta esimere dal costruire altre palle gol, in particolare con Alvarez al 74’ (palla sull’esterno della rete), Laurato (ciabattata davanti a Szczesny all’80’) e Tagliafico (92’), con salvataggio sulla linea di Kiwior. L’Argentina ha dimostrato di essere più che viva, la Polonia ha ampiamente deluso.

Nell’altra partita, il Messico ci ha provato, è andato vicino alla qualifica con i gol di Martin (48’) e Chavez (53’), ma gli è mancato il terzo gol (o il terzo dell’Argentina) che gli consentisse di superare la Polonia nella differenza reti. Al 95’ ha poi subito il punto del 2-1 da Al-Dawsari.

Polonia - Argentina (0-0) 0-2

Reti: 46’ Mac Allister 0-1. 68’ Alvarez 0-2.

Polonia: Szczesny; Cash, Glik, Kiwior, Bereszynski (72’ Jedrzejczyk); Bielik (62’ Szymanski), Krychowiak (83’ Piatek); Zielinski, Swiderski (46’ Skoras), Frankowski (46’ Kaminski); Lewandowski.

Argentina: Emiliano Martinez; Molina, Romero, Otamendi, Acuña (59’ Tagliafico); Mac Allister (83’ Almada), De Paul, Fernandez (79’ Pezzella); Di Maria (59’ Paredes), Messi, Alvarez (79’ Lautaro Martinez).

Arbitro: Makkelie (Olanda)

Note: 44’089 spettatori. Al 39’ Szczesny para un rigore di Messi. Ammoniti: 49’ Acuña. 78’ Krychowiak.

Arabia Saudita - Messico (0-0) 1-2

Reti: 48’ Martin 0-1. 53’ Chavez 0-2. 95’ Al-Dawsari 1-2

Arabia Saudita: Al-Owais; Al-Ghanam (88’ Bahebri), Al-Amri, Tambakti, Al-Bulaihi (37’ Sharahili); Al-Buraikan, Al-Hassan (46’ Madu), Abdulahamid, Al-Dawsari; Al-Shehri (62’ Al-Aboud), Kanno.

Messico: Ochoa; Sanchez (88’ Kevin Alvarez), Montes, Moreno, Gallardo; Edson Alvarez (88’ Mori), Chavez; Lozano, Pineda (77’ Rodriguez), Vega (46’ Antuna); Martin (77’ Jimenez).

Arbitro: Oliver (Inghilterra)

Note: 84’985 spettatori. Ammoniti: 16’ Edson Alvarez. 28’ Al-Shehri. 34’ Al-Hassan. 52’ Tambakti. 81’ Madu. 91’ Al-Amri. 97’ Bahebri.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved