SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
4 ore

Maxim Noreau finisce sui francobolli. In Sierra Leone

Il difensore canadese ex Ambrì ha la sua faccia su un bollo da cinquanta centesimi in Africa. ‘Perché? Davvero non lo so, ma nessuno mi ha chiesto nulla’
Atletica
5 ore

In Polonia gli elvetici fanno la loro bella figura

A Torun, nel meeting valido per l’Indoor Gold Tour, Ditaji Kambundji centra il limite per gli Europei, mentre Elmer firma il miglior tempo della carriera
Calcio
6 ore

Mondiale per club, è il Real il secondo finalista

Gli spagnoli sconfiggono gli egiziani dell’Al Ahly grazie alle reti di Vinicius Junior, Valverde e – nei minuti di recupero – Rodrygo e Arribas
SCI ALPINO
8 ore

A soli 37 anni si è spenta Elena Fanchini

Malata da tempo, la sorella maggiore di Nadia si è dovuta arrendere a una recidiva del tumore ed è morta nella sua casa in provincia di Brescia
Formula 1
8 ore

Nessun bavaglio nel Circus. ‘Oguno può dire ciò che pensa’

In un’intervista al britannico The Guardian, Stefano Domenicali si schiera a favore della libertà d’espressione dei piloti, invitando la Fia a chiarire
Sci
9 ore

Lo scettro di Lara raccolto da Marta Bassino

Nel superG iridato, la ticinese detentrice del titolo chiude solo sesta. Giovedì tocca ai maschi, con Marco Odermatt in pole position
Tennis
10 ore

Abu Dhabi, Belinda ai quarti senza soffrire

La sangallese, numero nove al mondo, non incontra alcuna difficoltà nel superare l’ucraina Marta Kostjuk (numero 57 Wta), battuta 6-4 7-5
Ciclismo
12 ore

Il Velo Club Mendrisio fra tradizione e sfide del presente

Il presidente Alfredo Maranesi: ’Ormai ci sono pochissime gare, la stampa si interessa sempre meno, e di conseguenza fatichiamo a trovare sponsor’
Hockey
12 ore

Giovane, inesperta Svizzera. ‘Spero che (i club) apprezzino’

A Zurigo la Nazionale di Fischer si prepara ad affrontare la Finlandia con qualche artista in meno del solito. ‘Forechecking aggressivo e più semplicità’
I mondiali dal divano
01.12.2022 - 05:30
Aggiornamento: 15:55

I segreti dei suoi occhi

Le Coppe del mondo passano, i ricordi restano. Poi diventano tesori nelle nostre memorie

i-segreti-dei-suoi-occhi
Lui li ha visti tutti. O quasi

Lui sì che li ha visti tutti. O quasi. La prima "Máquina" del River Plate (a memoria: Muñoz, Moreno, Pedernera, Labruna e Loustau) negli anni 40. Anche la seconda, nel decennio successivo, passata alla storia come la "Maquinita" (Prado, Vernazza, Walter Gomez, Labruna, Loustau). In mezzo a questi, un certo Alfredo Di Stéfano, la "Saeta Rubia", prima che andasse a riempirsi di gloria al Real Madrid. E poi Omar Sívori, il "Cabezón", quello che con i soldi del suo trapasso alla Juventus permise al River di ricostruire la tribuna dello stadio crollata qualche anno prima.

Ma parliamo un po’ dei Mondiali: a Londra, nel ’66, Rattin si sedette sul tappeto reale di Wembley per protestare contro la sua assurda espulsione ai quarti di finale dell’Argentina contro i padroni di casa. Questo episodio, a Buenos Aires, nessuno lo vide, nemmeno mio padre. Tutti lo sentirono alla radio. Le dirette tv sarebbero arrivate soltanto quattro anni dopo, alla Coppa del mondo di Messico 1970. Poi ci fu la finale dell’86 contro la Germania: quella volta mio babbo rimase davanti allo schermo soltanto fino al secondo gol tedesco, quello del pareggio di Völler all’ottantunesimo. Poi si alzò e disse: non ce la faccio, vado fuori. Fuori dove? Manco le strade c’erano, a Buenos Aires, il pomeriggio del 29 giugno 1986! Si accorse del gol di Burruchaga solo per le urla impazzite che inondarono tutta la città, tutto il Paese.

Nel 2002 lui vide bene come l’Argentina, favoritissima alla vigilia, venne eliminata dopo le prime tre partite. Io no. Appena arrivato in Ticino, lavavo pentole in un albergo sopra la stazione di Lugano: mentre grattavo le teglie delle lasagne cercavo di capire, grazie a una piccola tv che avevano portato in cucina dei colleghi portoghesi, se la squadra guidata da Bielsa sarebbe stata in grado di battere la Svezia all’ultimo turno del girone. Andò malissimo.

Sabato scorso, un po’ come nell’86, sono stati i festeggiamenti del gol di Messi contro il Messico che arrivavano da ogni angolo della città a far capire a mio padre che l’Argentina era ancora viva ai Mondiali del Qatar. Questa volta non era andato da nessuna parte, semplicemente sono i suoi occhi che non vedono più. Non è quindi riuscito neanche ieri sera a guardare la Pulce sbagliare un rigore e nonostante ciò trascinare l’albiceleste negli ottavi di finale di questa Coppa del mondo iniziata nel peggiore dei modi.

A Locarno invece siamo stati soltanto noi, quei pazzi dell’ultimo piano in Città Vecchia, a urlare come matti quando Leo ha sbloccato la partita contro i messicani con quel gol fantastico; quando, offuscato lui, è emersa la squadra per sentenziare la gara con i polacchi. Ho abbracciato i miei figli come se non ci fosse un domani: lo stesso abbraccio nel quale, da piccolo, sono sempre stato stretto da mio padre ogni volta che Maradona, Caniggia, Batistuta, Crespo o chicchessia ci hanno riempito il cuore di gioia. Chissà che i miei ragazzi un giorno non ricordino con emozione quel "viejo" con la barba e gli occhiali che li stringeva a ogni rete argentina? Chissà. I Mondiali passano, i ricordi restano. Poi diventano tesori nelle nostre memorie. Oggi, più che a Messi che alza la Coppa (ce la farà finalmente?), sogno di riuscire ancora una volta a incrociare lo sguardo di mio padre, scorgere i segreti dei suoi occhi, abbracciarlo. E basta.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved