Inter
1
Milan
0
1. tempo
(1-0)
Ginevra
1
Friborgo
3
2. tempo
(1-3 : 0-0)
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
IL DOPOPARTITA
1 ora

A Lugano era pazienza, adesso è competizione

I bianconeri si godono il successo sul Kloten e i 61 punti in classifica prima della pausa. ‘Pian pianino stiamo andiamo nella direzione in cui volevamo’
Basket
2 ore

Sam, domenica di festa condita da un successo

Anche se la sfida con il Monthey è davvero brutta. Gubitosa: ‘Viste le premesse contava solo vincere’. Un Lugano incerottato, invece, s’arrende al Nyon
CALCIO
2 ore

Un gol di Di Giusto affossa le ambizioni del Lugano

Bianconeri battuti dal Winterthur al termine di una prestazione poco brillante, ma nella quale qualche occasione per il pareggio c’è comunque stata
Hockey
3 ore

A Zurigo l’Ambrì vince la battaglia dei nervi

I biancoblù ottengono la vittoria all’overtime dopo un match poco spettacolare ma comunque giocato con buona solidità difensiva. Decide tutto Chlapik
CICLOCROSS
3 ore

Van der Poel batte Van Aert e torna campione del mondo

A Hoogerheide, l’olandese vince l’eterno duello con il rivale belga e conquista il suo quinto titolo, succedendo nell’albo d’oro al britannico Pidcock
Calcio
4 ore

Bellinzona ancora senza identità

I granata cedono alla distanza anche contro il Wil e le parti alte della classifica si fanno sempre più lontane
SCI NORDICO
6 ore

Nadine Fähndrich brilla sulle nevi di Dobbiaco

La lucernese, eliminata venerdì nella semifinale dello sprint, sabato ha colto il quarto posto nella 10 km skating
SCI NORDICO
7 ore

Trionfo di Alessandro Vanzetti in Val Bedretto

L’esponente del Simano vince il tradizionale concorso del Pizzo Rotondo, mentre fra le donne ottimo secondo posto per Natascia Leonardi
Hockey
23 ore

Grazie a Klok il Lugano decolla e atterra sopra il Kloten

Dopo lo Zugo, i bianconeri mettono sotto anche gli Aviatori e salgono al nono posto in classifica, strappandolo proprio alla formazione zurighese
Tennis
1 gior

Stan ottiene il punto decisivo: Svizzera alle finali di Davis

In svantaggio 2-1 dopo la sconfitta nel doppio, i rossocrociati ribaltano la sfida con la Germania grazie ai successi di Hüsler e Wawrinka
Sci
1 gior

A Chamonix lo slalom parla svizzero: primo Zenhäusern, 3° Yule

Due svizzeri sul podio dello slalom per la prima volta dal 1978. Fuori il francese Noel, in testa dopo la prima manche. Primo podio greco con Ginnis
QATAR 2022
22.11.2022 - 13:41
Aggiornamento: 17:15

L’Arabia Saudita regala la prima sorpresa, Argentina k.o.

I sauditi superano 2-1 una delle favorite alla conquista del titolo. Albiceleste brutta e supponente, ‘rovesciata’ in cinque minuti

l-arabia-saudita-regala-la-prima-sorpresa-argentina-k-o

La prima sorpresa dei Mondiali è servita. Ed è una di quelle sorprese che fanno la storia della Coppa del mondo. L’Argentina, una delle favorite per la vittoria finale, è stata battuta 2-1 dall’Arabia Saudita. Il cammino dell’Albiceleste parte dunque nel peggiore dei modi, come non le succedeva più dal 1990 (e questa può essere l’unica consolazione per i sudamericani, visto che in Italia erano comunque approdati alla finale). Una brutta prestazione, al di là del risultato finale che mette fine a una striscia vincente durata 36 partite (il record rimane dunque dell’Italia di Mancini arrivata a quota 37). Messi e compagni hanno peccato di supponenza, accontentandosi di giocare in souplesse dopo il gol d’apertura, firmato su calcio di rigore dalla Pulce già al 10’. Con un pelo più di attenzione, avrebbero potuto dilagare, alla luce dei tre gol annullati per fuorigioco (due millimetrici) allo stesso Messi e a Lautaro Martinez, ma troppo spesso si sono fatti cogliere dietro l’ultimo difensore saudita (7 volte in 45’, nel 2018 erano state 6 in tutto il torneo).

E se sono stati supponenti nel primo tempo, peggio ancora si sono ripresentati in campo nella ripresa. Tant’è che l’Arabia Saudita non si è fatta pregare per approfittarne. Dapprima con una conclusione di Al-Shehri, troppo facilmente liberatosi di Romero, che è andata a infilarsi nell’angolino basso alla sinistra di Dibu Martinez, poi con un gran gol di Al-Dawsari con una conclusione sul palo lontano. Cinque minuti di follia che hanno mandato in totale confusione i sudamericani. Confrontata con la buona difesa saudita (molto efficace nel tenere perfettamente in linea i quattro difensori), l’Albiceleste ha provato a spingere, mostrando però poca fantasia. In particolare, non ha mai trovato la capacità di premiare con una verticalizzazione la ricerca della profondità da parte delle punte. Le occasioni non sono mancate (da Tagliafico a Di Maria, da Messi due volte ad Alvarez, sempre molto bravo il portiere Al-Owais), ma sono tutte parse il frutto di iniziative estemporanee, più che di una corale idea di gioco.

Bene, per contro, l’Arabia Saudita, ben organizzata dal tecnico francese Hervé Renard, dotata di una buona tecnica e di una corsa che non ha risentito dell’alta temperatura. A questo punto, per il passaggio del turno occorrerà fare i conti anche con i sauditi.

E Messi? Il suo ultimo Mondiale era iniziato benissimo, con un’occasione al 2’ e il gol al 10’, ma la sua prestazione è andata via via spegnendosi, fino all’incomprensibile dribbling tentato al 95’, quando avrebbe avuto la possibilità di concludere dal limite con il portiere fuori dai pali (e il pallone sul sinistro). Traballante come di consuetudine la difesa, impercettibili De Paul e Paredes, mai entrato nel vivo del gioco Di Maria. Per passare il turno, a questo punto si impongono due vittorie contro Messico e Polonia. Quella che doveva essere la carta più facile, gli uomini di Scaloni l’hanno già sciupata...

Argentina - Arabia Saudita (1-0) 1-2

Reti: 10’ Messi (rigore) 1-0. 48’ Al-Shehri 1-1. 53’ Al-Dawsari 1-2.

Argentina: Emiliano Martinez; Molina, Romero, Otamendi, Tagliafico (71’ Acuña); Rodrigo de Paul, Paredes (59’ Fernandez); Di Maria, Messi, Papu Gomez (59’ Alvarez); Lautaro Martinez (59’ Romero).

Arabia Saudita: Al-Owais; Abdulhamid, Al-Tambakti, Al-Bulaihi, Al-Shahrani (99’ Al-Breik); Al-Shehri (78’ Al-Ghannam), Kanno, Al-Malki, Al-Dawsari; Al-Faraj (45’ Al-Abed/88’ Al-Amri), Al-Buraikan (89’ Asiri).

Arbitro: Vincic (Slovenia)

Note: 88’000 spettatori. Ammoniti: 67’ Al-Malki. 75’ Al-Bulaihi. 79’ Al-Dawsari. 82’ Abdulhamid. 88’ Al-Abed. 92’ Al-Owais.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved