svizzera-di-un-rosso-vivo-ai-quarti-contro-la-finlandia
Keystone
Capitan Diaz festeggiato da Andrighetto e Herzog: è il suo gol quello che chiude i conti
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
BOXE
6 ore

Il giorno che Mike sbranò le orecchie a Holyfield

25 anni fa su un ring del Nevada Mike Tyson si rese protagonista di un episodio davvero clamoroso
calcio
13 ore

La nazionale femminile demolita dalla Germania

Nella penultima amichevole prima degli Europei le ragazze di Nils Nielsen vengono sconfitte addirittura per 7-0
calcio
13 ore

Il Basilea si aggiudica Zeki Amdouni

Il pezzo pregiato del calciomercato elvetico si accasa ai rossoblù con un prestito biennale con successiva possibilità d’acquisto definitivo
tennis
13 ore

Tennis, la favola di Bellier si conclude contro Bautista Agut

Lo spagnolo elimina l’elvetico nella semifinale del torneo di Maiorca
atletica
14 ore

Us Ascona protagonista nella prima giornata degli Svizzeri

Oro di Gian Vetterli nel lancio del disco, argento di Ajla Del Ponte sui 100 m, bronzo di Emma Piffaretti nel lungo. Mujinga Kambundji da record
nuoto
17 ore

Noè Ponti chiude ottavo nella finale dei 100 delfino

Vince Kristof Milak, mentre Noè crolla nel finale ed è ultimo
ATLETICA
18 ore

Athletissima, si prepara un 200 di grande livello

Presentati i primi nomi della 47esima edizione in programma il 26 agosto. Ma il cartellone definitivo verrà stilato solo dopo Mondiali ed Europei
CALCIO
18 ore

Parte la campagna abbonamenti dell’Fc Lugano

I detentori di una tessera stagionale potranno entrare gratuitamente alla prima partita casalinga di Conference League
CALCIO
19 ore

‘A Lugano per ultimare il mio apprendistato’

Lukas Mai, nuovo difensore centrale dei bianconeri, chiamato a sostituire Maric: ‘La dirigenza mi ha fatto capire di essere davvero interessata a me’
TENNIS
22 ore

A Wimbledon Wawrinka pesca l’italiano Sinner

Subito un pezzo grosso per il vodese, presente a Londra grazie a una wild card. In campo femminile, Golubic contro Petkovic, Bencic contro Wang
CALCIO
1 gior

Il norvegese Ole Selnaes a Zurigo

Il centrocampista ha firmato per una stagione. Il Sion cede in prestito al Winterthur il portiere Timothy Fayulu
NUOTO
1 gior

Sasha Touretski eliminata, resta solo Noè Ponti

La ginevrina non ha superato le batterie dei 50 stile libero e ha chiuso con il 21° tempo. Il ticinese ultimo svizzero ancora impegnato ai Mondiali
Calcio
1 gior

Calendario Liga, il Real debutta ad Almeria

Si gioca dal 14 agosto, il Barça riceve il Rayo, trasferta breve per l’Atletico (Getafe)
Calcio
1 gior

Un centrocampista congolese per lo Zurigo

Jonathan Okita ha firmato per tre anni con i campioni svizzeri
NUOTO
1 gior

Mondiali, Noè Ponti va in finale

Obiettivo raggiunto a Budapest nei 100 delfino. Domani alle 18.44 tornerà in acqua per una medaglia. Roman Mityukov nei 200 dorso ha chiuso al 7. posto
atletica
1 gior

Del Ponte, Petrucciani e tutti gli altri

Ticino come al solito ambizioso ai Campionati Svizzeri assoluti di Zurigo. Spiccano le presenze di Ajla Del Ponte e Ricky Petrucciani
CALCIO
1 gior

Roman Hangarter e Mijat Maric, nuovi acquisti del Team Ticino

Lo zurighese prenderà il posto di Immersi quale responsabile tecnico, mentre l’ex difensore bianconero rivestirà il ruolo di talent manager
ciclismo
1 gior

Suter e Hartmann campioni nazionali a cronometro

Entrambi hanno approfittato dell’assenza degli specialisti. Domenica, sempre a Steinmaur, la gara in linea
HOCKEY
15.02.2022 - 11:50
Aggiornamento : 17:04

Svizzera di un rosso vivo: ai quarti, contro la Finlandia

La Nazionale di Patrick Fischer ritrova colore e festeggia il primo successo ai Giochi olimpici, eliminando la Repubblica Ceca di Cervenka e Kovar

Quattro gol ai cechi nel giorno del primo successo ai Giochi, per una Svizzera che ritrova colore e si garantisce l’accesso ai quarti di finale, domani, contro la Finlandia. Nel martedì in cui si rivede in pista il ticinese Michael Fora, in una squadra comunque costretta a girare a sette difensori dopo l’infortunio del bernese Untersander. Quanto all’altro ticinese, Dario Simion, dopo essere infine uscito dalla quarantena ha rimesso piede in pista durante il warmup, prima di doversi naturalmente accomodare in tribuna.

In avvio, la squadra più attiva e determinata è quella rossocrociata. Che, al 6’16’’, però, deve ringraziare un fischio intempestivo degli arbitri, dopo una deviazione acrobatica di David Krejci, ex stella ceca dei Boston Bruins, con il disco che in un secondo tempo sfugge a Genoni, con Frick che non può evitare il tocco nella porta sguarnita, ma a quel punto il russo Gofman e il finlandese Kaukokari avevano già interrotto il gioco. Al 10’08’’, però, il vantaggio ceco arriva davvero: tiro nel traffico del difensore Lukas Klok, Genoni ritrova davanti a sé Jan Kovar che gli copre la visuale e il puck finisce in porta. Così, e non è certo la prima volta, i rossocrociati sono costretti a rincorrere.

E la rincorsa va a buon fine. Grazie a una penalità inflitta a Kovar per una carica alla balaustra nei confronti di Weber. Il powerplay impiega un minuto e mezzo per sfruttare l’opportunità: puck sulla porta di Corvi, Thürkauf riesce a toccare il disco che finisce sul palo, poi sulla respinta il veterano Ambühl non manca l’occasione per il pareggio, al 14’59’’. Ma non è tutto: passano appena tredici secondi e la Svizzera addirittura raddoppia, grazie all’opportunismo del friborghese Mottet, il cui tocco al volo è fuori portata per Hrubec, chiamato subito in causa da una conclusione in porta di Hollenstein sporcata da un giocatore ceco dopo la ripresa del gioco con l’ingaggio a centropista. Esattamente come gli elvetici contro i danesi, sabato, la Repubblica Ceca adesso sembra un pugile suonato: così il finale di tempo è tutto di marca rossocrociata, con gli uomini di Patrick Fischer che in un paio di occasioni vanno vicini alla terza rete.

Nel secondo tempo la Svizzera in avvio deve fare i conti con un’inferiorità numerica per un cross check fischiato a Fora, penalità che gli elvetici riescono brillantemente a superare, nonostante un paio di pericoli veri, soprattutto sull’occasione di Smejkal. Poi, però, la stessa opportunità capita agli elvetici, dopo uno sgambetto di Jerabek ai danni dell’attivissimo Bertschy. E per la seconda volta la Svizzera l’occasione la sfrutta, con una gran botta al volo di Denis Malgin nel ‘sette’, sul primo palo che non lascia scampo a Hrubec: è il punto del 3-1 al 29’53’’. La reazione dei cechi è rabbiosa: i rossocrociati devono stringere i denti, finché una nuova penalità fischiata a Jerabek, per un altro sgambetto, stavolta in attacco ai danni di Hollenstein, permette agli elvetici almeno di calmare la pressione. Riuscendo poi a portare i due gol di margine sino alla seconda pausa.

Il sollievo di Hofmann. ‘Non avevamo scelta’

Quelle due reti di margine i rossocrociati cercano poi di difenderle negli ultimi venti minuti. In cui, naturalmente, sono i cechi quelli costretti a spremersi. La pressione naturalmente c’è, ma gli elvetici si difendono. E poco prima di metà tempo si creano persino una ghiottissima occasione per segnare il quarto gol (a quel punto decisivo), ma Corvi e Bertschy non riescono ad andare sino in fondo. Quarto gol che alla fine arriva, all’improvviso, a cinque minuti dalla terza sirena, dopo un disco riconquistato in attacco da Andrighetto, seguito dalla botta al volo di capitan Raphael Diaz dalla ‘blu’. Un’ostruzione fischiata a Müller, al 55’41’’, permette ai cechi di tener vive le speranze, con l’attaccante del Rapperswil Roman Cervenka che trova il 4-2 al 55’59’’. Quel gol, però, non basterà, per gli elvetici che difenderanno i due gol di margine fino alla sirena finale, festeggiando così un accesso ai quarti tutt’altro che scontato, alla luce di quanto s’era visto sul ghiaccio anche solo due giorni prima. «Non avevamo scelta, e credo che abbiamo risposto bene sull’arco di tutta la partita – dice, a caldo, Grégory Hofmann ai microfoni di Rsi –. Credo che abbiamo gestito bene il confronto: quando dovevamo giocare semplice l’abbiamo fatto, e abbiamo creato quando dovevamo creare, segnando gol importantissimi nei momenti chiave, tra cui due gol fondamentali in powerplay. La Finlandia? Questa vittoria ci dà molta fiducia per domani, ora pensiamo a recuperare bene. Il nostro obiettivo sappiamo qual è, e domani avremo un’altra partita da giocare che ci può portare dove vogliamo arrivare». Ovvero a lottare per le medaglie.

Repubblica Ceca - Svizzera (1-2 0-1 1-1) 2-4
Reti:
10’08’’ Klok (Knot, Cervenka) 1-0. 14’59’’ Ambühl (Thürkauf, Corvi/esp. Kovar) 1-1. 15’12’’ Mottet (Hollenstein, Diaz) 1-2. 29’53’’ Malgin (Alatalo, Andrighetto/esp. Jerabek) 1-3. 54’57’’ Diaz (Andrighetto, Herzog) 1-4. 55’59’’ Cervenka (Krejci, Kovar/esp. Müller) 2-4.
Repubblica Ceca: Hrubec; Mozik, Sulak; Kundratek, Jerabek; Knot, Klok; Sklenicka; Hyka, Krejci, Sedlak; Sobotka, Kovar, Cervenka; Repik, Spacek, Stransky; Hynek Zohorna, Tomas Zohorna, Smejka; Lenc.
Svizzera: Genoni; Diaz, Müller; Weber, Loeffel; Fora, Frick; Alatalo; Moser, Haas, Hofmann; Andrighetto, Malgin, Herzog; Ambühl, Corvi, Thürkauf; Hollenstein, Bertschy, Mottet; Vermin.
Arbitri: Gofman, Kaukokari; Lundgren, Malmqvist.
Note: 990 spettatori. Penalità: 3 x 2’ contro la Repubblica Ceca; 2 x 2’ contro la Svizzera. Tiri in porta: 33-18 (5-9, 16-5, 12-4). Svizzera senza Simion, Aeschlimann (entrambi in soprannumero) e Untersander (infortunato). Repubblica Ceca senza portiere dal 55’38’’ al 55’41’’, dal 55’55’’ al 55’59’’ e dal 56’49’’ fino al termine.

Il programma dei quarti di finale
Domani (ora svizzera): 5.10 Stati Uniti - Danimarca; 7.00 Russia - Danimarca; 9.40 Finlandia - Svizzera; 14.30 Svezia - Canada.

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved