il-segreto-del-campione-coraggio-di-cambiare-e-di-rischiare
SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
1 ora

Wawrinka contro Murray come prima portata a Cincinnati

Sfida dal sapore nostalgico all’Atp 1000 a stelle e strisce, tra il vodese (Atp 3222) e lo scozzese, numero 48 delle gerarchie
Nuoto
6 ore

Noè Ponti davanti a tutti nelle qualificazioni

Il locarnese vola in semifinale dei 100 m delfino con il miglior tempo e nuovo primato nazionale: 51"56
il ritratto
12 ore

Serena Williams, il tennis corpo a corpo

Lascia dopo 23 Slam. Il suo fisico massiccio ed esplosivo è sempre stato al centro dell’attenzione, mostrando il razzismo di chi la criticava
Altri sport
18 ore

Mondiali di salto ostacoli, Svizzera ottava

Prestazione deludente della compagine elvetica a Herning, che manca pure un ticket per i Giochi olimpici di Parigi
calcio
19 ore

Bellinzona in letargo, l’Aarau ne approfitta

Brutta prestazione e seconda sconfitta stagionale per i granata, mai realmente in partita contro gli argoviesi: uno 0-4 che non fa una grinza.
hockey
19 ore

Kurashev prolunga con Chicago

Il 22enne centro svizzero ha firmato un rinnovo annuale con i Blackhawks
hockey
19 ore

L’Ambrì ne fa sei ai Rockets

L’amichevole di Biasca finisce sull’1-6, in gol i nuovi acquisti Hofer, Zündel, Shore e Chlapik e per i biaschesi di Bennett
calcio
20 ore

Lionel Messi escluso dai candidati per il pallone d’oro

L’argentino fuori dai 30 papabili per la prima volta dal 2005
triathlon
21 ore

Julie Derron sesta nel triathlon

L’elvetica non ripete il successo dello scorso anno e manca di soli 48” una medaglia. Titolo alla britannica Stanford
nuoto
23 ore

Roman Mityukov migliora il suo record nei 200 dorso

Il 22enne migliora il suo stesso primato e si qualifica per la finale con il primo tempo assoluto. Ugolkova ottava nei 100 stile libero
CALCIO
1 gior

Archiviata l’Europa, il Lugano riparte da Basilea

Dopo l’eliminazione in Israele dalla Conference League, i bianconeri pronti a raddrizzare una stagione iniziata con il piede sbagliato
pugilato
1 gior

Tyson Fury si ritira, di nuovo

Il pugile britannico annuncia l’addio al ring nel giorno del suo 34esimo compleanno
canottaggio
1 gior

Jeannine Gmelin messa ko dal Covid

La 32enne deve rinunciare alle semifinali europee nel canottaggio, a causa di un test positivo
Altri sport
1 gior

Ducarroz soltanto quinta

Due sbavature tengono la ginevrina fuori dal podio continentale
ciclismo su pista
1 gior

Il quartetto del ciclismo su pista si ferma al quinto posto

Imhof, Vitzthum, Vogel e Thiébaud non ripetono l’argento dell’anno scorso nell’inseguimento a squadre
ATLETICA
1 gior

Svizzera alla caccia di almeno cinque medaglie europee

Scatta lunedì la rassegna continentale di Monaco. Senza Ajla Del Ponte nei 100, ma con Kambundji ed Ehammer tra i favoriti. Obiettivo, migliorare Berlino
ATLETICA
1 gior

Crouser e Lavillenie al Galà dei Castelli

Altri due nomi importanti si aggiungono alla lista dei presenti al meeting del prossimo 12 settembre. Il pesista Usa è fresco di titolo mondiale a Eugene
HOCKEY
1 gior

Seconda sconfitta per la Svizzera U20

Ai Mondiali di Edmonton i giovani rossocrociati sono stati battuti 7-1 dagli Stati Uniti. Quarti di finale appesi alle sfide con Germania e Austria
NUOTO
1 gior

Mityukov, Ugolkova e Mamié in semifinale agli Europei

La ticinese ha ottenuto il 13º tempo nei 50 rana. Non ce l’hanno fatta, invece, Julia Ullmann (50 rana) e la staffetta 4x100 quattro stili mista
CHALLENGE LEAGUE
1 gior

L’Acb in cerca di conferme riceve l’Aarau

Impegno da non sottovalutare per i granata, in silenzio stampa fin dopo il match di stasera
sci alpino
13.02.2022 - 17:51
Aggiornamento: 18:14

Il segreto del campione: ‘Coraggio di cambiare e di rischiare’

Decisivo per la strepitosa medaglia d’oro di Marco Odermatt il cambio d’assetto fra le due manche. ‘Parte del merito va ai consigli di Murisier’

Ci sono vittorie e vittorie. Quella ottenuta stamattina da Marco Odermatt è però di quelle speciali, non solo perché è una che vale una medaglia d’oro olimpica, ma anche e soprattutto perché dimostra una forza mentale incredibile. Non era facile infatti essere l’ultimo a partire nella seconda manche, da grandissimo favorito dall’alto delle quattro vittorie stagionali, dopo aver visto uscire De Aliprandini, Kristoffersen e Brennsteiner, vedendo Faivre che non era riuscito a resistere alla dirompente risalita di Zan Kranjec. E invece il fenomeno svizzero non ha tremato ed è andato a conquistare l’agognato oro. Agognato anche perché finora la rassegna olimpica di Odermatt era stata inferiore alle aspettative di tutti, ma dello stesso sciatore in primis, con un settimo posto nella discesa libera e un’eliminazione nel superG, risultati che hanno certamente contribuito ad aumentare ulteriormente la pressione sulle sue spalle. Egli stesso ha dichiarato che «Questo è un sogno che si avvera. Negli ultimi giorni si è scritto che non sapessi gestire la pressione. Poi è sempre anche un po’ una questione di opinioni».

E invece a Odermatt è venuto tutto naturalissimo, come se anziché ventiquattro anni ne avesse trentaquattro, come se avesse già alle spalle una sfilza di risultati di grande prestigio nei grandi eventi e come se le condizioni atmosferiche fossero ideali. La realtà è invece diversa: innanzitutto Odermatt è alla sua prima esperienza olimpica e se ne torna immediatamente a casa con una medaglia del metallo più prezioso (Beat Feuz e Lara Gut-Behrami insegnano quanto questa attesa possa essere lunga), c’è invece qualche esperienza ai Mondiali ad Åre e Cortina d’Ampezzo senza grandi risultati (un dodicesimo e un undicesimo posto in superG, un decimo e un’eliminazione in gigante, un quarto in discesa e un undicesimo nel parallelo), lasciando così delle incertezze sulla capacità del nidvaldese di rendere al meglio nei grandi appuntamenti. «Mi sono detto che le Olimpiadi non sono il mio unico obiettivo, se funziona bene, altrimenti pazienza. E ho pensato a Beat e Lara che hanno ottenuto l’oro olimpico soltanto alla loro terza partecipazione».

Una stagione da record

Infine le difficili condizioni atmosferiche, soprattutto nella prima manche, ma anche nella seconda, che Odermatt, non solo ha gestito, ma ha anche sfruttato a sua favore un accumulo di neve a lato della linea ideale, quando nella prima discesa ha commesso l’unico errore della sua gara, per recuperare rapidamente e aumentare ulteriormente il proprio ritmo e gestire la situazione tattica perfettamente da lì in avanti. Non deve nemmeno essere stato facile gestire l’ora e mezza supplementare di tempo fra la prima e la seconda discesa, posticipata per offrire le migliori condizioni possibili agli sciatori. Il successo di Odermatt è pertanto meritatissimo, in quanto è stato l’unico a proporre due manche costanti ai suoi migliori livelli, impareggiabili per tutti gli altri. Che c’hanno provato a immagine dello sloveno Zan Kranjec, molto bravo a risalire dall’ottavo posto della prima manche e che all’ultimo intermedio era dietro all’elvetico di soli quindici centesimi – alla fine lo scarto sarà di diciannove – mentre il medagliato di bronzo il francese Mathieu Faivre (campione del mondo in carica) è già a più di un secondo e tre decimi di distacco, nessuno ci è però riuscito, come già accaduto in quattro dei cinque giganti stagionali di Coppa del Mondo (nel quinto, casomai qualcuno dubitasse, Odermatt aveva chiuso al secondo posto).

«Nella seconda manche ho di nuovo rischiato tutto. Se avessi commesso un errore come nel superG, non sarei finito sul podio e si sarebbe detto che non abbia mantenuto i nervi saldi. Fra le due manche ho cambiato set-up scegliendo degli sci diversi e cambiando anche gli attacchi. Ci vuole del coraggio per fare una mossa del genere quando si è al parziale primo posto a un’Olimpiade. Ho deciso di cambiare seguendo anche il consiglio di Murisier, per cui una porzione di questa medaglia è sua. Prima di partire per la seconda manche non ho voluto sapere quale fosse il mio vantaggio, per evitare di rilassarmi, perché è in quelle situazioni che poi finisci quarto».

Odermatt in ottima compagnia

Insomma Odermatt è già nel gotha dei gigantisti, del resto scorrendo a ritroso l’albo d’oro dei vincitori olimpici si capisce perfettamente quale sia il livello necessario per primeggiare in questa gara: quattro anni fa si era imposto Marcel Hirscher, a Sochi era stata la volta di Ted Ligety, nel 2010 era già arrivata una vittoria svizzera firmata da Carlo Janka, mentre nel 2006 a Torino il successo era andato a Benjamin Raich. «Sono orgoglioso di proseguire sulle orme di Janka – ha dichiarato Odermatt –, perché per raggiungere una medaglia d’oro sono tantissime le cose che devono andare per il verso giusto. C’è bisogno di un allenatore, di un serviceman, il fornitore di sci, gli sponsor e ovviamente la famiglia. È incredibile quanto forte sia il supporto all’atleta».

Odermatt è intanto il quinto gigantista elvetico a laurearsi campione olimpico: prima di lui Janka, Max Julen (Sarajevo 1984), Heini Hemmi (Innsbruck 1976) e Roger Staub (Squaw Valley 1960).

E vista la già citata giovane età non è affatto escluso che questa possa non rimanere la sua unica medaglia d’oro olimpica in gigante. Musica del futuro, certo, ma nessuno in questo momento ha delle credenziali migliori delle sue per centrare un colpaccio, finora riuscito soltanto ad Alberto Tomba a Calgary nel 1988 e quattro anni dopo ad Albertville. Mentre per rimanere alla corrente stagione Odermatt ha ancora la possibilità di mettere in carniere anche la prima coppetta di specialità in gigante (già quasi certa) e la prima generale di Coppa del mondo (con buone possibilità di successo, visto il vantaggio sul secondo in classifica), mica noccioline.

Una vittoria che mette tutti d’accordo la sua, non solo perché è al momento è indiscutibilmente il più forte nella specialità, ma anche per quel giusto mix fra consapevolezza dei propri mezzi e umiltà, in questo ricorda un po’ Beat Feuz, non a caso uno dei suoi mentori in questi primi anni fra gli adulti, che lo rende praticamente universalmente apprezzato anche come persona. E allora tutti gli appassionati di sci, ma soprattutto, ovviamente, quelli svizzeri, sono contenti per la definitiva esplosione di un atleta che saprà illuminare la scena ancora per parecchi anni.

Chi avrà bisogno del sangue freddo di Odermatt è, in vista dello slalom, Loïc Meillard, eliminato nella prima manche (così come gli era accaduto nello slalom della combinata) e che dunque non ha ancora completato una gara in quel di Yanqing. Stessa sorte per Justin Murisier, mentre Gino Caviezel, pur senza incantare, ha chiuso con un buon settimo piazzamento, recuperando tre posizioni nella seconda manche, essenzialmente sfruttando gli errori altrui. Ma per una volta il risultato globale della squadra conta poco, pochissimo. Oggi è stata semplicemente la giornata di Marco Odermatt.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
marco odermatt pechino 2022 slalom gigante
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved