SPORT
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
6 ore

L’hockey stravagante di Sankt Moritz ’48

75 anni fa, al termine di una lunga pausa forzata, per ospitare i primi Giochi dopo la pace ritrovata furono scelte la Svizzera e le nevi engadinesi
il dopopartita
11 ore

L’Ambrì espugna Zugo ‘con la testa e con la lotta’

Uno spunto di Heed dopo 14" di overtime regala la decima vittoria da due punti ai suoi. Pestoni: ‘Ora sottovalutare l’Ajoie sarebbe un errore gigantesco’.
IL DOPOPARTITA
11 ore

Lugano in bianco in un martedì nero. ‘Questione di feeling’

Cinque schiaffi nel primo tempo, triste primato di una partita che si spegne subito. Gianinazzi ‘Probabilmente, un domani gestirei la cosa diversamente’
Altri sport
12 ore

Hockey su prato, Lugano promosso in Serie B Indoor

Decisivi i due successi ottenuti contro Grasshopper e Berna al torneo finale di Prima Lega a Zurigo
Hockey
13 ore

Tim Heed regala due punti d’oro all’Ambrì Piotta

Ottima prestazione dei leventinesi a Zugo: la sfida ha premiato la truppa di Cereda, vittoriosa 3-2 dopo l’overtime
Hockey
13 ore

Nuovo tonfo del Lugano, gode il Friborgo

Dolorosa sconfitta per la truppa di Luca Gianinazzi: ospiti padroni totali alla Cornèr Arena e vincenti per 6-1, con cinque gol nei primi 20’.
Unihockey
16 ore

Ticino fermato dal Kloten

I bellinzonesi, sconfitti in casa dai Jets 7-3, chiudono settimi in classifica e sfideranno nei playoff l’Ad Astra
sci nordico
16 ore

Campionati regionali, vince un... varesino

Fra le donne successo di Manuela Leonardi di Bedretto, fra le ragazze vince Anna Pronzini e fra i ragazzi Levin Arduser
Basket
16 ore

Nancy Fora: ‘Importante la cultura del lavoro’

La cestista ticinese spiega i segreti dei successi dell’Elfic Friborgo, squadra che in Svizzera non ha praticamente rivali
Basket
17 ore

Mercoledì di nuovo in campo Lugano e Massagno

La Sam vincitrice della Coppa di Lega ospita il Neuchatel, mentre i Tigers ricevono il Vevey forse privo di Sefolosha
Tennis
17 ore

Golubic subito sconfitta a Lione

Ancora a secco di successi in un tabellone principale nel 2023 la trentenne tennista rossocrociata
Tennis
1 gior

Djokovic più forte di tutti e di tutto

Il serbo ha conquistato l’Open australiano mostrando, oltre a una netta superiorità tecnica, pure una forza mentale impressionante
HOCKEY
08.02.2022 - 17:54
Aggiornamento: 23:07

Contro i russi senza temere sberle. ‘Non ci capiterà più’

Domattina, alle 9.40, la Nazionale di Fischer inaugura il torneo maschile. L‘obiettivo? La semifinale. ’Per i giocatori non è stato un periodo facile’

contro-i-russi-senza-temere-sberle-non-ci-capitera-piu
Keystone
Gli ultimi ritocchi prima del via. Senza Simion né Malgin

Una parola: semifinale. Almeno. Da lì in giù, tutto il resto non conta. E non potrebbe essere altrimenti, ripensando al dramma di Pyeongchang, quando la selezione affidata allo stesso Patrick Fischer venne buttata fuori agli ottavi (al supplementare) da una miracolata Germania. «Quella pagina non ce la dimentichiamo di sicuro: è stata un’esperienza molto importante per noi», dice quattro anni dopo il quarantaseienne tecnico di Zugo.

Domattina, le 9.40 da noi, la Nazionale torna in pista per esorcizzare i fantasmi del passato, inaugurando ufficialmente il torneo olimpico contro una Russia che è senza ombra di dubbio la squadra da battere a questi Giochi, vista l’assenza dei giocatori della Nhl (per l’occasione, unicamente a causa della pandemia) ma non di quelli della Khl. I quali però, al pari degli elvetici, dovranno fare i conti con le dimensioni ridotte del ghiaccio olimpico. «A livello di gioco, la squadra russa è fortissima, però le piste più piccole non fanno al caso loro, perché per giocare come amano hanno bisogno di spazio e libertà di movimento». In altre parole, gli elvetici tatticamente sanno bene cosa fare: difesa ermetica e transizioni veloci sul fronte offensivo.

Anche se, naturalmente, pure gli elvetici dovranno prima abituarsi allo standard nordamericano della pista pechinese. Dopo il ritiro della scorsa settimana nel lussuoso e avveniristico OYM College di Cham (dove, tanto per fare un esempio, grazie a un particolare sistema idraulico, la superficie ghiacciata può passare in tempi relativamente brevi dalle dimensioni europee a quelle nordamericane, di quattro metri più strette), con Patrick Fischer che in una settimana ha dovuto rivedere tutto il ‘playbook’, per adattarlo alla pista più stretta su cui si gioca alle Olimpiadi. «E per i giocatori questo non è stato un periodo facile», ammette il tecnico rossocrociato. Il vantaggio della formula olimpica, però, è che al termine del turno eliminatorio nessuna delle dodici squadre (suddivise in tre gironi da quattro) verrà eliminata: la prima fase, infatti, servirà esclusivamente a determinare le quattro squadre qualificate direttamente ai quarti (ossia le tre vincitrici di gruppo più la miglior seconda), mentre le restanti otto si sfideranno negli ottavi di finale. Quindi ci sarà tempo per ambientarsi, cosa più che mai importante quest’anno siccome i rossocrociati arrivano ai Giochi senza lo straccio di un’amichevole, dopo l’annullamento di quella programmata a Cham contro il Canada e poi quella cancellata a Pechino con la Finlandia, naturalmente sempre per motivi legati al Covid.

Quattro anni fa in Corea, nonostante già allora non ci fossero stelle della Nhl (ma solo perché era saltato l’accordo tra la Lega professionistica nordamericana e il Cio sugli aspetti economici, in particolare sui milioni da sborsare per quanto riguarda gli aspetti assicurativi, visti i guadagni delle superstar), la Svizzera cominciò il torneo olimpico con quel 5-1 dai canadesi che suonò come una sonora sberla. «Una cosa del genere non ci capiterà più» dice, sicuro, Patrick Fischer. Ben felice, comunque, che stavolta i canadesi e gli statunitensi siano finiti in un altro girone, con la Germania e la folcloristica selezione cinese affidata a una vecchia conoscenza dell’hockey ticinese, quell’Ivano Zanatta chiamato a tirar fuori più del massimo da una squadra iscritta d’ufficio al torneo, solo perché la Cina è il Paese organizzatore dei Giochi, ma che arrischia di fare sul serio la figura del pesce fuor d’acqua.

Quanto alla formazione che fra poche ore scenderà in pista contro i russi, ‘Fischi’ dovrà per forza mandare sul ghiaccio tutti e venti i giocatori di movimento a disposizione, tenendo conto che il ticinese Dario Simion e il solettese Denis Malgin sono ancora in isolamento, confrontati con il Covid. Riguardo al capitolo portieri, invece, al solito il comandante non si sbottona. «Chiaramente abbiamo un piano in testa, ma sappiamo che tutti e tre sono non solo fisicamente ma anche mentalmente in grande forma». Tuttavia, appare chiaro che saranno Leonardo Genoni e Reto Berra a dividersi i galloni da titolare, mentre riguardo al davosiano Sandro Aeschlimann, vederlo all’opera anche solo brevemente sul ghiaccio di Pechino sarebbe davvero una sorpresa.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved