HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
9924
2
LucHC Lions
9797
3
Sparta Becherovka
9519
4
thibault_gav
9399
5
TrigoAce1
9389
6
Team Belozoglu
9376
7
FHM2223
9361
8
HC Kaski Male
9280
9
Team7
9234
10
Poitu
9203
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
6 ore

Tre punti d’oro per un affarone: l’Ambrì espugna Langnau

I biancoblù colgono un importantissimo successo nell’Emmental e fanno 4 su 4 contro i Tigrotti in stagione. Decisivo l’apporto della prima linea
CALCIO
8 ore

Aliseda all’ultimo respiro, il Lugano strappa un punto al Gc

Partita senza grosse emozioni che si chiude con un pareggio tutto sommato giusto e accettabile da entrambe le squadre
Basket
10 ore

Domati i Leoni ginevrini, Sam all’ultimo atto

A Montreux il Massagno di Robbi Gubitosa non stecca e si qualifica per l’ultimo atto di Coppa della Lega
Sci
14 ore

Shiffrin ancora davanti a tutte: 85esima vittoria per lei

La statunitense vince anche fra i paletti stretti di Spindleruv Mlyn e ora tallona Stenmark. Terzo posto per Wendy Holdener.
Tennis
15 ore

È Aryna Sabalenka la regina d’Australia

La bielorussa fa suo il primo Slam dell’anno. Battuta in finale, in tre set, Elena Rybakina al termine di una sfida durata due ore e mezza
Sci
15 ore

Rientro riuscito: Odermatt fa suo il primo superG di Cortina

Il nidvaldese non lascia scampo alla concorrenza. Ad accompagnarlo sul podio il norvegese Kilde (secondo a 35 centesimi) e l’italiano Casse
Basket
18 ore

Quasi 4 milioni per una maglia di LeBron James

Cifre da capogiro per l’asta di New York. L’oggetto più ambito la casacca indossata nel 2013 dal cestista
Calcio
22 ore

‘Carmelo Bene, male tutti gli altri’

In un libro di recente pubblicazione vengono raccolti alcuni degli scritti a sfondo sportivo firmati da un maestro del teatro italiano del Novecento
IL DOPOPARTITA
1 gior

Il Lugano ci prende gusto. ‘Però cerchiamo di badare al sodo’

Quarto successo filato per i bianconeri di Gianinazzi, che si confermano anche contro l’Ajoie. Il coach. ‘A me, però, la prima mezz’ora è piaciuta meno”
Altri sport
1 gior

Pattinaggio artistico, bronzo europeo per Lukas Britschgi

Lo sciaffusano grazie al miglior programma libero della carriera sale sul podio di Helsinki, alle spalle del francese Siao Him Fa e dell’italiano Rizzo
Hockey
1 gior

Il Lugano non si ferma e liquida anche l’Ajoie

I bianconeri, ora a 55 punti, non hanno lasciato scampo ai giurassiani, piegati 5-2 alla Cornèr Arena.
ciclismo
1 gior

Peter Sagan si ritira dal ciclismo su strada

Lo slovacco, triplice campione del mondo, da fine stagione si dedicherà unicamente alla mountain bike
IL DOPOPARTITA
laR
 
26.11.2022 - 00:05

Il ritorno della sconfitta. ‘Avessimo dato il 5% in più...’

Johnny Kneubuehler e un venerdì a secco di gol e di punti, con il portiere del Bienne Harri Säteri assoluto protagonista. ‘È frustrante perdere così”

il-ritorno-della-sconfitta-avessimo-dato-il-5-in-piu
Ti-Press/Golay
Delusioni biancoblù. Janne Juvonen: ‘Difficile vincere, se non segni...’

Ambrì – I famosi piccoli dettagli, e le occasioni sprecate. Poi, però, ci sono anche le intuizioni. Come quella di Antti Törmanen, a cui si accende improvvisamente una lampadina in testa al minuto 49’28’’, poco dopo che Inti Pestoni si vede negare un gol già fatto dall’abilità (o dalla fortuna, dipende dai punti di vista) del vecchio Beat Forster, che si para davanti all’attaccante numero 88 in una delle poche volte in cui il suo portiere Harri Säteri non riesce ad arrivarci. Sarà un caso, o magari no, quel timeout chiamato in fretta e furia ha un effetto devastante sui sogni di gloria biancoblù. Infatti, nemmeno un minuto dopo Künzle sfugge alla marcatura di Marchand e serve su un piatto d’argento a Damien Brunner il disco che manda definitivamente al tappeto i ticinesi. Marchand che, tra l’altro, per la prima volta viene schierato al centro di una quarta linea in cui c’è nuovamente Zwerger oltre a quel Valentin Hofer che, tra l’altro, è colui che poco dopo metà partita perde per strada il puck che spiana a Olofsson la strada verso l’1-0.

Insomma, sono due reti sul conto della quarta linea a sancire un amaro epilogo in un venerdì in cui l’Ambrì vorrebbe ma alla fine non può. Nonostante gli sforzi. Contro un Bienne che dimostra di avere nelle sue fila più qualità – tranne in porta forse, dove Janne Juvonen è determinante al pari di Säteri – ma che non riesce mai a essere concretamente dominante, nonostante dimostri di andarci a nozze quando si tratta di portare a spasso il disco. Se solo l’Ambrì fosse riuscito a dare qualcosa in più sul piano fisico... «È frustrante perdere in questo modo – dice l‘attaccante Johnny Kneubuehler, senz’altro uno dei migliori sul fronte biancoblù –. Il Bienne non ha rubato niente, ma se noi fossimo riusciti a dare un cinque per cento in più, forse saremmo stati a vincere questa partita. Ci è mancato soltanto un gol. Un gol brutto, sporco, arrivato dopo qualche respinta. Il problema è che davanti a un portiere di quel formato avremmo dovuto provocare prima quei ‘rebound’, invece quando finalmente sono arrivate le occasioni ghiotte era un po’ troppo tardi».

E quelle occasioni, al tirar delle somme sono state anche più ghiotte di quelle che ha potuto beneficiare il Bienne durante tutta la partita. A cominciare dalle due capitate sul bastone di Inti Pestoni. «Il Bienne davanti a me non ha poi avuto così tante opportunità – dice, dal canto suo, Janne Juvonen –, e prima della partita avevo una buona sensazione. E so benissimo chi è Harri Säteri, ho avuto la possibilità di fare la sua conoscenza in occasione dei ritiri con la nazionale finlandese, ma quel che è certo è che quando non riesci a segnare, poi ti viene difficile riuscire a vincere le partite...».

L’ANNOTAZIONE

La classe imperturbabile davanti ai secondi

Fuori i secondi! Ma qui, naturalmente, il pugilato non c’entra nulla: i secondi sono i portieri di riserva, che di questi tempi hanno vita davvero dura, con l’allargamento del contingente degli stranieri che ha ampliato offerta e orizzonti. Per rendersi conto di cosa significhi avere in porta gente come Säteri e Juvonen basta guardarli giocare: sicuri, disinvolti, imperturbabili se non addirittura imperscrutabili. Quando davanti ci si ritrova gente così, per chi arriva dietro non dev’essere facile: e se non lo è per un Simon Rytz catapultato dalla B che fin qui ha giocato appena 4 partite (contro le 19 di Säteri), a maggior ragione non lo è per uno come ‘Benji’ Conz, abituato essere titolare e che improvvisamente si ritrova il più delle volte ad aprire e chiudere lo sportello della panchina. Infatti, delle 24 partite disputate dall’Ambrì il trentunenne giurassiano ne ha giocate otto, cioè la metà di Juvonen. Tuttavia, va da sé che la classe debba passare davanti a tutto. Nei sessanta minuti di Ambrì-Bienne di esempi ce ne sono parecchi, ma la dimostrazione plastica del talento la si ha a 5’40’’ dalla prima sirena, quando Pestoni si ritrova sul bastone il disco dell’1-0, a 5 contro 4, e Säteri gli chiude la porta in faccia con incredibile determinazione. Poi sarà vero che quel puck ‘sfarfallava’, perché Inti non l’ha colpito come avrebbe voluto, ma che riflessi il finlandese (e che mira il suo guanto da presa).

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved