Inter
0
Milan
0
1. tempo
(0-0)
KIRKIN E./PIROS Z.
0
RITSCHARD A./STRICKER D.
0
fine
Ginevra
1
Friborgo
3
1. tempo
(1-3)
Visp
5
Olten
1
fine
(3-0 : 1-1 : 1-0)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
10388
2
LucHC Lions
10262
3
Sparta Becherovka
9991
4
TrigoAce1
9890
5
FHM2223
9869
6
thibault_gav
9824
7
Team Belozoglu
9817
8
HC Kaski Male
9765
9
Team7
9706
10
Poitu
9630
ULTIME NOTIZIE Sport
IL DOPOPARTITA
1 ora

A Lugano era pazienza, adesso è competizione

I bianconeri si godono il successo sul Kloten e i 61 punti in classifica prima della pausa. ‘Pian pianino stiamo andiamo nella direzione in cui volevamo’
Basket
1 ora

Sam, domenica di festa condita da un successo

Anche se la sfida con il Monthey è davvero brutta. Gubitosa: ‘Viste le premesse contava solo vincere’. Un Lugano incerottato, invece, s’arrende al Nyon
CALCIO
2 ore

Un gol di Di Giusto affossa le ambizioni del Lugano

Bianconeri battuti dal Winterthur al termine di una prestazione poco brillante, ma nella quale qualche occasione per il pareggio c’è comunque stata
Hockey
2 ore

A Zurigo l’Ambrì vince la battaglia dei nervi

I biancoblù ottengono la vittoria all’overtime dopo un match poco spettacolare ma comunque giocato con buona solidità difensiva. Decide tutto Chlapik
CICLOCROSS
3 ore

Van der Poel batte Van Aert e torna campione del mondo

A Hoogerheide, l’olandese vince l’eterno duello con il rivale belga e conquista il suo quinto titolo, succedendo nell’albo d’oro al britannico Pidcock
Calcio
4 ore

Bellinzona ancora senza identità

I granata cedono alla distanza anche contro il Wil e le parti alte della classifica si fanno sempre più lontane
SCI NORDICO
6 ore

Nadine Fähndrich brilla sulle nevi di Dobbiaco

La lucernese, eliminata venerdì nella semifinale dello sprint, sabato ha colto il quarto posto nella 10 km skating
SCI NORDICO
6 ore

Trionfo di Alessandro Vanzetti in Val Bedretto

L’esponente del Simano vince il tradizionale concorso del Pizzo Rotondo, mentre fra le donne ottimo secondo posto per Natascia Leonardi
Hockey
23 ore

Grazie a Klok il Lugano decolla e atterra sopra il Kloten

Dopo lo Zugo, i bianconeri mettono sotto anche gli Aviatori e salgono al nono posto in classifica, strappandolo proprio alla formazione zurighese
Tennis
23 ore

Stan ottiene il punto decisivo: Svizzera alle finali di Davis

In svantaggio 2-1 dopo la sconfitta nel doppio, i rossocrociati ribaltano la sfida con la Germania grazie ai successi di Hüsler e Wawrinka
Sci
1 gior

A Chamonix lo slalom parla svizzero: primo Zenhäusern, 3° Yule

Due svizzeri sul podio dello slalom per la prima volta dal 1978. Fuori il francese Noel, in testa dopo la prima manche. Primo podio greco con Ginnis
IL DOPOPARTITA
1 gior

‘Volevamo questa reazione’. E il Lugano torna decimo

I bianconeri battono lo Zugo per la quarta volta (su quattro) e si riscattano dopo la partitaccia con il Friborgo. Guerra: ‘Ma non è ancora finita’
IL DOPOPARTITA
1 gior

Ambrì ancora beffato. ‘Sono tre punti buttati’

I biancoblù pagano il 2-0 e vengono sconfitti dall’Ajoie nonostante un largo dominio. Chlapik: ‘Usiamo la rabbia per reagire a Zurigo’.
Tennis
1 gior

Davis, dopo il venerdì Svizzera e Germania sull’1-1

Il successo di Hüsler non basta: nulla da fare per Stan Wawrinka nel duello con il numero uno tedesco Alexander Zverev
Hockey
1 gior

Ambrì, una sconfitta che non ci voleva

La compagine biancoblù si è inchinata all’Ajoie davanti ai propri tifosi: all’overtime decide tutto un gol di Frossard.
Hockey
1 gior

Il Lugano rialza la testa a Zugo e torna a casa con tre punti

Gli uomini di Luca Gianinazzi riescono nuovamente a prevalere sui campioni svizzeri: 4-1 il risultato finale alla BossardArena
CALCIO
2 gior

Il nuovo ‘Nacho’ ha sete di riscatto

Dopo un anno difficile sul piano personale e deludente in campo, Ignacio Aliseda è tornato sereno: ‘Voglio mostrare al Lugano tutte le mie qualità’
HOCKEY
laR
 
19.10.2022 - 00:19
Aggiornamento: 18:44

Lugano, ecco i punti e Matti Alatalo. ‘Per l’ultima volta’

Nella sera del arrivo in panchina del nuovo vice di Luca Gianinazzi, i bianconeri trovano il primo successo del nuovo corso. Con ben tre gol di Connolly

lugano-ecco-i-punti-e-matti-alatalo-per-l-ultima-volta
Ti-Press
‘Mio figlio? Lui gioca, io alleno: a ognuno il suo ruolo’, dice il padre di Santeri

Lugano – Tutto il pubblico in piedi ad applaudire. Ed è uno scroscio di applausi convinto. Oltre che meritato. In un martedì da paura ma che invece si conclude in festa, con i giocatori chiamati sotto le tribune per un’ovazione che sembra esorcizzare tutto quant’è successo in dieci giorni durissimi, terribili persino. Spazzati via, almeno per ora, dai primissimi punti dell’era di Luca Gianinazzi. Punti pesanti soprattutto per il morale, scippati ai campioni svizzeri di uno Zugo che non sarà ancora ciò che dev’essere, ma la cui qualità (sulla carta e no) è lì da vedere. Invece, stavolta, Kovar e compagni sono costretti a tornarsene a casa malconci da una trasferta a Lugano in cui si debbono accontentare di fare da comprimari.

Tornato Koskinen tra i pali e rientrato Müller in attacco, nella serata della prima presa di contatto di Alatalo senior con la sua nuova realtà, il Lugano offre una prestazione convincente al di là di ogni ragionevole dubbio. Nella serata in cui succede di tutto e di più, tanto che segna persino un Yves Stoffel che quel momento l’attendeva addirittura da più di un anno: suo il 2-0 al 5’41’’ dopo l’impressionante progressione di un Marco Zanetti che non smette di stupire. Naturalmente, però, stavolta il più stupefacente di tutti è quel Brett Connolly autore di un solo golletto nelle prime nove partite, e che in una sera sola centra addirittura la tripletta: arrivato d’un botto a quota dieci punti, il trentenne ex attaccante dei Chicago Blackhawks è persino diventato il nuovo top scorer bianconero. O tutto o niente, insomma.

In generale, però, nell’occasione tutti si mettono infine in luce, senza eccezioni. Anche coloro che in un modo o nell’altro continuano a faticare, come ad esempio quel Luca Fazzini che ci prova e ci riprova ma non riesce a trovare il bersaglio. Segnali importanti, indubbiamente, sulla via della guarigione: quanto pronta sarà, lo scopriremo presto. «Sono contento per la squadra, dopo quelle brutte sconfitte è arrivata una bella vittoria contro una squadra forte come lo Zugo – sono le prime parole di Matti Alatalo dopo il suo arrivo sulla panchina bianconera –. I ragazzi hanno giocato bene: ognuno ha dato il massimo e penso che la vittoria sia meritatissima. Ho trovato giocatori smaniosi di fare bene: avevano grande voglia di dimostrare a tutti il loro talento e ci sono riusciti. Perché sono a Lugano? Sono qui perché Luca mi voleva vicino a lui nel dirigere questa squadra. Forse potrebbe essere la mia ultima esperienza alla balaustra: mi sento bene, pronto e molto motivato, e sono sicuro che potrò dare il mio apporto. E non è un problema se nella squadra c’è anche mio figlio Santeri: i ruoli sono ben definiti, io faccio il coach e lui il giocatore, molto semplice. Ognuno sta al suo posto, dando sempre il meglio. Pur se, non lo nascondo, è una cosa curiosa, speciale: fino a ieri non lo avevo mai allenato, sul ghiaccio siamo sempre stati avversari...».

L’ANNOTAZIONE

Con le spalle coperte per prevenire i geloni

Alla mattina l’annuncio, alla sera il debutto in panchina. Pur se al fianco di Matti Alatalo, il nuovo vice di Gianinazzi, almeno stavolta c’è ancora Krister Cantoni. Comunque sia, nel giorno nella ricomparsa di Marco Müller, il ritorno nel lineup di uno degli attaccanti più attesi passa in secondo piano, siccome a Lugano da ore non si parla che del papà di un Santeri Alatalo che è uno dei leader di questa squadra. Al di là delle questioni famigliari, di cui si potrebbe dibattere a lungo e magari pure a sproposito, siccome si parla pur sempre di un gruppo di professionisti, se in passato probabilmente non s’è mai discusso tanto di un assistente allenatore un motivo c’è: indiscutibilmente preparato ma pur sempre ventinovenne allenatore, Luca Gianinazzi più che di gente che gli insegni delle cose ha bisogno di qualcuno che lo sostenga, che lo sappia consigliare e che se serve gli copra magari anche le spalle. Di fronte alle critiche, quantomeno. Da quanto si sa, è stato lo stesso Gianinazzi a scegliere il 63enne tecnico (che tra l’altro da qualche tempo vive in Ticino), a spasso dall’ottobre 2020 quando il Visp lo sollevò dall’incarico: ci vorrà tempo per capire se avrà visto giusto, ma l’impressione è che l’aiuto di un vice abituato a lavorare con i giovani e che ha già alle spalle una carriera appagante possa essere la scelta migliore. Anche perché l’ultima cosa di cui Gianinazzi avrebbe bisogno è avere da parte qualcuno a cui, alla prima occasione, venga l’idea di rubargli la scena.

Lugano - Zugo (3-0 1-0 2-1) 6-1

Reti: 4’22’’ Connolly (Thürkauf/esp. Leuenberger) 1-0. 5’42’’ Stoffel (Zanetti) 2-0. 13’48’’ Connolly (Gerber) 3-0. 34’02’’ Alatalo (Marco Müller/esp. Kovar) 4-0. 46’01’’ Klingberg (esp. Alatalo) 4-1. 52’30’’ Connolly (Bennett) 5-1. 55’46’’ Granlund (Arcobello, Marco Müller) 6-1.

Lugano: Koskinen; Mirco Müller, Alatalo; Riva, Kaski; Guerra, Wolf; Ugazzi; Marco Müller, Arcobello, Granlund; Gerber, Bennett, Connolly; Morini, Thürkauf, Fazzini; Zanetti, Herburger, Stoffel.

Zugo: Genoni (dal 13’48’’ Hollenstein); Djoos, Geisser; Stadler, Hansson; Kreis, Schlumpf; Gross; Hofmann, Kovar, Simion; Cehlarik, O’Neill, Martschini; Herzog, Senteler, Zehnder; Allenspach, Leuenberger, Klingberg; De Nisco.

Arbitri: Hebeisen, Mollard; Burgy, Meusy.

Note: 4’495 spettatori. Penalità: 4 x 2’ contro il Lugano; 7 x 2’ contro lo Zugo. Tiri in porta: 37-25 (12-8, 14-10, 11-7). Lugano privo di Carr, Andersson, Josephs, Patry, Walker (tutti infortunati), Werder (squalificato) e Cortiana (in soprannumero); Zugo senza Suri (infortunato). Al 34’20’’ palo colpito da Kaski. Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Brett Connolly e Luca Hollenstein.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved