Losanna
4
Aarau
1
fine
(2-1)
Bienne
3
Lakers
0
fine
(2-0 : 0-0 : 1-0)
Ambrì
3
Ajoie
4
fine
(0-2 : 1-0 : 2-1 : 0-1)
Langnau
3
Ginevra
4
fine
(2-1 : 0-2 : 1-0 : 0-1)
Zugo
1
Lugano
4
fine
(0-1 : 0-1 : 1-2)
Friborgo
1
Zurigo
2
fine
(0-1 : 1-0 : 0-0 : 0-0 : 0-1)
Losanna
5
Davos
4
rigori
(2-0 : 1-1 : 1-3 : 0-0 : 1-0)
Winterthur
1
Visp
4
fine
(0-0 : 0-3 : 1-1)
Sierre
2
Ticino Rockets
1
fine
(1-0 : 0-1 : 0-0 : 1-0)
Langenthal
2
La Chaux de Fonds
3
fine
(0-1 : 1-0 : 1-1 : 0-1)
Dra.gosier-ga
2
Turgovia
1
fine
(1-1 : 0-0 : 1-0)
Olten
2
GCK Lions
3
rigori
(1-1 : 0-1 : 1-0 : 0-0 : 0-1)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
10265
2
LucHC Lions
10118
3
Sparta Becherovka
9862
4
FHM2223
9769
5
TrigoAce1
9727
6
Team Belozoglu
9686
7
thibault_gav
9678
8
HC Kaski Male
9654
9
Team7
9603
10
Chop
9481
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
18 min

Davis, dopo il venerdì Svizzera e Germania sull’1-1

Il successo di Hüsler non basta: nulla da fare per Stan Wawrinka nel duello con il numero uno tedesco Alexander Zverev
Hockey
1 ora

Ambrì, una sconfitta che non ci voleva

La compagine biancoblù si è inchinata all’Ajoie davanti ai propri tifosi: all’overtime decide tutto un gol di Frossard.
Hockey
1 ora

Il Lugano rialza la testa a Zugo e torna a casa con tre punti

Gli uomini di Luca Gianinazzi riescono nuovamente a prevalere sui campioni svizzeri: 4-1 il risultato finale alla BossardArena
CALCIO
5 ore

Il nuovo ‘Nacho’ ha sete di riscatto

Dopo un anno difficile sul piano personale e deludente in campo, Ignacio Aliseda è tornato sereno: ‘Voglio mostrare al Lugano tutte le mie qualità’
Formula 1
5 ore

La Ford torna in Formula 1 con la Red Bull

Il costruttore automobilistico statunitense fra tre anni farà ritorno nel Circus che aveva abbandonato nel 2004
sci nordico
6 ore

A Dobbiaco cade Nadine Fähndrich

La lucernese fuori in semifinale (come Valerio Grond tra gli uomini) e perde la testa della Coppa del mondo di sprint
ATLETICA
6 ore

Sepulveda Moreira e Tahou brillano nei 60 metri

Ai campionati ticinesi di sprint e ostacoli che a Locarno hanno chiuso la stagione indoor
Basket
7 ore

Domenica di festa per la Sam, per il Lugano invece cerotti

A Nosedo arriva il Monthey, nel pomeriggio in cui verrà celebrato il trionfo in Coppa. I Tigers, invece, vanno a Nyon. ‘Siamo in emergenza’
unihockey
14 ore

Il Ticino è ai playoff ‘e non era evidente’

I rossoblù di capitan Monighetti hanno chiuso settimi la regular season, ora nei quarti c’è l’Obvaldo: ‘Avversario giocabile, ciò che viene, viene’
OLIMPIADI
1 gior

La posizione di Washington: ‘Sì ai russi, ma senza bandiera’

Anche gli americani dicono la loro sulla presenza degli atleti di Russia e Bielorussia a Parigi. ‘Dev’essere chiaro che non rappresentano il loro Paese’
Formula 1
1 gior

È morto Jean-Pierre Jabouille. Aveva ottant’anni

Si è spento l’uomo che segnò l’inizio di un’epoca, portando per la prima volta al successo una vettura turbo sul tracciato di Digione, nel luglio del 1979
CALCIO
1 gior

Preparazione fisica, il tallone d’Achille della Nazionale

Pier Tami ha presentato le conclusioni dell’analisi svolta dall’Asf dopo i Mondiali. ‘Negli ottavi ci stiamo benissimo, per i quarti serve l’exploit’
Calcio
1 gior

Joaquin Ardaiz in prestito al Winterthur

Il 24enne uruguaiano lascia il Lucerna dopo mezzo campionato e un solo gol
HOCKEY
laR
 
15.10.2022 - 09:21

Anche stavolta Lugano a secco. ‘Servirà pazienza e tempo’

Due volte in vantaggio sul Friborgo, poi di nuovo battuto in rimonta. Come contro il Davos. Luca Gianinazzi: ‘Ma non credo sia un problema di condizione’

anche-stavolta-lugano-a-secco-servira-pazienza-e-tempo
Ti-Press/Golay
E dire che la doppietta di Bennett sembrava promettere bene...

Non bastano gli applausi che piovono dagli spalti. Dopo che già non erano bastati gli sforzi. Esattamente come il sabato prima contro il Davos, il nuovo Lugano dell’era Gianinazzi alla fine è costretto alla resa. Nonostante la pesante doppietta di Kris Bennett, il bomber che non t’aspetti. Il ventiseienne di Brampton, località dell’Ontario nota per aver dato i natali a Todd Elik, oltre che ai ben più affermati Rick Nash e Tyler Seguin, prima fa tutto da solo sfruttando un’improvvisa verticalizzazione di Riva (1-0 al 9’39"), poi con ottimo tempismo tocca alle spalle di Connor Hughes un centro profondo di Josephs dalla destra (2-1 al 33’05"). Quello è il momento migliore in un secondo periodo in cui, invero, è il Friborgo di Christian Dubé a far girare i dischi. Poi, quando sta per arrivare il cosiddetto money time, i bianconeri si piantano. Di nuovo: se contro il Davos il gol partita di Rasmussen era arrivato al 56’16", stavolta è il 53’32" quando Gunderson trova il modo di smarcarsi davanti a Schlegel, per la rete che tutto decide. Rubando il tempo a un Oliwer Kaski che nell’occasione non farà una gran figura, ma che in generale non sembra aver trovato davvero il suo ruolo all’interno del sistema bianconero.

Un vero peccato, perché pure contro il Friborgo il Lugano sembra partire bene, con un’inedita linea molto attiva formata dall’esuberante Zanetti (il giovane numero 11 dimostra di avere davvero dei buoni numeri), dal rientrante Josephs e dal citato Bennett, lo scorer ‘low cost’ ingaggiato per dare una mano ai Rockets, e che invece da quand’è atterrato alla Cornèr Arena in nove partite ha già totalizzato cinque gol (uno più di Granlund e Thürkauf, per capirci). Il problema è che quella buona spinta iniziale, con tanti duelli vinti e puck recuperati, finisce con lo spegnersi cammin facendo, in una serata in cui nel ‘top six’ le cose migliori, al solito, le mostra Markus Granlund, senza però che le prime due linee diano l’impressione di avere la stessa freschezza delle altre due. «Perdere non piace a nessuno, questo sicuramente, ma ho anche visto dei punti positivi, dei passi in avanti in quello su cui abbiamo lavorato durante la settimana, e ciò mi fa essere fiducioso – dice il giovane tecnico bianconero al termine della sua seconda serata in panchina –. Problemi di condizione fisica? Non penso: stavolta abbiamo sofferto molto di più nel secondo tempo che nel terzo, e paradossalmente a livello di gioco. Nel periodo centrale infatti siamo andati in difficoltà, mentre nell’ultimo a livello di occasioni ne abbiamo avute più di loro. Alla fine sono però i dettagli che fanno la differenza in questo sport, e abbiamo finito per pagarli a caro prezzo. Chiaro, dover giocare un altro tipo di gioco rispetto a prima è dispendioso, e noi vogliamo mettere tanta pressione sul disco e sugli avversari: questa abitudine a pattinare tanto va consolidata nel tempo, quindi abbiamo bisogno di pazienza e di tempo per costruire il nostro gioco».

L’ANNOTAZIONE

Porta pazienza

Il cronometro della Cornèr Arena segna tre minuti e quattro secondi di gioco effettivo, quando lo speaker annuncia che c’è un problema alla porta del Friborgo. A quel punto, come sempre accade quando una gabbia esce dai ritti, sul ghiaccio piomba un inserviente armato di trapano, che però nella fattispecie non è l’attrezzo più indicato. Anche perché la porta che dà problemi non è quella di Hughes, che difatti si sta tranquillamente abbeverando appoggiato alla gabbia: il difetto semmai è alla porta della panchina del Friborgo, che non si riesce più a chiudere. Il responsabile del materiale del Gottéron mima un calcione, come se stesse indicando che qualcuno abbia provato a chiuderla con eccessiva energia. Così un altro addetto della pista si mette a sistemare il problema alla bell’e meglio, ma la porta non vuol saperne di tornare al suo posto, quindi è costretto a smontarla e a portarla via per sostituire tutto il pezzo. Sul ghiaccio, intanto, i giocatori ingannano il tempo pattinando, e alcuni tra loro fanno anche quattro chiacchiere, come lo svedese del Friborgo Jacob de la Rose e Brett Connolly: magari uno dei due avrà detto all’altro ‘porta pazienza, prima o poi la riporta’. Invece non passa che qualche secondo e gli arbitri decidono di rispedire le squadre negli spogliatoi. Se al tirar delle somme quella sosta dura meno del previsto, non si può dire altrettanto di un primo periodo interminabile, durato addirittura tre quarti d’ora.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved