HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
10543
2
LucHC Lions
10326
3
Sparta Becherovka
10067
4
TrigoAce1
9963
5
FHM2223
9960
6
Team Belozoglu
9935
7
thibault_gav
9863
8
HC Kaski Male
9846
9
Team7
9741
10
Chop
9713
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
17 min

Mondiale per club, è il Real il secondo finalista

Gli spagnoli sconfiggono gli egiziani dell’Al Ahly grazie alle reti di Vinicius Junior, Valverde e – nei minuti di recupero – Rodrygo e Arribas
SCI ALPINO
1 ora

A soli 37 anni si è spenta Elena Fanchini

Malata da tempo, la sorella maggiore di Nadia si è dovuta arrendere a una recidiva del tumore ed è morta nella sua casa in provincia di Brescia
Formula 1
1 ora

Nessun bavaglio nel Circus. ‘Oguno può dire ciò che pensa’

In un’intervista al britannico The Guardian, Stefano Domenicali si schiera a favore della libertà d’espressione dei piloti, invitando la Fia a chiarire
Sci
3 ore

Lo scettro di Lara raccolto da Marta Bassino

Nel superG iridato, la ticinese detentrice del titolo chiude solo sesta. Giovedì tocca ai maschi, con Marco Odermatt in pole position
Tennis
4 ore

Abu Dhabi, Belinda ai quarti senza soffrire

La sangallese, numero nove al mondo, non incontra alcuna difficoltà nel superare l’ucraina Marta Kostjuk (numero 57 Wta), battuta 6-4 7-5
Ciclismo
5 ore

Il Velo Club Mendrisio fra tradizione e sfide del presente

Il presidente Alfredo Maranesi: ’Ormai ci sono pochissime gare, la stampa si interessa sempre meno, e di conseguenza fatichiamo a trovare sponsor’
Hockey
5 ore

Giovane, inesperta Svizzera. ‘Spero che (i club) apprezzino’

A Zurigo la Nazionale di Fischer si prepara ad affrontare la Finlandia con qualche artista in meno del solito. ‘Forechecking aggressivo e più semplicità’
Altri sport
6 ore

Sgambetto riuscito, il Biasca sale a quota 22 punti

Continua la serie positiva dei rivieraschi, che confermano di avere la difesa più solida del campionato e mettono sotto anche il temibile Ginevra
CURLING
8 ore

La Chicchera non se ne va da Chiasso

Podio tutto momò nella decima edizione della coppa andata in scena nello stesso weekend del Carnevale Nebiopoli
Sci
9 ore

Fallimento elvetico nel superG iridato vinto dalla Bassino

Soltanto sesta Lara Gut-Behrami, che era campionessa in carica. Decimo posto per Michelle Gisin, 13a la Hälen, 20a la Suter, 22a la Flury
Calcio
10 ore

Hoffenheim, a Matarazzo la panchina di Breitenreiter

Condannato dalla sconfitta 5-2 subita dal Bochum, l’ex tecnico dello Zurigo - licenziato lunedì - lascia il posto all’ex allenatore dello Stoccarda
Calcio
10 ore

Domenico Tedesco nuovo selezionatore del Belgio

Il 37enne tecnico italo-tedesco ha firmato coi Diavoli Rossi un accordo valido per la campagna relativa a Euro 2024
Basket
10 ore

Lebron James supera Kareem

Il giocatore dei Lakers ha stabilito il nuovo record di punti segnati nella storia della Nba
08.10.2022 - 22:02

Dopo Kloten, il Langnau. E i biancoblù restano in quota

Weekend da sei punti per l’Ambrì di Luca Cereda, che centra la quarta vittoria filata e sale a venti punti in classifica: solo il Ginevra ne ha di più

dopo-kloten-il-langnau-e-i-biancoblu-restano-in-quota
Ti-Press/Crinari
Hofer conclude una spettacolare triangolazione di prima intenzione e firma il gol del 3-1

Pronti, via, e dopo appena 29 secondi di gioco tra Ambrì e Langnau, alla Gottardo Arena la sfida si apre con una penalità in attacco per i biancoblù, con Grassi che finisce in panchina per ostruzione: gli uomini di Thierry Paterlini provano prova subito a installarsi, ma l’occasione più interessante è sul conto dei biancoblù, con un veloce rilancio sul liberissimo Chlapik fermato all’ultimo dal rientrante Saarijärvi. Sono comunque gli ospiti a segnare per primi: al 5‘02‘’, dimenticato da tutti davanti a Conz, l’ex di turno Dario Rohrbach serva a Schmutz il comodissimo puck del vantaggio bernese. Gli ospiti sembrano decisi a voler sfruttare il ‘momentum’ e provano a spingere, senza però mai che l’Ambrì rischi di scomporsi. Anzi, in appena trenta secondi i biancoblù ribaltano il risultato, mettendo in crisi la difesa degli uomini di Paterlini, i quali non riescono a gestire un rimbalzo nello slot su appoggio dalla distanza di Burren, con André Heim che è il più lesto a fiondarsi su quel puck, poi Spacek mette un disco davanti alla porta per Pestoni, con Boltshauser che pure in quel caso non riesce a leggere la situazione, pur se la colpa del gol va messa sul conto del difensore Sebastian Schilt, che calcia con il pattino: dallo 0-1 di una trentina di secondi prima al 2-1 al 12’19’’.

Più i minuti passano, più i ticinesi hanno la loro impronta sul match. Al terzo minuto del periodo di mezzo Zwerger dialoga sulla blu con Shore, e il tocco apre in due la difesa bernese, ma Boltshauser in qualche modo riesce a sbarrare la strada all‘americano, ma l’accorrente Erni non trova di meglio fa fare che afferrare il disco con le mani, ciò che ovviamente non è consentito: in quei due minuti il powerplay biancoblù torna a far male, ancora con Heim, che con un tocco astuto segna il 3-1 al 24’08’’. Poi, poco più di un minuto dopo uno scatenato Ambrì trova anche il quarto gol, dopo l’applauditissima triangolazione tutta ‘di prima’ tra il solito Spacek, Pestoni e Hofer. Più lucidità, più qualità, più occasioni: la squadra di Cereda è padrona del ghiaccio, e poco dopo metà partita Hofer e Kneubuehler si mangiano l’occasione per il quinto gol. La sua di occasione, invece, Lapinskis la sfrutta per accorciare sul 4-2 al 37‘44’’.

E il Langnau non si dà per vinto. In un terzo tempo in cui i biancoblù sembrano piuttosto voler controllare, basta una penalità (la terza) sul conto di Zwerger, per sgambetto, a riportare in partita i bernesi, con il nazionale tedesco Marc Michaelis che batte Conz sul primo palo con un tiro di prima intenzione. Così la partita rimane aperta fin quasi al termine, con il Langnau che resta senza portiere dal 57‘39’’. Con i leventinesi che non solo non incassano più reti, ma segnano poi il definitivo 5-3 a porta vuota con Spacek.

Ambrì Piotta - Langnau (2-1 2-1 1-1) 5-3
Reti: 5’02’’ Schmutz (Rohrbach, Pesonen) 0-1. 11’47’’ Heim (Burren) 1-1. 12’19’’ Pestoni (Spacek/autorete Schilt) 2-1. 24’08’’ Heim (Pestoni, Burren/esp. Erni) 3-1. 25’21’’ Hofer (Pestoni, Spacek) 4-1. 37’44’’ Lapinskis (Sturny) 4-2. 48’37’’ Michaelis (Diem, Saarela/esp. Zwerger) 4-3. 59’29’’ Spacek (Pestoni/a porta vuota) 5-3.
Ambrì Piotta: Conz; VIrtanen, Fischer; Fohrler, Zaccheo Dotti; Zündel, Burren; Wüthrich; Grassi, Kostner, McMillan; Bürgler, Heim, Kneubuehler; Pestoni, Spacek, Hofer; Chlapik, Shore, Zwerger; Trisconi.
Langnau: Boltshauser; Zryd, Lepistö; Grossniklaus, Saarijärvi; Schilt, Cadonau; Erni, Huguenin; Pesonen, Michaelis, Weibel; Saarela, Schmutz, Rohrbach; Lapinskis, Diem, Sturny; Aeschlimann, Neuenschwander, Berger.
Arbitri: Stricker, Hungerbühler; Schlegel, Obwegeser.
Note: 6‘344 spettatori. Penalità: 3 x 2’ contro l’Ambrì; 2 x 2’ contro il Langnau. Tiri: 29-24 (12-6, 10-13, 10-5). Ambrì Piotta senza Isacco Dotti, Heed (infortunati), Pezzullo (ammalato) e Marchand (in soprannumero). Al 32’32’’ timeout chiesto dal Langnau. Langnau senza portiere dal 57’39’’ al 59’29’’. Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Inti Pestoni e Luca Boltshauser.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved