Langenthal
1
Ticino Rockets
0
1. tempo
(1-0)
Visp
Dra.gosier-ga
17:45
 
Turgovia
Winterthur
18:00
 
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5878
2
HC Kaski Male
5839
3
HC Aspi Capitals
5769
4
HC TUT-TUT
5622
5
GregBeaud
5615
6
LucHC Lions
5577
7
SV Rokaner
5562
8
Team Belozoglu
5556
9
HC Klo10Flies
5524
10
Chop
5519
ULTIME NOTIZIE Sport
Bob
8 ore

Stavolta per Michael Vogt il podio c’è per davvero

Quarto una settimana prima a Whistler, a Park City lo svittese chiude al terzo rango la prova di Coppa del mondo di bob a due
i mondiali dal divano
12 ore

Questione di prospettiva

Il gol del Giappone, la festa dei tunisini eliminati, ma vittoriosi sulla Francia: la felicità, nel calcio e non, dipende da come guardiamo le cose
Qatar 2022
19 ore

Storico ma inutile successo del Camerun sul Brasile

Gli africani, nel finale di partita, trovano con Aboubakar il gol per battere la formazione delle riserve verdeoro
QATAR 2022
19 ore

Shaqiri, Embolo, Freuler, la Svizzera è agli ottavi

Superata la Serbia al termine di una partita ricca di emozioni. Rossocrociati superiori all’avversario, prestazione eccellente
Sci
20 ore

Lake Louise, Sofia Goggia e un sorriso al fotofinish

Nella prima libera femminile della stagione l’italiana batte per 4 centesimi Suter e per 6 l’austriaca Hütter. Lara è 18esima: ‘Domani ci riprovo’
QATAR 2022
22 ore

Svizzera affronta la Serbia senza Sommer ed Elvedi

I due ancora alle prese con un attacco influenzale. Saranno sostituiti da Gregor Kobel tra i pali e da Fabian Schär in difesa. Shaqiri in campo da subito
Qatar 2022
23 ore

La Corea sconfigge il Portogallo B e va agli ottavi

I sudcoreani rimontano la rete iniziale lusitana, ribaltano il risultato e, grazie al maggior numeri di gol segnati, superano l’Uruguay
QATAR 2022
23 ore

Questione di millimetri, il gol del Giappone era valido

La Fifa precisa che la rete con la quale i nipponici hanno sconfitto la Spagna era regolare, siccome la proiezione della sfera toccava la linea di fondo
Qatar 2022
23 ore

L’Uruguay batte il Ghana 2-0, ma non basta

La sconfitta del Portogallo contro la Corea permette agli asiatici di superare la Celeste a livello di gol segnati
Hockey
23 ore

Fatton senza ghiaccio per sei, otto settimane

Prestato allo Zugo a metà novembre, il ventunenne portiere del Lugano ha rimediato lo strappo dei legamenti di una caviglia
Calcio
23 ore

Il Lugano di Croci-Torti torna a sudare. ‘Siamo carichi’

Ritrovo a Cornaredo per i bianconeri, per l’inizio della preparazione al campionato che riprenderà il 22 gennaio. ‘Una preparazione diversa dal solito’
Altri sport
1 gior

Il Ticino torna da Losanna con sette medaglie al collo

Buon risultato d’assieme per i judoka di casa nostra in una competizione a cui accedevano soltanto i migliori atleti del ranking nazionale
BASKET
1 gior

Due trasferte in Romandia per Spinelli e Tigers

Il Massagno non deve scherzare contro il Nyon, mentre un Lugano con qualche assente di troppo sarà ospite del Ginevra
SCI ALPINO
1 gior

Cdm senza pace, annullata la discesa di Beaver Creek

Uomini fermi, come settimana scorsa a Lake Louise, a causa di vento e precipitazioni nevose. Si tratta della nona gara tolta dal calendario o posticipata
hockey
laR
 
03.10.2022 - 00:05
Aggiornamento: 15:19

Con cinismo e solidità l’Ambrì espugna Zugo

Le doppiette di Bürgler e Heim e il gol di Shore alla Bossard Arena, regalano ai biancoblù un weekend da cinque punti che li proietta al quarto posto

con-cinismo-e-solidita-l-ambri-espugna-zugo
Keystone
A Pestoni e compagni sono bastati 27 tiri per battere cinque volte Genoni

L’Ambrì completa contro Rapperswil e Zugo un weekend da cinque punti che proietta i leventinesi al quarto posto in classifica, a pari punti (quattordici in otto partite) con gli stessi tori. La lezione delle sconfitte contro Ginevra e Lugano è dunque assimilata, ciò che si vede anche a livello di lineup, rimasto quasi invariato nelle due partite del weekend (con l’avvicendamento dei due portieri e di Hofer e Marchand). La grande qualità della squadra di Cereda è stata quella di sfruttare le occasioni concesse dagli avversari, come la scelta di Hedlund di togliere il portiere nel corso dell’overtime di sabato e le praterie in difesa lasciate ieri da Djoos e compagni.

Il primo tempo della Bossard Arena è un gran esempio di cinismo dei leventinesi: lo Zugo colpisce un palo con Geisser, il quale, così come De Nisco, ha un’occasione a tu per tu con Juvonen (efficace e sicuro in qualsiasi circostanza), mentre l’Ambrì all’unica vera occasione segna con Spacek, dopo venti minuti dunque il conto dei tiri è di 12-3 per i padroni di casa, quello dei gol però di 1-0 per gli ospiti. E anche nel secondo tempo in cui lo Zugo trova tre reti ravvicinate (con Hansson in powerplay, con il tocco di Kovar e con la bella azione di O’Neill), l’Ambrì trova il modo di replicare con due situazioni di due contro uno finalizzate da Bürgler per i momentanei 2-1 e 3-3 (addirittura in inferiorità numerica), punendo spietatamente gli errori dei padroni di casa. Nel terzo tempo i biancoblù tramortiscono i tori con due reti in pochi minuti, di Shore (la sua prima in maglia leventinese), nuovamente in contropiede e di Spacek autore di una bella azione in combutta con Pestoni. Poi l’attenzione difensiva si mantiene molto alta, quando Martschini segna il gol del 4-5 è infatti semplicemente troppo tardi per completare la rimonta.

Wütrich subito molto impiegato

Sugli scudi in particolare gli autori di una doppietta Bürgler (già a segno sabato per la rete decisiva al supplementare) e Spacek, oltre ai soliti Heim o Virtanen, anche se in generale è tutta la squadra ad apparire in crescita. I fari erano, ovviamente, anche puntati sull’ultimo arrivato, il difensore Dario Wütrich (arrivato in prestito proprio dallo Zugo). Il 23enne, al di là del fatto di non essere riuscito a fermare O’Neill in occasione della sua rete, ha dimostrato di essersi già integrato bene nel gruppo biancoblù, dimostrandosi sicuro e venendo ricompensato da Cereda con 23’ di ghiaccio (da settimo difensore) in due partite.

Un altro aspetto decisivo per i leventinesi è stato quello, dopo essere stati trafitti nella prima inferiorità numerica, di uscire indenne dalle due successive (segnando anzi il 3-3) e di non concederne altre nel terzo tempo al temibile powerplay zugano.

Anche Inti Pestoni, intervistato da Teleticino, è soddisfatto per quella che è la seconda vittoria piena, e la sesta complessiva, di questo positivo inizio di stagione: «C’è andata bene, siamo entrati in pista con la consapevolezza di non poter fare spettacolo, ma ci siamo chiusi dietro, anche se nel primo tempo abbiamo sofferto, siamo stati bravi a sfruttare le poche occasioni avute nella prima parte di partita, arrivate oltretutto nei momenti di loro maggior pressione». V.B.

Zugo - Ambrì Piotta (0-1 3-2 1-2) 4-5
Reti: 13’21" Spacek (Pestoni) 0-1, 22’08" Hansson (Martschini, Senteler/esp. Virtanen) 1-1, 23’53" Bürgler (Kneubuehler) 1-2, 24’14" Kovar (Hofmann) 2-2, 24’42" O’Neill 3-2, 30’52" Bürgler (Heim/esp. Spacek!) 3-3, 44’45" Shore (Virtanen) 3-4, 47’40" Spacek (Pestoni, Virtanen) 3-5, 59’29" Martschini (Simion, Hofmann/in 6 contro 5) 4-5.
Zugo: Genoni; Geisser, Djoos; Hansson, Stadler; Schlumpf, Kreis; Gross; Simion, Kovar, Hofmann; Zehnder, Senteler, Herzog; Martschini, O’Neill, Cehlarik; Klingberg, Leuenberger, De Nisco; Allenspach.
Ambrì Piotta: Juvonen; Virtanen, Fischer; Fohrler, Zaccheo Dotti; Zündel, Burren; Wütrich; Pestoni, Spacek, Hofer; Bürgler, Heim, Kneubuehler; Chlapik, Shore, Zwerger; Grassi, Kostner, McMillan; Trisconi.
Arbitri: Hebeisen, Kohlmüller (Ger); Obwegeser, Schlegel.
Note: 6’799 spettatori. Penalità: 2 x 2’ contro lo Zugo, 3 x 2’ contro l’Ambrì Piotta. Tiri in porta: 31-27 (12-3, 10-15, 9-9). Zugo privo di Suri (infortunato), Vogel, Neumann, Nussbaumer (Swiss League); Ambrì senza Heed, Isacco Dotti, Stefan Müller (infortunati), Pezzullo (ammalato), Patenaude, Dufey (Rockets), Marchand (in soprannumero). Al 5’05" palo colpito da Geisser. Al 24’42" timeout Ambrì Piotta; al 35’41" timeout Zugo. Zugo senza portiere dal 56’39" al 57’02", dal 59’12" al 59’29" e dal 59’ 49" al 60’00". Premiati a fine partita, quali migliori in pista, Jan Kovar e Dario Bürgler.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved