HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5878
2
HC Kaski Male
5839
3
HC Aspi Capitals
5769
4
HC TUT-TUT
5622
5
GregBeaud
5615
6
LucHC Lions
5577
7
SV Rokaner
5562
8
Team Belozoglu
5556
9
HC Klo10Flies
5524
10
Chop
5519
ULTIME NOTIZIE Sport
Bob
3 ore

Stavolta per Michael Vogt il podio c’è per davvero

Quarto una settimana prima a Whistler, a Park City lo svittese chiude al terzo rango la prova di Coppa del mondo di bob a due
i mondiali dal divano
8 ore

Questione di prospettiva

Il gol del Giappone, la festa dei tunisini eliminati, ma vittoriosi sulla Francia: la felicità, nel calcio e non, dipende da come guardiamo le cose
Qatar 2022
15 ore

Storico ma inutile successo del Camerun sul Brasile

Gli africani, nel finale di partita, trovano con Aboubakar il gol per battere la formazione delle riserve verdeoro
QATAR 2022
15 ore

Shaqiri, Embolo, Freuler, la Svizzera è agli ottavi

Superata la Serbia al termine di una partita ricca di emozioni. Rossocrociati superiori all’avversario, prestazione eccellente
Sci
16 ore

Lake Louise, Sofia Goggia e un sorriso al fotofinish

Nella prima libera femminile della stagione l’italiana batte per 4 centesimi Suter e per 6 l’austriaca Hütter. Lara è 18esima: ‘Domani ci riprovo’
QATAR 2022
18 ore

Svizzera affronta la Serbia senza Sommer ed Elvedi

I due ancora alle prese con un attacco influenzale. Saranno sostituiti da Gregor Kobel tra i pali e da Fabian Schär in difesa. Shaqiri in campo da subito
Qatar 2022
18 ore

La Corea sconfigge il Portogallo B e va agli ottavi

I sudcoreani rimontano la rete iniziale lusitana, ribaltano il risultato e, grazie al maggior numeri di gol segnati, superano l’Uruguay
QATAR 2022
19 ore

Questione di millimetri, il gol del Giappone era valido

La Fifa precisa che la rete con la quale i nipponici hanno sconfitto la Spagna era regolare, siccome la proiezione della sfera toccava la linea di fondo
Qatar 2022
19 ore

L’Uruguay batte il Ghana 2-0, ma non basta

La sconfitta del Portogallo contro la Corea permette agli asiatici di superare la Celeste a livello di gol segnati
Hockey
19 ore

Fatton senza ghiaccio per sei, otto settimane

Prestato allo Zugo a metà novembre, il ventunenne portiere del Lugano ha rimediato lo strappo dei legamenti di una caviglia
hockey
01.10.2022 - 22:31
Aggiornamento: 02.10.2022 - 14:13

Il Lugano ritrova compattezza e la vittoria a Bienne

Con una rete per tempo i bianconeri espugnano la Tissot Arena e vendicano la sconfitta subita ieri con il Kloten

di Giuliano Balmelli
il-lugano-ritrova-compattezza-e-la-vittoria-a-bienne
Keystone
Secondo shutout stagionale per Mikko Koskinen

Dopo la sconfitta patita contro il Kloten, il Lugano scende in pista con una formazione che vede l’assenza di Marco Müller, infortunatosi al ginocchio proprio venerdì sera contro gli aviatori. Koskinen riprende il posto tra i pali e gli fa spazio Josephs. In attacco entrano Cortiana e Zanetti, che riveste il ruolo di tredicesimo attaccante.

Pronti, via e il Lugano incassa una prima penalità per bastone alto, poi comunque senza conseguenze. Le due squadre si equivalgono sul piano del gioco, con i sottocenerini che si affidano principalmente alle ripartenze. L’occasione più nitida capita all’undicesimo sul bastone di capitan Arcobello, che s’invola tutto solo verso la porta ma poi sbaglia. Guadagnata una superiorità dal giovane Zanetti, i bianconeri passano in vantaggio al 17’32’’ con Bennett abile a insaccare in mischia davanti a Säteri. Poco prima della sirena Rajala semina panico in difesa con una bella azione personale che però si infrange su Koskinen.

L’inizio di periodo centrale vede diverse occasioni per parte. Koskinen deve subito intervenire in un paio di occasioni su azioni biennesi (in particolare una scorribanda di Hischier in apertura) nate da errori di impostazione da parte dei bianconeri. La fase centrale è spezzettata, complici diverse penalità inflitte alle due squadre. Al 29’ il Lugano ha l’opportunità di giostrare per 1’19’’ in 4 contro 3, ma il goal non arriva nonostante le buone trame offensive. Goal che arriva poi poco dopo grazie a Elia Riva, il cui preciso tiro buca l’estremo difensore locale al 32’57. L’allungo porta vitalità per gli ospiti che sul finale di periodo si fanno preferire, mentre i Seeländer provano a metterla sul fisico.

Nel terzo tempo i padroni di casa spingono nel tentativo di riaprire la sfida, ma Koskinen si fa sempre trovare pronto. Il Lugano dal canto suo si rende pericoloso con una giocata di classe di Thürkauf a cui manca solo l’acuto dopo essersi bevuto due avversari. Il forcing finale da parte del Bienne non porta a nulla e Fazzini trova la prima gioia personale siglando il 3-0 a porta vuota.

Bienne – Lugano (0-1 0-1 0-1) 0-3

Reti: 17’32’’ Bennett (esp. Stampfli) 0-1. 32’57 Riva (Thürkauf) 0-2. 57’50’’ Fazzini (a porta vuota) 0-3.

Bienne: Säteri; Rathgeb, Lööv; Yakovenko, Grossmann; Schneeberger, Stampfli; Delémont; Kessler, Sallinen, Rajala; Hofer, Haas, Hischier; Bruner, Cunti, Künzle; Schläpfer, Froidevaux, Maillard; Bärtschi.

Lugano: Koskinen; Kaski, Mirco Müller; Wolf, Guerra; Alatalo, Riva; Villa; Fazzini, Grandlund, Bennett; Connolly, Thürkauf, Patry; Vedova, Arcobello, Herburger; Stoffel, Cortiana, Gerber; Zanetti.

Arbitri: Lemelin (Usa), Tscherrig; Burgy, Stalder.

Note: 5301 spettatori. Penalità: 6 x 2’ contro il Bienne; 8 x 2’ contro il Lugano. Tiri: 31-36 (7-13, 12-14, 10-8). Bienne privo di Van Pottelberghe (infortunato), Tanner, Olfosson Forster (ammalati) Reinhard, Jobin, Christen (Swiss League). Lugano senza Josephs (straniero in sovrannumero), Marco Müller, Andersson, Walker, Morini Carr (infortunati), Fadani, Ugazzi, Näser Werder e Fatton (in soprannumero). Dal 57’48’’ al 57’50’’ Bienne senza il portiere. Premiati a fine partita Harri Säteri e Mikko Koskinen.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved