HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5878
2
HC Kaski Male
5839
3
HC Aspi Capitals
5769
4
HC TUT-TUT
5622
5
GregBeaud
5615
6
LucHC Lions
5577
7
SV Rokaner
5562
8
Team Belozoglu
5556
9
HC Klo10Flies
5524
10
Chop
5519
ULTIME NOTIZIE Sport
Bob
3 ore

Stavolta per Michael Vogt il podio c’è per davvero

Quarto una settimana prima a Whistler, a Park City lo svittese chiude al terzo rango la prova di Coppa del mondo di bob a due
i mondiali dal divano
7 ore

Questione di prospettiva

Il gol del Giappone, la festa dei tunisini eliminati, ma vittoriosi sulla Francia: la felicità, nel calcio e non, dipende da come guardiamo le cose
Qatar 2022
14 ore

Storico ma inutile successo del Camerun sul Brasile

Gli africani, nel finale di partita, trovano con Aboubakar il gol per battere la formazione delle riserve verdeoro
QATAR 2022
15 ore

Shaqiri, Embolo, Freuler, la Svizzera è agli ottavi

Superata la Serbia al termine di una partita ricca di emozioni. Rossocrociati superiori all’avversario, prestazione eccellente
Sci
15 ore

Lake Louise, Sofia Goggia e un sorriso al fotofinish

Nella prima libera femminile della stagione l’italiana batte per 4 centesimi Suter e per 6 l’austriaca Hütter. Lara è 18esima: ‘Domani ci riprovo’
QATAR 2022
17 ore

Svizzera affronta la Serbia senza Sommer ed Elvedi

I due ancora alle prese con un attacco influenzale. Saranno sostituiti da Gregor Kobel tra i pali e da Fabian Schär in difesa. Shaqiri in campo da subito
Qatar 2022
18 ore

La Corea sconfigge il Portogallo B e va agli ottavi

I sudcoreani rimontano la rete iniziale lusitana, ribaltano il risultato e, grazie al maggior numeri di gol segnati, superano l’Uruguay
QATAR 2022
18 ore

Questione di millimetri, il gol del Giappone era valido

La Fifa precisa che la rete con la quale i nipponici hanno sconfitto la Spagna era regolare, siccome la proiezione della sfera toccava la linea di fondo
Qatar 2022
18 ore

L’Uruguay batte il Ghana 2-0, ma non basta

La sconfitta del Portogallo contro la Corea permette agli asiatici di superare la Celeste a livello di gol segnati
HCL
30.09.2022 - 22:12
Aggiornamento: 23:44

A Lugano si chiude tra i fischi. Con la vittoria del Kloten

Dopo le buone impressioni nel derby, i bianconeri cadono di fronte agli Aviatori, che alla Cornèr Arena centrano il loro primo successo stagionale

a-lugano-si-chiude-tra-i-fischi-con-la-vittoria-del-kloten
Ti-Press
Schlegel battuto addirittura cinque volte, di cui quattro in powerplay

La prima vittoria stagionale del Kloten è avvenuta in casa del Lugano (4-5). Incapace di cavalcare l’onda positiva a seguito del derby vinto, la banda di Chris McSorley ha sofferto le ripartenze e i powerplay degli aviatori, uscendo a bocca asciutta dal match della Cornèr Arena. Nello scacchiere bianconero ha fatto il suo rientro Kaski, assenti invece le pedine di Andersson e Morini (entrambi out causa infortunio). Turno di riposo, inoltre, per Koskinen, che ha lasciato il posto a Schlegel tra i pali.

La contesa si è aperta con una doppietta di Thürkauf nei primi 10’. Il 97 bianconero ha prima deviato una conclusione dalla blu (4’44") e poi insaccato un rebound concesso da Metsola (7’36"), donando ai suoi il privilegio di poter entrare in controllo della gara. Privilegio di cui non ha fruito però il Lugano, perché – dopo un palo di Granlund – al Kloten sono bastati due powerplay ravvicinati per ristabilire l’equilibrio. In poco più di due giri d’orologio infatti Aaltonen (12’33") e Reinbacher (14’54") hanno battuto Schlegel in situazione di superiorità, portando il risultato sul 2-2.

In avvio di periodo centrale Granlund – segnando anche lui in powerplay a 20’57" – aveva illuso la Cornèr Arena che il doppio colpo incassato nella frazione iniziale fosse solo uno sporadico blackout. Cinico, il Kloten ha rapidamente dimostrato il contrario. Un contropiede concluso da Marchon (23’22") e l’ennesimo letale powerplay, stavolta capitalizzato con Bougro (27’51"); la formula con cui gli aviatori hanno messo avanti la testa per la prima volta nella serata. È un Lugano che fatica tremendamente a installarsi nel terzo avversario e ne soffre le ripartenze, giungendo così alla seconda sirena sotto di uno.

Ad appianare la distanza ci ha pensato Connolly all’alba dell’ultima frazione, deviando un puck in porta dallo slot (43’49"). Fazzini e compagni hanno commesso però nuovamente l’errore di concedere al Kloten una situazione di superiorità; e come per applicazione di una legge non scritta, a 51’01" Aaltonen ha siglato la quarta rete di serata in powerplay (su sei avuti a disposizione fino a quel momento). Un seguente 2’+2’ inflitto a Connolly ha reso pressoché impossibile per il Lugano il tentativo di assedio finale. La sfida si è chiusa, dunque, sul risultato di 4-5 in favore della compagine zurighese.

Domani, i bianconeri cercheranno subito di riscattarsi, alla Tissot Arena di Bienne.

Lugano - Kloten (2-2 1-2 1-0) 4-5
Rete: 4’44" Thürkauf (Guerra) 1-0; 7’36" Thürkauf (Connolly) 2-0; 12’33" Aaltonen (Ang) 2-1; 14’54" Reinbacher (Marchon, Simic) 2-2; 20’57" Granlund (Bennett, Alatalo) 3-2; 23’22" Marchon (Reinbacher) 3-3; 27’51" Bougro (Routsalainen, Ekestahl-Jonsson) 3-4; 43’49" Connolly (Bennett) 4-4; 51’01" Aaltonen (Ang, Bougro) 4-5.
Lugano: Schlegel; Mi. Müller, Kaski; Riva, Alatalo; Guerra, Wolf; Patry, Thürkauf, Connolly; Bennett, Granlund, Ma. Müller; Josephs, Arcobello, Fazzini; Gerber, Herburger, Vedova; Villa, Stoffel.
Arbitri: Lemelin, Urban; Fuchs, Meusy.
Note: 4’635 spettatori. Penalità: 8 x 2’ Lugano; 5 x 2’ Kloten.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved