HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
EHC Rofels
5315
2
HC TUT-TUT
5251
3
HC Aspi Capitals
5248
4
HC Kaski Male
5199
5
LucHC Lions
5044
6
ASIA TEAM
5031
7
HC Klo10Flies
5031
8
AmStars
5027
9
SV Rokaner
5020
10
SR17
5006
ULTIME NOTIZIE Sport
SCI ALPINO
3 ore

Lara Gut-Behrami inizia con il botto

La ticinese si è imposta nel gigante di Killington, davanti all’italiana Bassino e alla svedese Hector
QATAR 2022
3 ore

Un buon Ambrì cede alla distanza contro gli Zsc Lions

I biancoblù disputano due tempi di buon livello ma sprecano un doppio vantaggio, mentre i padroni di casa si affidano alle fiammate e al powerplay
QATAR 2022
3 ore

Il genio di Messi tiene in vita l’Argentina

Al 69’ una rete da fuori area della Pulce stende il Messico (nel finale il raddoppio di Fernandez). Ma l’Albiceleste ancora non convince
QATAR 2022
6 ore

Doppietta di Mbappé, la Francia è agli ottavi

Battuta una Danimarca che ha saputo rispondere alla strapotenza transalpina, ma che dovrà giocarsi la qualificazione contro l’Australia
QATAR 2022
9 ore

La Polonia vince, l’Arabia Saudita si mangia le mani

La compagine europea in rete con Zielinski e Lewandowski, quella asiatica domina ma sbaglia un rigore con Al Dawsari. Szczesny migliore in campo
QATAR 2022
12 ore

All’Australia basta un gol di Duke

Grazie a una strenua difesa la Nazionale dell’Oceania resiste al tentativo di rimonta di una Tunisia che è quasi fuori dal Mondiale
CURLING
13 ore

Finali stregate, due medaglie d’argento per la Svizzera

Agli Europei di Östersund, Silvana Tirinzoni e compagne battute dalla Danimarca, il team di Yannick Schwaller superato dalla Scozia
Video
Qatar 2022
16 ore

Spogliatoio lasciato come... nuovo: il Giappone incanta

Dai tifosi ai giocatori nipponici il grande senso civico dimostrato nel ripulire spalti e cabine prima e dopo la vittoria contro la Germania
i mondiali dal divano
20 ore

Ipercinetico Armando: fenomenologia di un telecronista

Fra metafore, immagini, neologismi e modi di dire, Ceroni tramanda ai posteri un modo di fare giornalismo sportivo singolare e (forse) sottovalutato
il dopopartita
1 gior

Sarebbe servita una terza fase ‘e più velocità’

Dopo quattro vittorie di fila e una buona prima metà di gara, il Lugano ritorna a perdere a Friborgo. Marco Müller: ‘Entrambe le squadre brave in difesa’.
IL DOPOPARTITA
1 gior

Il ritorno della sconfitta. ‘Avessimo dato il 5% in più...’

Johnny Kneubuehler e un venerdì a secco di gol e di punti, con il portiere del Bienne Harri Säteri assoluto protagonista. ‘È frustrante perdere così”
CALCIO
1 gior

Bellinzona ancora sconfitto, benvenuta pausa invernale

Allo Sciaffusa basta una rete di Bobadilla nel primo tempo per superare uno spento e incostante Bellinzona, quasi mai in partita
hockey
26.09.2022 - 18:31
Aggiornamento: 18:50

‘Anche il mio rendimento deve migliorare’

Markus Granlund, nonostante le due reti segnate, non è soddisfatto del suo inizio a Lugano. Ma è tutta la squadra che nel derby deve riscattarsi.

di Daniele Neri
anche-il-mio-rendimento-deve-migliorare
Ti-Press/Crinari
Il finlandese è rimasto impressionato dalla velocità del gioco nel campionato

Forse la parola derby non suonerà molto famigliare a Markus Granlund, l’attaccante straniero arrivato questa stagione sulle rive del Ceresio, ma sicuramente dopo il primo ingaggio capirà di trovarsi in una bolgia incredibile, per un "nordico" qualcosa di speciale. Un battesimo con i fiocchi, nella sfida cantonale più sentita e seguita in Svizzera, in programma domani con l’Ambrì Piotta.

«Sinceramente non vedo l’ora di affrontare questa partita – commenta Granlund –, derby di questa portata non ne ho mai giocati. Non si parla d’altro nello spogliatoio. Tutti ne parlano benissimo, mi hanno spiegato che il clima sarà incandescente, una vera battaglia sportiva. Una nuova realtà che mi ha sorpreso in modo positivo, ho trovato una bellissima città come Lugano, la mia famiglia si è ambientata molto bene. Sapevo che avrei trovato un ambiente ideale per giocare a hockey. Poi con questi magnifici tifosi è molto bello giocare sulla propria pista».

Il nuovo giocatore finlandese vanta una buona carriera nel campionato Nordamericano, con ben 338 partite giocate in Nhl, 109 in Ahl e 91 gare disputate nelle ultime due stagioni trascorse con la maglia del Salavat Yulaev Ufa in Khl, senza dimenticare il titolo vinto con la sua nazionale finlandese alle ultime Olimpiadi a Pechino. Nelle quattro partite finora disputate in Svizzera, ha segnato due reti, una con il Ginevra e l’altra con il Losanna e dunque alla Gottardo Arena porterà per la prima volta il casco giallo di Top Scorer, con la voglia di un pronto riscatto insieme ai suoi compagni di squadra.

Riscatto che dovrà esserci. «Una sola vittoria e tre sconfitte in tre partite disputate, è veramente troppo poco. Chiaro, siamo solo all’inizio di una stagione che sarà molto lunga, ma tutti quanti dobbiamo dimostrare di più sul ghiaccio. Per fare meglio sarà assolutamente necessario segnare di più, sfruttare al meglio le molte occasioni che ci creiamo. Un altro aspetto da rivedere è quello difensivo, concediamo troppi break ai nostri avversari, troppe le situazioni in cui ci ritroviamo in uno contro due oppure due contro tre. Anche della mia personale performance non sono contento, malgrado sia riuscito a segnare per due volte. Il mio rendimento deve essere migliore, altrimenti rimane l’amaro in bocca se poi perdi. Ho tanta voglia di vincere tutte le partite, sono qui per questo, aiutare la squadra a fornire prestazioni vincenti».

Intanto quella di domani sarà indubbiamente una partita fuori dagli schemi, con le due compagini ticinesi reduci entrambe da una sconfitta casalinga e alla ricerca di un pronto riscatto. Il Lugano è particolarmente affamato di punti, con un dodicesimo rango provvisorio che non è gradito a nessuno in casa bianconera. Alla sua prima esperienza nel campionato svizzero, si è trovato colpito dalla qualità di gioco espressa dalle squadre che ha incontrato: «Sapevo che avrei trovato una Lega molto interessante con tantissimi buoni giocatori arrivati da più parti del mondo hockeistico; il pattinaggio veloce e l’ottima tecnica mi hanno impressionato».

Sul fronte infermeria, a parte l’ormai nota assenza prolungata di Walker, il Lugano ad Ambrì dovrà fare a meno di Giovanni Morini (problemi agli adduttori). Rimane aperta la possibilità di vedere in pista il difensore finlandese Oliwer Kaski, colpito alla mandibola e uscito anzitempo dalla pista nella gara di sabato sera contro il Losanna. Per fortuna nessuna sospetta commozione cerebrale, ma Kaski si è allenato con la maglia rossa. «Non ci aspettavamo di vederlo pista – precisa a fine allenamento l’allenatore Chris McSorley – sono sincero, in questo momento non so che decisione prenderemo. Dopo aver parlato con lui, con lo staff medico e lo staff tecnico, decideremo il lineup. Chiaro che una sua assenza si farebbe sentire, ma per fortuna abbiamo altre opzioni, Chris Bennett è pronto a scendere in pista».

Riguardo al derby, il coach canadese preannuncia «una delle partite più importanti della stagione, contro l’Ambrì è sempre un evento particolare. Ho riscontrato molta energia nell’allenamento di stamattina, la squadra ha lavorato molto bene e intensamente e tutti insieme abbiamo voglia di fare una grande partita. Sarà un grande match pieno di emozioni. Sarà importante fare meno errori possibili e trovare la via della rete. Sarei preoccupato se non ci procurassimo occasioni da rete, adesso però devono essere sfruttate meglio».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved