BENCIC B. (SUI)
1
WANG Q. (CHN)
1
3 set
(4-6 : 7-5 : 1-2)
l-ultima-chiamata-o-le-valigie-per-zugo-o-per-le-ferie
‘Genoni incredibile? Dobbiamo andare più diretti sulla porta’
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Tennis
22 min

Gloubic non stecca l’entrata in materia. Laaksonen invece sì

La zurighese supera il primo turno di Wimbledon battendo in due set (chiusi con il punteggio di 6-4 6-3) la tedesca Perkovic
Tennis
1 ora

Wimbledon finisce ancora prima di iniziare per Berrettini

Finalista lo scorso anno, l’italiano deve alzare bandiera bianca a poco dal suo esordio. Fermato dalla positività al coronavirus
Atletica
1 ora

Doping, quattro anni di stop per Alex Wilson

Lunga squalifica per lo sprinter elvetico, positivo al trenbolone. A 31 anni, la sua carriera rischia di chiudersi qui
Storie mondiali
9 ore

Buff Donelli, una star del football prestata al soccer

La seconda edizione della Coppa del Mondo di calcio, nel 1934, fu voluta e accomodata da Mussolini in persona
nuoto sincronizzato
14 ore

Il nuoto sincronizzato in Svizzera fa i conti con gli abusi

Bufera sul dipartimento gestito da Swiss Aquatics, respingono le accuse ma si dimettono i co-direttori sportivi Markus Thöni e Patricia Fahrni
Tennis
16 ore

Wawrinka cede alla distanza a Jannik Sinner

Il vodese deve salutare Wimbledon al primo turno, sconfitto dal talentuoso italiano 7-5 4-6 6-3 6-2
ciclismo
18 ore

Tour de France, non ci saranno Alaphilippe e Cavendish

I due non sono stati convocati dalla Quick-Step
footbalino
19 ore

Anche tre atleti disabili ai Mondiali di Footbalino

La partecipazione è il frutto della collaborazione tra la federazione svizzera e quella ticinese
Calcio
19 ore

Mercato, Cragno al Monza

Il portiere arriverà in prestito dal Cagliari
ginnastica artistica
19 ore

Ginnastica, oro e argento ai Campionati svizzeri per Lena Bickel

La ticinese è prima alle parallele asimmetriche e seconda nel concorso multiplo. Argento e bronzo (ad anelli e sbarra) anche per Mattia Piffaretti
Calcio
20 ore

Simone Rapp a Karlsruhe

Il ticinese lascia Vaduz per la Germania
Calcio
20 ore

Lucas Leiva torna in Brasile

Il 35enne centrocampista giocherà nel Gremio
Triathlon
21 ore

Sasha Caterina si mette in evidenza ai Mondiali di Montreal

Con il contributo del triatleta ticinese la giovane squadra svizzera conclude sesta e si guadagna il pass per le Olimpiadi di Parigi
Calcio
22 ore

Il Bellinzona sfida in amichevole il Lugano II

A Giubiasco mercoledì sera prima uscita stagionale per entrambe le squadre
HOCKEY
laR
 
30.03.2022 - 21:18
Aggiornamento: 31.03.2022 - 18:25
di Daniele Neri

L’ultima chiamata. ‘O le valigie per Zugo o per le ferie’

Chris McSorley e il suo Lugano alla sfida da ultima spiaggia. La fiducia Yves Stoffel: ‘Anche martedì abbiamo dimostrato di essere alla pari’

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Non c’è più tempo per le parole. Per Chris McSorley e il suo Lugano ora contano solo i fatti: sotto 3-0 nei quarti di finale contro uno Zugo intrattabile ma non invincibile, domani sera alla Cornèr Arena i bianconeri devono portare a casa la prima vittoria in questi quarti di finale, per tornare sperare. E la speranza è davvero l’ultima a morire, dopo quanto visto nelle tre precedenti sfide.

Guardando al tabellino dell’atto numero tre, martedì a Zugo, balzano subito all’occhio le due reti (la seconda e la terza) segnate dal quarto blocco, firmate da Luca De Nisco e Dario Allenspach. Due giovani che non hanno tantissimo ghiaccio a disposizione (5 minuti e 37 secondi il primo, 7 minuti e 20 il secondo) ma che sono risultati determinatnti al fine del risultato. Di giovani di talento ce ne sono però anche nelle fila bianconere, come quell’Yves Stoffel – ironia della sorte – proveniente anche lui dal vivaio dello Zugo, e che nel suo primo anno a Lugano ha giocato ben 51 partite, mettendosi in mostra grazie a ottime qualità tecniche e fisiche. Tuttavia, alla voce reti segnate il ventunenne attaccante nativo di Coira è sempre fermo a un emblematico zero, a fronte di sette assist. A chi glielo fa notare, Stoffel reagisce mostrando un amaro sorriso. «Se sono invidioso di De Nisco e Allenspach? No, per niente – dice senza esitazioni il numero 9 del Lugano, che martedì è rimasto sul ghiaccio per 6 minuti e 27 secondi –. Dall’altra parte, però, mi dico che ciò mostra a tutti come anche i terzi e i quarti blocchi siano importanti per la squadra, e ogni tanto possono anche essere anche decisivi».

Stoffel, ci mancherebbe, non vuole neppur sentire parlare di serie finita. «No, assolutamente! – dice facendosi serio e convinto, l’ala grigionese –. Anche martedi, come nelle precedenti due serate abbiamo dimostrato di essere alla pari con lo Zugo, ma alcuni errori ci hanno condannato. Dobbiamo essere più diretti sulla porta di un Leonardo Genoni che sta disputando una serie incredibile. Quanto a me, questi sono i miei primi playoff: è una sensazione indescrivibile, ed è peccato che finora non sia arrivata la vittoria. In pista si respira un’atmosfera diversa, i tifosi sono fantastici e domani dovranno essere ancora più vicini a noi. Anche se non ho moltissimo spazio sul ghiaccio, ed è comprensibile visto che è la mia prima esperienza, getto in pista tutte le mie forze e faccio quello che l’allenatore si attende da me. Lo so, devo essere più concreto in fase offensiva, e in effetti mi manca il gol, ma l’importante è non mollare. Soprattutto non in questo momento cruciale».

Il fatto che abbia deciso di offrirgli subito un contratto triennale, dimostra quanto creda nelle possibilità di Yves Stoffel la società bianconera. «Secondo me in questi mesi ho fatto grossi progressi, soprattutto per quanto riguarda l’aspetto difensivo, abituandomi a ciò che significa vivere e crescere in una squadra di professionisti. Il mio obiettivo era riuscire a ritagliarmi sempre un posticino da titolare, e l’ho raggiunto. Chiaro, c’è voluto il giusto tempo per ambientarmi, ma molti dei miei compagni mi hanno aiutato a fare dei passi avanti, sul ghiaccio e fuori. Finora è stata una bella esperienza: mi sono subito ambientato bene in una regione per me nuova, e ora spero soltanto che il nostro cammino in questa stagione possa avere un seguito».

’Se vinciamo, sono sicuro che ci sarebbe un effetto domino’

Come l’altra sera, anche stavolta il Lugano dovrà fare a meno di un Luca Fazzini infortunatosi in gara 2. Così, molto probabilmente sul ghiaccio domani andranno gli stessi effettivi di martedì. «Non ci troviamo certo nella situazione in cui avremmo voluto essere – sono le parole del coach canadese Chris McSorley alla vigilia della quarta battaglia –. Abbiamo di fronte una squadra tosta, senz’altro, ma non nego che anche la nostra ha mostrato delle belle cose. Siamo stati brillanti, ma a volte lo siamo stati meno: in tutte le prime tre serate per 40 minuti abbiamo giocato belle partite, ora dobbiamo trovare la formula giusta per fare la stessa cosa per sessanta minuti e oltre. Le grandi occasioni per segnare ci sono state, le abbiamo create: dobbiamo insomma trovare la soluzione per segnare. Anche con il naso, se dovesse essere il caso, ma il disco deve entrare. Non c’è più un ritorno: o vinciamo o siamo morti. Sessanta minuti di assoluta concentrazione, in cui dobbiamo dare tutto ciò che abbiamo. Venerdi mattina, quando ci alzeremo o faremo i bagagli per andare a Zugo oppure quelli per andare in vacanza. Ma sono sicuro che se dovessimo vincere domani, ci sarebbe un effetto domino a nostro favore».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
chris mcsorley cornèr arena hc lugano hcl lugano zugo playoff yves stoffel
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved