DAVIDOVICH FOKINA A. (ESP)
3
HURKACZ H. (POL)
2
fine
(7-6 : 6-4 : 5-7 : 2-6 : 7-6)
STRUFF J-L. (GER)
2
ALCARAZ C. (ESP)
2
5 set
(6-4 : 5-7 : 6-4 : 6-7 : 4-3)
SINNER J. (ITA)
0
Wawrinka S. (SUI)
0
1 set
(2-2)
BENCIC B. (SUI)
WANG Q. (CHN)
19:50
 
lugano-amaro-epilogo-di-un-martedi-iniziato-benissimo
Keystone
Si lotta davanti a Genoni (e non solo)
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
Calcio
31 min

Mercato, Cragno al Monza

Il portiere arriverà in prestito dal Cagliari
ginnastica artistica
43 min

Ginnastica, oro e argento ai Campionati svizzeri per Lena Bickel

La ticinese è prima alle parallele asimmetriche e seconda nel concorso multiplo. Argento e bronzo (ad anelli e sbarra) anche per Mattia Piffaretti
Calcio
1 ora

Simone Rapp a Karlsruhe

Il ticinese lascia Vaduz per la Germania
Calcio
1 ora

Lucas Leiva torna in Brasile

Il 35enne centrocampista giocherà nel Gremio
Triathlon
2 ore

Sasha Caterina si mette in evidenza ai Mondiali di Montreal

Con il contributo del triatleta ticinese la giovane squadra svizzera conclude sesta e si guadagna il pass per le Olimpiadi di Parigi
Calcio
3 ore

Il Bellinzona sfida in amichevole il Lugano II

A Giubiasco mercoledì sera prima uscita stagionale per entrambe le squadre
hockey inline
3 ore

Il Malcantone finisce in bellezza, il Sayaluca avanza

I primi battono il Bienne Seelanders di misura, i luganesi puniscono Givisiez I e II
TENNIS
3 ore

Wimbledon, eliminata in entrata Ylena In-Albon

La rossocrociata, al debutto in un torneo dello Slam, è stata sconfitta al primo turno da Alison Riske
Calcio
3 ore

Lucien Favre ritorna sulla panchina del Nizza

Il 64enne vodese trova una nuova panchina dopo quella del Borussia Dortmund. Sostituisce Galtier, nuovo tecnico del Psg
Calcio
5 ore

Bolla di nuovo al Grasshopper

Prolungato di un anno il prestito dell’ungherese
Tennis
5 ore

Pioggia a Wimbledon

Sospesi tutti i primi incontri in cartellone
Calcio
6 ore

Favre dirige il primo allenamento a Nizza, ma manca la firma

Non c’è ancora l’ufficialità per un problema legato all’approdo di Galtier al Psg
CICLISMO
7 ore

Niente Tour de France per Marc Hirschi

L’elvetico, reduce dal Covid, aveva già rinunciato ai Campionati nazionali
Hockey
12 ore

Colorado non stecca: terza finale e terzo trionfo

Ci pensa Lehkonen: al 33’ di gara 6 risolve la sfida e regala agli Avalanche la Coppa Stanley. Battuti i Tampa Bay Lightning
Tennis
13 ore

Wimbledon e la disabitudine all’erba

Il torneo più prestigioso al mondo si gioca, paradossalmente, sulla superficie meno amata
ATLETICA
20 ore

Anche i 200 metri respingono Sha’Carri Richardson

Ai trials statunitensi la 22enne sprinter dopo aver fallito nei 100 (i batteria) è stata eliminata in semifinale anche sulla distanza doppia
CORSA D'ORIENTAMENTO
23 ore

Staffetta amara per la Svizzera ai Mondiali in Danimarca

Un clamoroso errore di Joy Hadorn in seconda frazione impedisce agli elvetici di salire sul podio e li costringe a un amaro quarto posto. Oro alla Svezia
CICLISMO
23 ore

Robin Froidevaux e Caroline Baur nuovi campioni svizzeri

A Steinmaur il vodese ha preceduto Reichenbach, Stüssi e Schmid. In campo femminile, argento per la ticinese Linda Zanetti nelle U23
29.03.2022 - 22:40

Lugano, amaro epilogo di un martedì iniziato benissimo

In vantaggio 2-0 dopo ventitré minuti, i bianconeri alla fine sono costretti nuovamente ad arrendersi allo Zugo. E ora sono con le spalle al muro

La sconfitta più pesante di tutte. In una partita che, invece, era partita benissimo per gli uomini di Chris McSorley, scesi in pista a Zugo senza l’infortunato Fazzini, uscito malconcio da gara 2, e con le prime due linee completamente riviste, siccome il rientrante Troy Josephs affianca in prima Thürkauf e Carr, mentre in seconda c’è Morini con Arcobello e Abdelkader.

La prima, vera ghiottissima occasione capita al quarto minuto, quando Riva trova un gran taglio in verticale per Thürkauf, il quale prende d’infilata tutti quelli dello Zugo e si presenta indisturbato davanti a Genoni, che però esce vincitore dal duello. La reazione dei campioni svizzeri non si fa attendere: poco dopo è Dario Simion a trovarsi sul bastone un disco d’oro, con Schlegel fuori causa, ma Mirco Müller riesce in extremis a metterci una pezza. Gara 3, insomma, è subito lanciata, Con il Lugano che lavora moltissimo e non ha nulla da invidiare al suo avversario. Al contrario, semmai: al nono minuto, infatti, ecco un‘altra ottima occasione per i bianconeri, con Herburger che arriva davanti a Genoni e prova a far tutto da solo invece di coinvolgere Herren, ma il portiere dello Zugo dice nuovamente di no. Poi tocca a Josephs ad andare vicino al gol su assist di Carr, al termine di un’insistita azione nel terzo, ma il tiro del canadese sfiora solo l’esterno della rete. Il Lugano insiste: ancora con la prima linea, che si crea una nuova grossissima occasione al 14’, ma al momento di concludere, davanti alla porta vuota, Thürkauf viene arpionato da Herzog: la chance sfuma, ma i bianconeri hanno la possibilità di giocare per due minuti con l’uomo in più. In cui Morini ed Herburger si creano una nuova clamorosa occasione, ma anche in quell’occasione è Genoni ad avere l’ultima parola. Nel finale, l’occasione più propizia capita sul bastone di Bachofner, con Schlegel che deve ringraziare il proprio riflesso.

In avvio di secondo tempo lo Zugo prova subito a buttarsi in avanti, e invece a colpire è il Lugano: Herren intercetta un passaggio a dir poco avventato di Bachofner a centro pista e inventa un gran lancio per Bertaggia, il cui sangue freddo è davvero esemplare, e sulla finta del numero 10 stavolta Genoni nulla può. Così, al 21‘45‘’, e per la prima volta dall’inizio di questa serie, i ticinesi vanno in vantaggio per primi. E non è tutto: passa appena un minuto e i bianconeri raddoppiano, con Abdelkader che vince un duello con Gross dietro la porta di Genoni e serve al liberissimo Morini il puck per il 2-0, al 22’43’’. Lo Zugo cerca subito di reagire, e al 28‘30’’ si ritrovano sul ghiaccio in superiorità numerica dopo una carica fischiata ad Alatalo alle assi di fondo. I campioni svizzeri impiegano 1’19’’ per sfruttare l’opportunità: tiro dalla distanza di Kovar e deviazione col braccio da parte di Herzog: è l’1-2 al 29’11’’. La partita è accesa e apertissima, tanto che al 33’34’’ lo Zugo pareggio: i bianconeri si fanno prendere in velocità sulla destra, e Allenspach riesce a mettere in mezzo un disco che il ventunenne Luca De Nisco tocca tra i gambali di Schlegel, battendolo sul tempo. Il Lugano accusa il colpo, e per la prima volta del confronto si trova in difficoltà. Anche se nel finale sono i bianconeri a crearsi l’occasione migliore di tutte, con Abdelkader che insiste fin dietro la porta di Genoni e poi serve un Arcobello che smarca Morini: lo Zugo riesce a salvarsi in qualche modo, ma Herzog è costretto ad accomodarsi in panchina per un colpo di bastone.

La parte principale (1‘41’’) di quella penalità al topscorer dello Zugo viene espiata nel terzo tempo, con i bianconeri che ci provano, ma on riescono a sfruttare la chance. I padroni di casa, invece, sul piano della concretezza hanno qualcosa in più: puck velenosissimo sulla porta di Schlegel e Riva si vede piombare addosso due avversari, con Allenspach che è il più lesto di tutti: è il gol del sorpasso, al 44‘05‘’. A quel punto, gli uomini di McSorley non hanno altra scelta se non quella di spingere per provare a rientrare. Josephs, Thürkauf, Loeffel, Arcobello ed Herburger ci provano, ma Genoni è un muro. A quelli dello Zugo, invece, basta un disco per fare la differenza, e quando Hofmann si fionda su un puck perso dai bianconeri nel terzo, con due passaggi i padroni vanno in gol: da Hofmann a Stadler, salito dalle retrovie, e poi a Kovar: è il 4-2 al 51‘14’’. La partita, in pratica, si chiude lì. Anche se c’è ancora spazio per il 5-2 di Lander al 52’20’’, per una penalità di partita inflitta ad Arcobello a sei minuti dal termine, per il terzo gol ticinese firmato da Josephs e poi pure per il sesto dello Zugo, a firma Sven Senteler.

Zugo - Lugano (0-0 2-2 4-1) 6-3
Reti: 21’45’’ Bertaggia (Herren) 0-1. 22’43’’ Morini (Abdelkader, Arcobello) 0-2. 29’11’’ Herzog (Kovar, Djoos/esp. Alatalo) 1-2. 33’34’’ De Nisco (Allenspach) 2-2. 44’05’’ Allespach (Leuenberger) 3-2. 51’14’’ Kovar (Stadler, Hofmann) 4-2. 52’20’’ Lander (Marco Müller) 5-2. 56’14’’ Josephs (esp. Arcobello!) 5-3. 58’57’’ Senteler (Marco Müller/esp. Arcobello) 6-3.
Zugo: Genoni; Cadonau, Djoos; Hansson, Stadler; Schlumpf, Kreis; Gross; Marco Müller, Lander, Bachofner; Simion, Kovar, Hofmann; Zehnder, Senteler, Herzog; Allenspach, Leuenberger, De Nisco.
Lugano: Schlegel; Loeffel, Mirco Müller; Riva, Alatalo; Guerra, Chiesa; Wolf; Josephs, Thürkauf, Carr; Morini, Arcobello, Abdelkader; Herren, Herburger, Bertaggia; Traber, Tschumi, Stoffel; Vedova.
Arbitri: Wiegand, Kaukokari (Fin); Obwegeser, Cattaneo
Note: 7‘200 spettatori (tutto esaurito). Penalità: 3 x 2’ contro lo Zugo; 2 x 2’ + 1 x 5’ (Arcobello, al 53’59’’) contro il Lugano. Tiri in porta: 37-47 (9-17, 14-18, 14-12). Zugo senza Martschini, Suri (infortunati) e Klingberg (straniero in soprannumero); Lugano privo di Fazzini, Walker (infortunati), Prince, Boedker, Irving (stranieri in soprannumero), Fadani, Chiquet, Markkanen e Villa (in soprannumero). Al 52’20’’ timeout chiesto dal Lugano. Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Dario Allenspach e Troy Josephs.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bossard arena chris mcsorley evz hc lugano hcl playoff quarti playoff zugo lugano
Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved