RUUD C. (NOR)
1
HUMBERT U. (FRA)
0
2 set
(6-3 : 1-2)
DJOKOVIC N. (SRB)
KOKKINAKIS T. (AUS)
14:35
 
GOLUBIC V./OSORIO C.
KARTAL S./MILLER N.
15:00
 
kneubuehler-la-differenza-la-fara-la-testa
HOCKEY
Risultati e classifiche
ULTIME NOTIZIE Sport
CICLISMO
9 min

Contrordine, Marc Hirschi andrà al Tour

Il bernese sostituirà Trentin, fermato dal Covid
Calcio
41 min

Qatar 2022, biglietti di nuovo in vendita dal 5 luglio

Tagliandi in vendita sul sito della Fifa fino al 16 agosto
Calcio
1 ora

Il croato Santini allo Zurigo

Due anni di contratto per l’attaccante
CICLISMO
1 ora

Test Covid negativo, Bissegger sarà al Tour

Con Dillier, Küng e Hirschi sarà il quarto elvetico alla Grande Boucle
Calcio
1 ora

Metzelder escluso dalla Walk of fame

Decisione del Borussia Dortmund dopo la condanna penale dell’ex giocatore
CICLISMO
1 ora

Più severo il protocollo anti-Covid

Aggiornate dall’Uci le misure di sicurezza in vista dei grandi giri
Calcio
2 ore

Serie A, in Italia spareggio in caso di arrivo a pari punti

Lo ha deciso la FIGC, a partire dalla prossima stagione
Hockey
2 ore

Alain Berger si ritira

Il 31enne del Berna andrà a vivere in Canada
Tennis
2 ore

Ritschard cede a Tsitsipas con onore

L’elvetico si arrende dopo 4 set combattuti
Calcio
22 ore

‘Contro il Lugano II voglio vedere l’atteggiamento giusto’

Debutta domani a Giubiasco il Bellinzona di David Sesa, già rimasto colpito da Pablo Bentancur e ‘dal suo amore ed entusiasmo per il club’
Nuoto
22 ore

Rientro da Budapest con (spiacevole) sorpresa per Noè Ponti

Reduce dai Mondiali in Ungheria, il gambarognese, via social, ha comunicato la sua positività al coronavirus
Tennis
1 gior

Golubic non stecca l’entrata. Laaksonen e Bencic invece sì

La zurighese supera il primo turno di Wimbledon battendo in due set (chiusi con il punteggio di 6-4 6-3) la tedesca Perkovic
Tennis
1 gior

Wimbledon finisce ancora prima di iniziare per Berrettini

Finalista lo scorso anno, l’italiano deve alzare bandiera bianca a poco dal suo esordio. Fermato dalla positività al coronavirus
hockey
laR
 
17.03.2022 - 21:33

Kneubuehler: ‘La differenza la farà la testa’

Tra Ambrì e Losanna va in scena una serie fra due squadre in ottima forma. ‘Ma la pressione è su di loro’.

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Dopo l’emozionante serata di lunedì l’Ambrì Piotta è pronto a tuffarsi nel clima da pre-playoff, iniziando domani in quel di Losanna. E lo potrà fare anche grazie alla vistosa crescita offensiva di Johnny Kneubuehler, autore di 19 punti (sette reti) in stagione, a migliorare il record della scorsa stagione di 12. Anche lunedì il numero 11 ha inscritto il fondamentale 4-0, che ha in pratica chiuso la contesa a pochi secondi dalla seconda pausa: «Era un gol importante, ma lo erano anche i primi tre che ci hanno permesso di sbloccare l’incontro, che in generale è stato ben giocato da parte di tutti. È vero che per il momento è la mia miglior stagione sia a livello statistico, sia a livello di gioco. Per la prima volta ho potuto disputare tutte le partite, mentre gli scorsi anni avevo sempre avuto qualche piccolo infortunio. Spero però di fare ancora meglio. Tutta la nostra linea ha infatti giocato un’ottima stagione, ci siamo trovati bene fin da subito e speriamo di andare avanti così ancora per un bel po’».

Losanna che Kneubuehler aveva lasciato nel 2017, per raggiungere la Leventina: «Per me significa molto disputare i pre-playoff contro il Losanna, anche perché è la prima volta che li facciamo, sebbene siano solo alla seconda edizione e vogliamo andare il più avanti possibile. Penso però che rispetto ai vodesi noi abbiamo un ruolo di outsider, visto che sulla carta hanno maggiori mezzi tecnici e finanziari, ma noi abbiamo la fame e la motivazione giuste per vincere delle partite».

I favoriti, infatti sono i biancorossi, anche alla luce delle dodici vittorie nelle ultimi tredici sfide: «Tutti e quattro gli scontri diretti sono stati piuttosto equilibrati, è vero che ne abbiamo persi tre, ma ormai conosciamo bene il loro sistema di gioco, sapremo adattarci e attaccare le loro debolezze, ma a fare la differenza sarà la testa. Infatti sono loro che hanno tutto da perdere, noi nulla. Loro hanno aspettative più importanti, mentre noi abbiamo raggiunto il nostro obiettivo che era di qualificarci ai pre-playoff, per cui tutto quello che arriva ora sarà un bonus».

Dal canto loro i biancoblù stanno volando sulle ali dell’entusiasmo per una qualificazione ottenuta anche grazie all’ottimo rendimento del portiere Juvonen e al successo losannese a Berna, all’ultima giornata: «Siamo molto felici di quanto fatto finora, in particolare quella di lunedì è stata una serata incredibile, ma non siamo ancora soddisfatti, siamo sportivi professionisti e siamo competitivi, per cui vogliamo continuare a scrivere la storia, a segnare e a vincere partite. In questo momento i nostri atout sono la fiducia nei nostri mezzi e la coesione del gruppo. Adesso abbiamo tre ottimi portieri, quattro con Müller, quanto a Juvonen ha portato del vento fresco è molto dotato e ha portato fiducia. La qualificazione grazie al Losanna è ormai acqua passata, nella nostra testa siamo loro riconoscenti, ma sul ghiaccio sarà tutta un’altra storia».

Se la squadra di Luca Cereda è in ottima forma, non meno lo è quella di John Fust: «Il Losanna è una squadra fortissima ed è quella che nel 2022 ha raccolto più punti, basti vedere i nomi che possono schierare in quarta linea - sottolinea Cereda -, d’altro canto nei quattro scontri diretti la differenza reti è a loro favore di soli tre gol. Contro squadre di questo talento è importante evitare di concedere spazi e di perdere dischi in zone pericolose. Noi arriviamo però da una serie di partite decisive, che ci hanno tolto delle energie mentali, ma che ci ha fornito tanta adrenalina. A livello fisico la squadra dovrebbe anche essere in forma. Il fatto di essere già abituati a non avere più diritto all’errore è sicuramente buono, sappiamo dunque come affrontarle. Di fronte a una situazione di pericolo ci sono tre possibilità: scappare, bloccarsi o attaccare e abbiamo visto che l’ultima funziona».

L’anno scorso del resto il Rapperswil, partendo dal decimo posto, era giunto fino in semifinale: «L’esempio dell’anno scorso del Rapperswil ci spinge a sognare un po’, ma in queste partite è fondamentale rimanere concentrati sul qui e ora».

Quattro giornate a Grassi

L’allenatore quarantenne recupera da squalifica McMillan, ma non Daniele Grassi che per avere atterrato un arbitro a Friborgo è stato punito con quattro giornate di squalifica (di cui una già scontata) e quattromila franchi di multa. «Vedremo come sta Ciaccio che oggi (ieri per chi legge, ndr) era ammalato, se non dovesse farcela probabilmente in panchina avremo Müller, e a che punto sono Hächler e D’Agostini».

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved