HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
10543
2
LucHC Lions
10326
3
Sparta Becherovka
10067
4
TrigoAce1
9963
5
FHM2223
9960
6
Team Belozoglu
9935
7
thibault_gav
9863
8
HC Kaski Male
9846
9
Team7
9741
10
Chop
9713
ULTIME NOTIZIE Sport
BASKET
50 min

LeBron James e Kareem Abdul-Jabbar, così simili e così diversi

Martedì contro Oklahoma o giovedì contro Milwaukee, ‘Lbj’ strapperà a ‘Kaj’ il record di punti segnati nella Nba
Angolo Bocce
1 ora

Riccio e Cadei firmano la prima gara di categoria B

A Lugano i due locarnesi della Stella si aggiudicano con un sofferto (ma meritato) 12-10 la finale che li opponeva a Silvia Lanz e Rocco Caggiano
SCI ALPINO
2 ore

I Mondiali si aprono con l’argento di Wendy Holdener

La svittese ha chiuso al secondo posto la combinata, alle spalle dell’italiana Brignone. Fuori alla terz’ultima porta Shiffrin, male Michelle Gisin
Hockey
4 ore

Heim salta la Nazionale, Rüfenacht torna sul ghiaccio

Ad Ambrì si attende di conoscere l’entità del problema del bernese e di quello di Kneubuehler. Forze nuove in arrivo per Luca Cereda
Tennis
12 ore

L’esempio di Ashe, trent’anni dopo

Il 6 febbraio del 1993, non ancora cinquantenne, il grande tennista si arrendeva all’Aids, contratto in ospedale dopo un’operazione al cuore
IL DOPOPARTITA
17 ore

L’Ambrì doma i Leoni. ‘Volevamo pulizia, ci siamo riusciti’

Spacek e Chlapik regalano due punti preziosi ai biancoblù, in una sfida che si anima nel terzo tempo. Negli spogliatoi anzitempo Heim e Kneubuehler
Volley
18 ore

Il Lugano risorge dalle proprie ceneri, Sciaffusa al tappeto

Dopo un avvio a dir poco difficile, le ragazze di Apostolos Oikonomou cambiano volto alla partita vincendo tutti e tre gli ultimi set
IL DOPOPARTITA
21 ore

A Lugano era pazienza, adesso è competizione

I bianconeri si godono il successo sul Kloten e i 61 punti in classifica prima della pausa. ‘Pian pianino stiamo andiamo nella direzione in cui volevamo’
Basket
22 ore

Sam, domenica di festa condita da un successo

Anche se la sfida con il Monthey è davvero brutta. Gubitosa: ‘Viste le premesse contava solo vincere’. Un Lugano incerottato, invece, s’arrende al Nyon
CALCIO
22 ore

Un gol di Di Giusto affossa le ambizioni del Lugano

Bianconeri battuti dal Winterthur al termine di una prestazione poco brillante, ma nella quale qualche occasione per il pareggio c’è comunque stata
Hockey
23 ore

A Zurigo l’Ambrì vince la battaglia dei nervi

I biancoblù ottengono la vittoria all’overtime dopo un match poco spettacolare ma comunque giocato con buona solidità difensiva. Decide tutto Chlapik
CICLOCROSS
23 ore

Van der Poel batte Van Aert e torna campione del mondo

A Hoogerheide, l’olandese vince l’eterno duello con il rivale belga e conquista il suo quinto titolo, succedendo nell’albo d’oro al britannico Pidcock
Calcio
1 gior

Bellinzona ancora senza identità

I granata cedono alla distanza anche contro il Wil e le parti alte della classifica si fanno sempre più lontane
SCI NORDICO
1 gior

Nadine Fähndrich brilla sulle nevi di Dobbiaco

La lucernese, eliminata venerdì nella semifinale dello sprint, sabato ha colto il quarto posto nella 10 km skating
SCI NORDICO
1 gior

Trionfo di Alessandro Vanzetti in Val Bedretto

L’esponente del Simano vince il tradizionale concorso del Pizzo Rotondo, mentre fra le donne ottimo secondo posto per Natascia Leonardi
Hockey
1 gior

Grazie a Klok il Lugano decolla e atterra sopra il Kloten

Dopo lo Zugo, i bianconeri mettono sotto anche gli Aviatori e salgono al nono posto in classifica, strappandolo proprio alla formazione zurighese
08.03.2022 - 21:57
Aggiornamento: 22:16

L’Ambrì ringrazia McMillan: vittoria con pieno merito

Un tocco del canadese al 58’46’’ dopo un’azione insistita di Zwerger regala il successo ai biancoblù, che mandano il Friborgo al tappeto

l-ambri-ringrazia-mcmillan-vittoria-con-pieno-merito
Ti-Press/Crinari
Zwerger ci prova, ma nell’occasione Berra dice no

È il ritorno dei tre punti alla Gottardo Arena. Nella sfida contro il capolista Friborgo, che prova subito a prendere in mano l’iniziativa in una partita in cui Christian Dubé ritrova tra i pali Reto Berra, mentre invece Luca Cereda può sì nuovamente contare sul finlandese Hietanen, ma in difesa è costretto a far senza Burren. E se Juvonen ha subito qualche intervento da compiere, al quarto minuto anche l’Ambrì ha una buona occasione per pungere: McMillan prova a tagliare nello slot per Zwerger, ma il numero 16 si fa anticipare dal rientro di Haussenener. Lo stesso Zwerger un minuto dopo lanciato da lontano dallo stesso canadese si presenta tutto solo davanti a Reto Berra, che però non si fa sorprendere tra i gambali. L’Ambrì prova a insistere: Bürgler si fa chiudere all’ultimo da un avversario, poi c’è il tentativo di Fischer da due passi, con Berra che poco prima di opporsi al tiro del difensore si fa sfuggire di mano il proprio bastone. Insomma, la squadra più attiva è senz’altro quella di Luca Cereda, che a sei minuti dal termine trova la sua prima superiorità numerica, dopo uno sgambetto di Bykov a i danni di Grassi. In quei due minuti ci provano prima Bürgler, due volte, poi McMillan e quindi Hietanen ma il risultato non si sblocca. Anzi, poco dopo è Inti Pestoni a farsi penalizzare, per uno sgambetto pur involontario nei confronti di Sprunger: i cinque friborghesi in pista dimostrano di saper far girare il disco, ma il boxplay biancoblù è efficace e praticamente gli ospiti non riescono a tirare.

Biancoblù subito pericolosi in avvio di secondo periodo, ma il tocco di Trisconi a fil di palo è fuori misura e il tentativo di aggiramento della gabbia da parte di Heim a sua volta ha poca fortuna. Il Friborgo, però, ha tutta l‘intenzione di farsi a sua volta minaccioso e il puck per la maggioranza del tempo stazione nel terzo difensivo dei leventinesi, che al 26’32’’ devono anche giocare con un uomo in meno, dopo una bastonata di Isacco Dotti sulle mani di Bougro. Eppure, nella prima metà del tempo l’occasione più ghiotta capita ancora sul fronte ticinese, con Bürgler liberato davanti a Berra da Kneubuehler, ma il tocco dello svittese finisce sul palo. Nuovamente costretti a giocare con in inferiorità numerica al 31’09’’ (il penalizzato è Grassi), in quei due minuti sono comunque ancora i biancoblù a crearsi le chance più ghiotte, con Zwerger prima e Heim poi. Il pericolo più grosso per Juvonen, invece, è un tiro di Sprunger da posizione impossibile al 34’, con il puck che sfugge di vista al portiere finlandese, ma Schmid si fa anticipare all’ultimo da Fora. Poco dopo, invece, l’Ambrì si fa prendere per due volte di fila in contropiede dagli ospiti, ma nel primo caso Brodin spara a lato, e nel secondo si fa chiudere da Juvonen. Finché, a 2’04’’ dalla seconda sirena, arriva il gol biancoblù: Mottet carica Isacco Dotti, che scivola sul ghiaccio e poi travolge il portiere del Friborgo Reto Berra, proprio mentre Fora servito da Conacher scaglia un tiro che s’infila a fil di palo. Nonostante la perplessità di Berra, che alla pausa si dirige verso gli arbitri in cerca di spiegazione, quel gol è regolarissimo.

La gioia del vantaggio, però, non dura nemmeno un minuto dalla ripresa nel gioco nel terzo tempo. Con Fischer sulla panchina dei penalizzati per sgambetto in epilogo di secondo tempo, un tocco di Sprunger su tiro dalla distanza di Gunderson non lascia scampo a Juvonen. Poco dopo, un’altra penalità sul conto dei padroni di casa (a Conacher, per colpo di bastone), mette nuovamente in difficoltà i padroni di casa, con Brodin che va vicinissimo al secondo gol, ma la difesa biancoblù riesce a chiudere. Poi, però, al 47’17’’ sono gli ospiti a ritrovarsi in pista con un uomo in meno: McMillan avrebbe subito una buona opportunità per segnare, ma non riesce a controllare come vorrebbe; per il resto, il Friborgo controlla. L’Ambrì, però, continua a premere: Dal Pian, ancora Mc Millan, Grassi, Kneubuehler quindi nuovamente Dal Pian impegnano Berra, il quale però riesce sempre a salvarsi. Pestoni e compagni, però, non mollano. E senz‘altro meriterebbero di più. E tutto quel merito alla fine viene premiato: azione insistita di Zwerger a un minuto e mezzo dalla fine e poi tocco decisivo di McMillan, al 58’46’’, per il definitivo 2-1.

Ambrì Piotta - Friborgo (0-0 1-0 1-1) 2-1
Reti:
37’56’’ Fora (Conacher, Pestoni) 1-0. 40’59’’ Sprunger (Gunderson/esp. Fischer) 1-1. 58’46’’ McMillan (Zwerger) 2-1.
Ambrì Piotta: Juvonen; Fora, Isacco Dotti; Hietanen, Fischer; Fohrler, Zaccheo Dotti; Pezzullo; Trisconi, Kostner, Bianchi; Bürgler, Heim, Kneubuehler; Pestoni, Grassi, Conacher; McMillan, Incir, Zwerger; Dal Pian.
Friborgo: Berra; Gunderson, Jecker; Sutter, Furrer; Diaz, Rantakari; Dufner; Sprunger, Schmid, DiDomenico; Marchon, Bykov, Mottet; Brodin, Haussener, Bougro; Rossi, Walser, Jörg
Arbitri: Hebeisen, Fluri; Altmann, Cattaneo
Note: 5’670 spettatori. Penalità: 5 x 2’ contro l’Ambrì Piotta; 3 x 2’ contro il Friborgo. Tiri in porta: 27-30 (6-9, 2-11, 17-8). Ambrì Piotta senza Conz, Hächler, Dufey, D’Agostini, Burren e Regin (tutti infortunati); Friborgo privo di Desharnais (straniero in soprannumero), Kamerzin, Chavaillaz e Jobin (in soprannumero). Pali: 30’22’’ Bürgler, 55’47’’ Bianchi. Al 58’46’’ timeout chiesto dal Friborgo, che gioca senza portiere dal 59’00’’ al 59’26’’ e dal 59’48’’ fino al termine. Premiati a fine partita, quali migliori giocatori in pista, Reto Berra e Dominic Zwerger.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved