TSITSIPAS S. (GRE)
0
DJOKOVIC N. (SRB)
1
2 set
(3-6 : 6-6)
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
9924
2
LucHC Lions
9797
3
Sparta Becherovka
9519
4
thibault_gav
9399
5
TrigoAce1
9389
6
Team Belozoglu
9376
7
FHM2223
9361
8
HC Kaski Male
9280
9
Team7
9234
10
Poitu
9203
ULTIME NOTIZIE Sport
Hockey
13 ore

Tre punti d’oro per un affarone: l’Ambrì espugna Langnau

I biancoblù colgono un importantissimo successo nell’Emmental e fanno 4 su 4 contro i Tigrotti in stagione. Decisivo l’apporto della prima linea
CALCIO
15 ore

Aliseda all’ultimo respiro, il Lugano strappa un punto al Gc

Partita senza grosse emozioni che si chiude con un pareggio tutto sommato giusto e accettabile da entrambe le squadre
Basket
17 ore

Domati i Leoni ginevrini, Sam all’ultimo atto

A Montreux il Massagno di Robbi Gubitosa non stecca e si qualifica per l’ultimo atto di Coppa della Lega
Sci
21 ore

Shiffrin ancora davanti a tutte: 85esima vittoria per lei

La statunitense vince anche fra i paletti stretti di Spindleruv Mlyn e ora tallona Stenmark. Terzo posto per Wendy Holdener.
Tennis
22 ore

È Aryna Sabalenka la regina d’Australia

La bielorussa fa suo il primo Slam dell’anno. Battuta in finale, in tre set, Elena Rybakina al termine di una sfida durata due ore e mezza
Sci
22 ore

Rientro riuscito: Odermatt fa suo il primo superG di Cortina

Il nidvaldese non lascia scampo alla concorrenza. Ad accompagnarlo sul podio il norvegese Kilde (secondo a 35 centesimi) e l’italiano Casse
Basket
1 gior

Quasi 4 milioni per una maglia di LeBron James

Cifre da capogiro per l’asta di New York. L’oggetto più ambito la casacca indossata nel 2013 dal cestista
Calcio
1 gior

‘Carmelo Bene, male tutti gli altri’

In un libro di recente pubblicazione vengono raccolti alcuni degli scritti a sfondo sportivo firmati da un maestro del teatro italiano del Novecento
IL DOPOPARTITA
1 gior

Il Lugano ci prende gusto. ‘Però cerchiamo di badare al sodo’

Quarto successo filato per i bianconeri di Gianinazzi, che si confermano anche contro l’Ajoie. Il coach. ‘A me, però, la prima mezz’ora è piaciuta meno”
Altri sport
1 gior

Pattinaggio artistico, bronzo europeo per Lukas Britschgi

Lo sciaffusano grazie al miglior programma libero della carriera sale sul podio di Helsinki, alle spalle del francese Siao Him Fa e dell’italiano Rizzo
Hockey
1 gior

Il Lugano non si ferma e liquida anche l’Ajoie

I bianconeri, ora a 55 punti, non hanno lasciato scampo ai giurassiani, piegati 5-2 alla Cornèr Arena.
ciclismo
1 gior

Peter Sagan si ritira dal ciclismo su strada

Lo slovacco, triplice campione del mondo, da fine stagione si dedicherà unicamente alla mountain bike
volley
1 gior

Per il Lugano c’è lo Pfeffingen prima del derby

Sabato il campionato al Palamondo, domenica i quarti di Coppa Svizzera a Bellinzona
CALCIO
1 gior

‘Ci ho sperato, ma si capiva che la china portava al fallimento’

Miodrag Mitrovic deluso e arrabbiato per la fine dell’Fc Chiasso: ‘Qualcuno, per assurdo, in questa situazione ci ha pure guadagnato’
CALCIO
1 gior

Negli Stati Uniti Copa America a 16 squadre

Nel 2024 il torneo si disputerà negli Usa con dieci compagini sudamericane e sei provenienti dalla Concacaf
05.03.2022 - 22:10
Aggiornamento: 06.03.2022 - 18:21

Cinque volte Lugano, e il Friborgo è al tappeto

Sotto gli impulsi di Thürkauf e grazie alle doppiette di Carr e Loeffel e al gol di Herren i bianconeri di McSorley costringono la capolista alla resa

cinque-volte-lugano-e-il-friborgo-e-al-tappeto
Ti-Press/Piccoli
Thürkauf e Carr hanno tutti i motivi per esultare

È un sabato di soddisfazioni per Chris McSorley e il suo Lugano. Dopo uno scontro con il capolista Friborgo che i ticinesi sono costretti ad affrontare senza Troy Josephs, uscito malconcio dalla trasferta a Losanna e che deve così cedere il posto in seconda linea a Justin Abdelkader, mentre Herburger fa il suo ritorno nel lineup assieme a Boedker in terza linea. Così Shane Prince, l’ultimo acquisto bianconero, deve pazientare ancora.

La prima vera occasione della serata è sul conto di Calvin Thürkauf: al 4‘ lo sgusciante numero 97 riesce a ritagliarsi dello spazio nell’angolo e poi s’accentra, portando il primo pericolo dalle parti di Hughes, titolare di serata nel Friborgo vista l’assenza di Reto Berra, squalificato un turno per uno sleale colpo col bastone all’attaccante svedese dello Zugo Anton Lander. L’iniziativa di Thürkauf dà vita a un buon momento offensivo per i ticinesi, che però non riescono più a rendersi davvero minacciosi. Il Friborgo risponde con due pericolose iniziative firmate DiDomenico e Marchon. Ma il pericolo più grosso per Fatton arriva al nono minuto: disco perso nel terzo bianconero e dopo un altro tentativo del solito DiDomenico, il portiere bianconero è costretto a superarsi per dire di no a Sandro Schmid. Ma la gioia del gol, quella è per il Lugano: intelligente tocco di Boedker nell’angolo che prende in contropiede due avversari, e l’illuminante assist al centro di Arcobello trova il liberissimo Yannick Herren, che al 13’35’’ segna il suo secondo gol in bianconero, dopo aver festeggiato il primo martedì a Losanna. E non finisce lì: Abdelkader riesce a resistere alla pressione di due avversari, poi Carr scarica il puck a Loeffel che non lascia scampo a Hughes: è il 2-0 al 14’44’’. A quel punto, il famoso "momentum" è dalla parte degli uomini di McSorley e Thürkauf al 16’37’’ segna anche una terza rete, in powerplay (fuori DiDomenico per bastone alto), ma il tocco col gomito del numero 97 non sfugge ad arbitri e telecamere. Poi tocca ad Arcobello fallire di un niente il possibile 3-0, con gli ospiti che nel finale provano a reagire ma vanno a sbattere addosso a un determinato e determinante Thibault Fatton.

Il 3-0 ticinese, però, alla fine arriva. In avvio di secondo, tempo quando il solito Thürkauf prova a mettere pressione sulla porta, e nonostante la presenza fisica di Gunderson il talentuoso centro del Lugano riesce a impegnare seriamente Hughues, il quale riesce sì a metterci una pezza, ma nulla può sul secondo tentativo dell’indisturbato Daniel Carr al 21’54’’. A quel punto, Christian Dubé piazza Loïc Galley tra i pali al posto di Hughes, nel tentativo di dare una scossa alla sua squadra. E al diciannovenne friborghese il lavoro non manca, con i bianconeri che a quel punto provano a mettere più dischi possibili sulla porta. Sull’altro fronte, il primo pericolo per Fatton arriva al nono minuto, ma Marchon non riesce a sfruttare l’occasione. Al contrario, offensivamente il Lugano non perdona: e così, a cinque minuti e mezzo dalla seconda sirena, dopo l’ennesimo spunto di un indemoniato Thürkauf, che prende in velocità Dufner e poi resiste al suo tentativo di rientro, Daniel Carr conclude un rapidissimo 2 contro 1 per firmare la doppietta.

Il 4-0 sembra mettere definitivamente in ginocchio i primi della classe, anche se poi al 42‘21’’, in situazione di superiorità numerica, la squadra di Dubé riesce a segnare il primo gol, grazie a una deviazione col pattino di Killian Mottet. Quando però, in mischia, a meno di sette minuti dal termine Rossi trova anche il 4-2, una partita che sembrava trascinarsi stancamente verso il suo epilogo ritrova un improvviso sussulto. A rimettere definitivamente le cose a posto per i ticinesi pensa però ancora Romain Loeffel, al 57‘59’’, con una conclusione sulla porta di Galley deviata involontariamente dal canadese David Desharnais.

Lugano - Friborgo (2-0 2-0 1-2) 5-2
Reti: 13’35" Herren (Boedker, Arcobello) 1-0. 14’44" Loeffel (Carr) 2-0. 21’54" Carr (Thürkauf, Guerra) 3-0. 34’29" Carr (Thürkauf, Müller) 4-0. 42’21" Mottet (esp. Herburger e DiDomenico) 4-1. 53’10" Rossi 4-2. 57’59" Loeffel (Boedker/autorete Desharnais) 5-2.
Lugano: Fatton; Alatalo, Riva; Löffel, Müller; Chiesa, Guerra; Wolf; Fazzini, Arcobello, Morini; Carr, Thürkauf, Abdelkader; Boedker, Herburger, Herren; Bertaggia, Walker, Stoffel; Traber.
Friborgo: Hughes (dal 21’54" Galley); Gunderson, Jecker; Sutter, Chavaillaz; Diaz, Dufner; Kamerzin; Sprunger, Desharnais, Marchon; Di Domenico, Schmid, Mottet; Brödin, Walser, Jörg; Rossi, Haussener, Bykov; Bougro.
Arbitri: Piechaczek, Hungerbühler; Progin, Duarte.
Note: 5’068 spettatori. Penalità: 3 x 2’ contro il Lugano; 4 x 2’ contro il Friborgo. Tiri in porta: 37-23 (13-10, 17-6, 7-7). Lugano senza Schlegel, Vedova, Josephs e Fadani (infortunati); Irving e Prince (stranieri in soprannumero); Friborgo senza Furrer, Jobin (infortunati), Rantakari (straniero in soprannumero) e Berra (squalificato). Al 16’34" rete annullata a Thürkauf (tocco con il gomito). Al 59’30’’ traversa colpita da Arcobello. Premiati a fine partita, quali migliori in pista, Daniel Carr e Loic Galley.

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved